Pupolo di Marco Englaro
8 maggio 2018

A un omo che no val gnente ghe vol ‘na dona che val ‘ssai

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

A un omo che no val gnente ghe vol ‘na dona che val ‘ssai: xe per sto scopo, che ‘l Sior paron del “Paradiso Terestre” vista la falopa fata col prototipo Adamo, de la serie “Omo “, el se ga messo subito in moto per fabricar, come meio el podeva, la seconda serie denominada “Dona”, prototipo Eva.
Per consolarse del strafanic’ che ‘l gaveva ‘pena fato el Paron ga pensà “meio cocolo che bel” e, dato che, chi prima riva ben alogia, l’Omo xe mas’cio e la Dona no ga de portar le braghe.
Va ben che le robe riessi a seconda del material che se dopra, ma quel de la prima serie, xe stà proprio el massimo del minimo!
– “Ma, benedeto sior Paron, perchè con tanta grazia de Dio a vostra disposizion, gavè doprado fango e no oro? No podevi farve consiliar? (…!)
– “ Logico che xe meio un aiuto che zento consili! “ (…!)
– “Ah, xe vero! Vu sè un solo e un de solo no pol far tuto! E cossa gavè pensado che sto afar de chebe – che gavè butà su a la va là che la va ben – ve gavessi podù darve ‘na man se ghe ne saria stà bisogno?” (…!)
-“ Pardon, so ben, che Vu no gavè bisogno de ‘na man…ma saria stà meio no sbandierar in giro de gaver fato l’omo a vostra imagine e somilianza! No gavevi un speceto per vardarve… magari un stagneto, come Narciso?” (…!)
-“ Ah, no volevi corer ‘l ris’cio de inamorarve de vu stesso! Ma cussì la somilianza xe proprio andada a farse benedir…ma come se fa a no ricordarse che a chi vien fora del fango ghe piasi el fango?” Ghe ne gaveria ‘ncora de robe de dir, ma sicome mi no son na criticona, no digo gnente perchè diria tropo! “
Per fortuna che ‘l Sior Paron gaveva capì de boto che sbaliando se impara e cussì ‘l ghe la ga messa tuta per miliorar la seconda serie! Via i pei che no servi, organi genitori messi ben pulito drento e no a pindolon per aria, panzeta ben mobiliada per logiar piceti e no solo far “crepitus ventris”, do zize per dar late co cori e no tacade sul peto per bela figura e un zervel conzegnado de gaver zento pensieri per volta e no un solo (imagineve qual!) come l’Omo. E cussì la Dona ga dovesto de balin rangiarse de sola, come che ne lo disi qua, siora Eva:
Me sveio e me trovo vizin un mamaluco, che ‘l me varda co do oci de sepalessa! – “La se volti subito e la me passi quela foia de figo, che me coverzo!” E lu, de rimando: – ” No son miga el suo servo! La me iuti inveze a zercar una de le mie costine, che no la trovo più!”
El zerca una de le sue costine!? Vara là, dove che son capitada! Vizin a un scartozo che’l bazila drio de ‘na corba, co’ tute quele che ‘l ga ncora! Ma xe logico, cossa mai podevo spetarme! A vardar ben sto mondo el xe tuto sbalià! Xe proprio vero, roba del Comun roba de nissun!! Ma cossa xe sto posto con più aqua che tera, sto ziel che na volta ga sol e do volte ga piova, ste stele che se vedi e no se vedi, ste bestie una diferente de l’altra e po’, no ghe ne parlemo, sto…O-m-o!
E in quel che stago mugugnando sora de le mie disgrazie ‘sto mato no ‘l taca a girarme intorno come un can a l’osso! Va ben, va ben, go ‘sta sua costina, ma no cori far tanta vita, no ‘l se miga meterà in testa che per sto motivo mi me tocherà meterghe el tabaro in naftalina de istà e cusirghe i busi nei pedalini de inverno? E ‘desso… ufa! Ma cossa el fa? – ” Ma… sior Adamo, per piazer, la meti zo le man che no me va de esser tocada, e specie de estranei! … Che no stago a far ….?! Ma cossa, la credi de esser el solo omo a sto mondo? La vardi che ghe conto tuto suso in alto! … Ah no eh, anca se per suso in alto va ben, anzi che va fato regolato, no xe dito che me devi andar ben anca a mi! Zò le man go dito, ma la lo vol capir?! … No! No, go dito de no… Ma la xe mato? Farme la man morta… che no la se permeteria n’altra volta! Oh sumo, dai! No ‘l me volerà miga incantonar, digo?!”
E adesso cossa fazo? O scampo o…. – “Ma dai Adamo, per favor, sta bon che go anca un fià de mal de testa! Adamo, per piazer, go dito ‘sta bon… no Adamo, noo… oooh! E queeel…? Un.. pooomooo? Ah, come che xe vero, xe tuto bon quel che manda el Signor!”.
Che San Giusto ve vardi!

Tag: .

3 commenti a A un omo che no val gnente ghe vol ‘na dona che val ‘ssai

  1. Fiora

    “nol se miga meterà in testa che per sto motivo mi me tocherà meterghe el tabaro in naftalina de istà e cusirghe i busi nei pedalini de inverno?”
    Cossa la prima zà feminista la iera?

  2. giorgio (no events)

    anche se me gà costà fadiga leger tuto fin in fondo (la verità mi fa male), go ridù tanto

  3. Fiora

    …se no altro con questo aserto diamo ala dona quelo che è dela dona, orpo !
    mica belo che per tuti i locali…locali da ani anorum ci cantino dosso quela cativeria che ” l’omo xe come un angelo ,la dona xe come la vipera” .
    Oddio se per angelo intendemo pampèl che se ingossa col primo pomo che i ghe ofri ….la vipera asurgi a serpente del paradiso terestre e la canzoneta ghe pol star

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *