9 maggio 2018

A Trieste due appuntamenti dedicati al commercio equo e solidale

el sunto Sabato 12 maggio in Piazza Cavana ci sarà la Fiera del Commercio Equo e Solidale del Friuli Venezia Giulia.

Conoscere e sostenere un’economia che rispetta le persone e l’ambiente: è questa la filosofia del calendario di appuntamenti proposti dal Coordinamento Regionale delle Botteghe del Mondo del Friuli Venezia Giulia che aderiscono alla seconda edizione della Giornata e Fiera del Commercio Equo e Solidale del Friuli Venezia Giulia: l’evento è realizzato in coorganizzazione con il Comune di Trieste, e con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia (previsto dalla Legge regionale n. 23/2014).

La manifestazione si snoderà in due appuntamenti principali, nel periodo che va dal 9 al 12 maggio, così da dare la giusta visibilità sia ai risultati di questo settore, oggi in piena trasformazione, che alla varietà e qualità della sua offerta commerciale: spazio quindi sia ai contenuti sia ai prodotti di “un’altra economia” – prodotti che si distinguono oltre che per i contenuti di sociali anche per il rapporto qualità prezzo, davvero competitivo.
Il primo appuntamento, l’incontro con due protagonisti di rilievo nazionale ed entrambi testimoni d’esperienze d’innovazione sociale, celebra il 9 maggio, la giornata regionale del COMES (Commercio Equo Solidale): l’incontro si svolgerà a Trieste, presso la Sala Bobi Bazlen di Palazzo Gopcevich, alle 17.30.
Sabato 12 maggio, in Piazza Cavana a Trieste, si svolgerà invece la Mostra Mercato, con la partecipazione delle Botteghe del Mondo e realtà di economia solidale da tutta la regione FVG, con laboratori, degustazioni, musica e animazione.
Nelle giornate di giovedì 10 maggio e venerdì 11 maggio, sempre in Piazza Cavana, sarà già operativo uno stand d’informazioni sull’evento e sulle attività del sabato: lo stand sarà tenuto da tanti volontari delle diverse Botteghe, che danno il loro contributo alla riuscita della manifestazione.

L’INCONTRO mercoledì 9 maggio, Palazzo Gopcevich (17.30)
La giornata regionale dedicata al COMES promuove una campagna di sensibilizzazione sui valori fondanti del Commercio Equo e Solidale, un modello organizzativo il cui obiettivo è un’economia più giusta. Tra i principi fondamentali: creare opportunità per i produttori svantaggiati, la filiera trasparente, la garanzia di un prezzo equo, l’assenza assoluta di sfruttamento minorile, la parità di diritti tra uomini e donne, la libertà di associazione, la difesa dell’ambiente e della biodiversità.
Il 9 maggio si comincia a Palazzo Gopcevich (Sala Bobi Bazlen, ore 17.30) con l’incontro dal titolo Ghetto Italia? Il contributo del commercio equo e solidale al riscatto dei braccianti agricoli. Intervengono Jean Pierre Yvan Sagnet, fondatore dell’Associazione No Cap, una delle organizzazioni più importanti nel nostro paese nella lotta al caporalato e allo sfruttamento umano e ambientale nel mondo agricolo, e Pietro Fragasso della Cooperativa Pietra di Scarto che a Cerignola, in provincia di Foggia, coltiva pomodori e olive su terreni confiscati alla criminalità organizzata.
Il confronto sarà moderato da Cristina Sossan di Equo Garantito, l’Assemblea Generale Italiana del Commercio Equo e Solidale che monitora le organizzazioni italiane di Commercio equo e ne promuove i valori attraverso la carta italiana dei principi e la realizzazione di attività di sensibilizzazione e advocacy a livello locale e nazionale.
Partendo dall’esperienza di Sagnet e Fragasso di questi anni, si farà il punto su come stiano cambiando le cose – un cambiamento nel quale la rete nazionale del commercio equo solidale svolge un ruolo di primissimo piano e sul quale sta sviluppando una nuova identità, legata alle nostre regioni, allo sviluppo sostenibile e alla valorizzazione dei produttori locali. La lunga esperienza maturata in anni di attività internazionale diventa oggi fondamentale nello scenario economico nazionale, diffondendo un nuovo approccio all’agricoltura, alle attività stagionali e alle aree svantaggiate, proponendo un modello inclusivo, basato sulla legalità e la trasparenza delle condizioni dei lavoratori, e sulla valorizzazione di prodotti, tecniche e sapere squisitamente locali.

LA FIERA, sabato 12 Maggio, Piazza Cavana (dalle 9.00 alle 20.00)
Si prevedono una quindicina di espositori da tutto il Friuli Venezia Giulia e un programma vario di workshop e piccoli laboratori che animeranno la Piazza per tutta la giornata.
Gli stand avranno in vendita prodotti alimentari e di artigianato provenienti da tutto il mondo e da progetti di Solidale Italiano; saranno presenti realtà che portano avanti esperienze di economia solidale in Friuli Venezia Giulia; e sarà presente anche la Cooperativa Sociale Quetzal di Modica, da anni impegnata nella produzione di cioccolato modicano equo, solidale e biologico; lungo tutta la giornata la fiera sarà animata da attività diverse – laboratori gratuiti sul riciclo, letture animate, approfondimenti e degustazioni.

IL COMMERCIO EQUO IN ITALIA: I NUMERI
I dati forniti dal rapporto annuale di Equo Garantito mostrano che il Commercio Equo è ancora molto radicato e presente sul territorio italiano. Questi i dati 2016 delle organizzazioni in Italia:
– 225 punti vendita e 6 punti di ristorazione,
– 28.000 soci che animano le realtà del Commercio Equo,
– 4.500 circa i volontari,
– oltre 500 dipendenti di cui il 65% donne.
Si tratta di un settore in grado di generare un volume annuale d’affari del valore di oltre 73 milioni di Euro, mentre si rafforza di anno in anno il legame con i produttori selezionati: basti pensare che il valore delle importazioni dirette dai produttori, 15.846.414€, continua ad aumentare, rispetto ai quasi 13milioni di euro nel 2015, mentre erano meno di 12milioni nel 2013.
I produttori nel mondo in partnership con gli importatori Equo Garantito sono 200.
I produttori sono:
– in Asia, ben 94 produttori con il 41% di importazioni dirette
– in America Latina – 74 produttori che hanno la più alta percentuale di importazioni dirette soprattutto prodotti alimentari e grandi quantità dei prodotti simbolo del Commercio Equo e Solidale come banane, cacao, caffè, zucchero di canna
– in Africa 30 produttori con il 12% delle importazioni un continente in cui le tante difficoltà, come la carenza di infrastrutture per i trasporti e la produzione, continuano ad avere impatto negativo sulle relazioni commerciali e sui costi dei prodotti
– Nel 2016 sono stati inseriti 10 nuovi produttori che non avevano contatti pregressi con importatori italiani e sono stati visitati 66 produttori per attività di sostegno commerciale, formazione, valutazione etica.

Qui per info sul rapporto annuale di Equo Garantito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *