Pupolo di Marco Englaro
24 aprile 2018

Ciacole no fa fritole: el fungo cinese

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Mama la iera terorizada de le malatie e cussì, co la sua bela tessera la ‘ndava a l’INAM (come che se ciamava in quela volta la cassa malati) ogni do per tre e ‘l dotor per farla contenta – gran bon diavolo el iera – ghe dava Soluzione Shoum, Casacara Sagrada, Balsamo Sloan – come a dir tute robe che se no ghe fazeva ben no ghe fazeva gnanca mal!
Per sta ragion, un dei giorni più bei de la sua vita, xe sta co siora Lina la ghe ga portà el tocasana del secolo! L’amica de na sua amica, che la iera amica de la molie de un dotor (no in medizina, in economia e comercio me par) la ghe gaveva dà un ninin de fungo cinese pena rivà del Giapon (che ghe lo gavessi de sicuro portà anca Toio, ma in quela volta el iera za defonto sul mercantil fora de Kobe: no, no fondà… mal gialo, come in quela volta se ciamava l’iterizia, che po’ ‘desso me par ghe se disi epatite).
Sto fungo “cino-niponico” el viveva e cresseva int’el tè col zucaro po’ quel tè se lo beveva e ‘l fazeva star ben chi stava mal e guariva chi iera san, ben, bon qualcossa zircumzirca cussì.
Mama ga tacà a bever ogni giorno sto tè e varda là, miracolo, la ga scominziado anca a star ben che mai, la iera anca ingrassada come (grazie al zucaro!), ma a fine dopo guera le ciciotele gaveva ancora una certa considerazion fra i omini, xe proprio vero che bel no xe ‘l bel …ma quel che piasi!
Nona, che se sa, la bazilava un pocheto, la gaveva anca ela scomincià a bever quel sbrodaus e co la sua bela cichereta l’andava a ciuciarselo pian pianin in saloto. Vara là, za dopo la prima bevuda la stava meio. Come a dir la iera più contenta, la rideva e anca la cantava quela canzoneta de l’anel me xe cascado in mar, pescador vamelo a pescar, eccetera eccetera.
E mama a veder sto miracolo de la medizina oriental la ga tacà a cruziar mio fradel, Richeto, che – come tutti i muli a la sua età – el iera carigo de brufoli: “Bevi, Richeto” la ghe diseva “che te farà passar tuti sti brufoli! Bevi, dai, che anca a nona ghe fa ben! Nooo? Ti no te ghe vol ben a tua mama, un ioz, te prego!” E cussì anca Richeto, dopo un per de giorni, el gaveva alzà le man e verto la boca.
Un bel giorno nona no ga volesto più saverghene de sto tè. E mama no capiva el perché, fin a che no la ga scoverto che tuta la trapa int’ela credenza del saloto la iera finida, perché nona la la gaveva doprada :”Perché senza un poca de bumba quela roba ghe fazeva de rimeter, perchè ela no la gaveva fisime per la testa come quela mata de su fia!”
A Richeto, inveze, ghe iera sparidi i brufoli. No per merito del fungo ma del boscheto… dove Richeto gaveva scominciado a ‘ndar a sbasuciarse co’ l’ Adele, la nipote de siora Lina.

E che San Giusto ve vardi!

Tag: .

Un commento a Ciacole no fa fritole: el fungo cinese

  1. Fiora

    e desso me piaseria rievocar quei fermenti che se missiava col late per far yogurth in casa. le babe se lo passava come el santissimo come ‘desso la pasta mare, vecia de ani anorum che bisogna rinovarla e guai a lassarla fora del frigo , tipo rito iniziatico, cossasomi!
    sto yoguth fato in casa coi fermenti e late passà ‘ntel passabrodo, vigniva o a gropi o restava liquido e vigniva anche a costar de più ,ma volè meter? deghe ala picia, diseva mia nona ,che xè roba genuina no pastrociada (seee proprio!) e tute do ,mama e nona le me lo fracava zò pel gargato cola promessa de portarme a veder in cinematografo ( per la decima volta!) la Principessa Sissi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *