Pupolo di Marco Englaro
4 maggio 2018

Magnar ben per bon: polenta conzada

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

La polenta conzada xe na rizeta fazile, fazile, ma tanto bona de lecarse i mustaci. Un piato de magnar anca de Quaresima perchè col bon xe bon, no xe un pecà , ma una bontà!!

Cossa se dopra
Tuto roba bona anca se no camina, vola o strissa. Defati un vecio proverbio cinese disi che “tuto quel che vola, camina o strissa, xe de portar in tola”. E xe vero, perché fra le piante, che sta ferme, se trova i tossighi più potenti e anca fra i pessi, che i nuda, de velen ghe ne gavè na bela sielta. Desso che savè na robeta de più sul star al mondo, ciolè:
1/4 DE FARINA DE POLENTA;
1/2 LITRO DE LATE;
2 LITRI DE AQUA;
2 CUCIARI DE OIO EXTRA VERGINE DE OLIVA;
UN PIZIGO DE SAL.

Come se fa
Metè a boir l’aqua e ‘l late col pizigo de sal. Co taca el boio, buteghe drento a piova la farina de polenta (se volè esser dei veri “gourmet” meteghene metà farina giala e grossa e metà bianca e fina). Zontè l’oio e missiè per quaranta minuti. Zerchè de preparar la tola prima, perché co la polenta sarà cota el brazo ve farà un mal boia e ‘l gaverà sì e no la forza de portarse el piron in boca.
La fine più gloriosa de sta polenta la xe col butiro squaià e formaio de gratar, ma no corerè el ris’cio de rovinar el piato, se magnerè la polenta anca col gulas o col brodeto de pesse ma, ocio de soto, che sia pesse che nuda no digo rente riva a Barcola, ma almanco in Adriatico!
Se no gavè 40 minuti de tempo, scolteme a mi, doprè la farina de polenta confezionada “precotta”, e gaverè el piato pronto in oto minuti, sempre se gavè el conzier za pronto!
Ah… dimenticavo, vardeve ben del magnar la polenta coi “usei a la veneta”, perché go compena leto su un giornal che la polenta coi usei a la veneta pol sbassar la “rendita potenziale e la velocità dei spermatozoi ne l’essere umano” … sarìa come a dir la vendeta dei usei ?!
Ben, bon, per dirla a la triestina: “i scrivi sta roba solo per insempiar la gente”.
E che bori, basi e buzolai no ve manchi in piato mai!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *