23 aprile 2018

Le mule de Trieste le xe più omini dei omini

el sunto Dialogo tra un triestino e un friulano su come debba rivolgersi un innamorato a una ragazza triestina. Tratto dall'Amor al tempo del refosco.

In anteprima, uno dei dialoghi del libro “L’amor al tempo del refosco“, di Laura Antonini e Stefano Bartoli, in libreria e online a 9 euro. Una rivisitazione comica triestina del famoso Cyrano de Bergerac, ambientata nella Trieste del 1918 a cavallo tra Austria-Ungheria e Italia.

Questo il primo incontro tra il protagonista, Libero, innamorato segretamente di Eugenia, e Valerio, il bel friulano di cui Eugenia è innamorata e dal quale si aspetta una lettera. Ma Libero dovrà spiegargli come rivolgersi a una ragazza triestina…

– ‘Genia speta una letera. Scrivighe subito, stasera.
– Non vedo l’ora. Una lettera, perfetto. So parlare d’amore come nessun altro. – e vardando el sofito, come se el fussi pien de stele, el taca a decantar poesie al’aria – “Lei che con quel volto d’angelo caduto per errore qui tra gli uomini mi ha rubato il cuore. Lei che con i suoi occhi rapisce l’invidia della fanciulla più perfetta. Ma basta ardire a pensare a lei. Che i miei pensieri non intacchino la purezza della quale gode.”
Libero, scioca’, lo ferma.
– Oh no!
– Che c’è?
– Go dito mi. El parla come un pampalugo.
– Pampalugo?
– Me sa che ti a furia de magnar kukuruz te se ga brusa’ el zervel.
– Vi assicuro che nessuno meglio di me sa mettere i sentimenti su carta. I miei versi lasciano incantate moltissime fanciulle. – ghe rispondi Valerio, indispetido.
– Questo podessi andar ben per le babe dei paesi tui. Ma con le mule triestine ghe xe diferenza.
– Come, non capisco…
Con un enorme sforzo de pazienza Libero prova a spiegarse, parlando lento come se el parlassi con un muleto picio.
– Se te ghe parli ale triestine in modo sufistico come che te piasi a ti, le te varda malamente e le te fa serar in frenocomio a san Giovanni. Le triestine xe mule de pratica e no de filosofia, no le se va a cior un omo mamaluco. Le mule de Trieste le xe più omini dei omini. Le vol esser desiderade. Te devi scriverghe quanto che le xe bele, cossa che te fazessi se te le trovassi sole. E, se te ghe lo disi in triestin, xe meio.
– Ma come… – continua a no capir Valerio, ma Libero insisti.
– Zerto le fa le ofese prima, ma più le se rabia più te ghe piasi. Adesso te devi scriverghe come che te go dito.
– Non posso. Mi vergogno troppo.
– Te son una bronza coverta alora. Poco fa no te fazevi el timido. – disi Libero, infastidì.
– Ma con gli uomini è facile. Con le donne è tutta un’altra cosa.
– No sta far el pisson, orca!
– Non so parlare in quel modo a una donna.
Libero se va a ricior el bicer ancora pien.
– Se gavessi el tuo bel viso gavessi podu’ parlarghe mi.
– Se sapessi prenderla con passione…
Al che a Libero ghe passa in mente un’idea. Libero varda Valerio, el vin, Valerio e ancora el vin. Valerio se varda la camisa pensando de gaverla sporca.
– Scolta. – ghe fa Libero – Te iuterò mi. Ti dame la tua beleza. Mi te darò el mio coragio.
– Ma che dici? – ghe domanda Valerio, che no ga capi’.
– Te son capace de ripeter quel che te digo mi? Insieme la faremo inamorar… te ghe sta?
– Ma Libero…
– Tanto te sarà ti che te se la sbrazolerà, te la baserà e indiferente… alora, te vol? Mi meto le parole e ti i labri! Mi a ti e ti a mi.
– Ma come faccio a scriverle? Lei vuole una lettera. E io non so parlare in triestino.
– Ecola la tua letera! – risolvi Libero, tirando fora la letera che el ghe gaveva preparado per ‘Genia. Valerio la varda stupi’.
– Ma come…
– Ghe vol solo che te la firmi. Te ghe la mandi e xe tuto fato. E la xe in dialeto per de più.
– Così voi avete…
– Gavemo sempre in scarsela letere pronte per qualche mula. – spiega Libero poco convinto – La tegnivo pronta nel caso servissi. Tienla ti! Te vederà, sembrerà che la sia scrita aposta per ‘Genia.
– Come ringraziarti, amico mio! Vado subito, mandi!
Libero sussulta e squasi spandi el vin.
– Eh, scolta…
Valerio, che iera za fora de la porta, se ferma e se gira soridente.
– Sì?
– Sta roba del mandi vedi de cavartela subito. No xe vista de bon ocio de ste parti.
– Certo, grazie! – Valerio fa de novo per uscir, ma Libero lo bloca.
– Eh, un’altra roba… – el ghe disi serio – Sta ‘tento a su mama.
– La mamma?
– La signora Daniza Valentich. Se no te ghe piasi a ela, te ga fini’ de viver.
– Certo! Grazie, grazie Libero! Mandi!
-Te savessi dove che te mandassi mi…

L’amor al tempo del refosco si trova in libreria a Trieste, Monfalcone e Gorizia e anche online.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *