17 aprile 2018

Prima de far ‘na volta per sempre…

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Prima de far ‘na volta per sempre se devi pensarghe ben de sora: cussì diseva mia nona bonanima, ma in quela volta el solo modo per liberarse del marì o dela molie iera quel “a la taliana” , val a dir che, per tornar a esser puti, se l’altro no moriva per combinazion, tocava mazarlo per bon! Eh sì, nei matrimoni iera (e ve xe) tuto un indovinar!
Ogidì no xe più gnente de compagno, anzi xe tuto sotosora! Per dirve una, fin a pochi ani indrio (e cossa ve xe 50 ani visavì l’eternità?) a le putele no ghe iera miga permesso tuto come ai mas’ci. E no stemo parlar de robe tipo el… sesso! A parte che iera una parola cussì scandalosa de no poder gnanche pensar senza far pecato, a sufiarghela int’ela recia ai fioi ghe pensava el pare che, el più dele volte, el portava el povero picio a impratichirse in quele case, che i ghe diseva serade, ma che inveze per i omini le iera ben che verte! In quel che le povere putele, stressade de la mare, ghe tocava la sorte de le vestali col problema del fogo sacro: star ben ‘tente de no molar una robeta ciamada “imene” che nissun, a parte i ginecologi, se ricorda più gnanca che esisti e che la iera più che sacra fin a che no le se fossi sistemade con un bravo omo, possibilmente sior.
Però, e qua ve voio, in quela volta no ghe iera, fra mule e muli, tuto sto remitur de matrimoni tira, para e mola e, vara là, sto mola rivado squasi sempre dopo el fatidico sì e, magari, un per de mocolosi su la gropa. Ma cossa femo coi fioi, ma quai? I tui, i mii o i nostri? Dividemo tuto, tuto sì, ma el gato, la tivù al plasma, el computer? E nassi roba de strazacuor, penseghe al povero gato, el resterà co la molie int’ela casa che lo ga visto nasser o ghe tocherà andar a viver in sala aspeto de la stazion, col marì butà fora de casa? Sì perchè almanco in tuto sto zavai ‘desso xe i omini che i ghe rimeti e no le done, che prima de andar in leto ogni sera le doveria ringraziar el Signor che ghe xe stada finalmente riconossudo el dirito al voto, el divorzio e la pilola! Una volta anca un omo che no valeva gnente se cioleva ‘na dona che valeva ‘ssai e ‘l iera a posto per la vita, ma ‘desso no xe miga dito che co l’omo xe drento de la porta bisogna tegnirlo drito o storto che ‘l sia, perché xe passai i tempi del “meio che gnente un marì vecio!” E xe cussì che a sti poveri ometi de ogidì no ghe resta altro, come prima del ‘68, che l’uxoricidio, cussì almanco i vivi qualche aneto a sbafo in galera ma … volè meter? Vendicadi de la ex che ghe ga rovinà la vita… insoma suqai ogi come ieri, dai!
Alora, coi problemi che se incontra ogni santo giorno, ghe vol vardar de manco i difeti l’un de l’altro, i sentimenti ofesi, e altre robe che no impignissi el piato in tola, ma pensarghe ben che col “per” diventa ugnolo, i bori che vien in casa se dimeza e le spese diventa el dopio, e dove prima ghe iera do che stava ben, dopo ghe xe do che no riva a tirar ‘vanti la careta.
Sicome i matrimoni no i xe come che se li fa, ma come che i riessi, no xe meio far un poco de sacrifizio e restar in do, anche se lu’ xe rimasto un lole de late, egoista e papuzer e ela la xe una criticona co le man sbuse e no la sa gnanca cusinar ben come che fazeva mama? E inacorzerse prima, no??
E lora done mie ricordeve che un fià de marì no sta mal e anca se na bona molie fa un bon marì, prima de meter le zavate de un omo soto el vostro leto dovè pensarghe, come go dito prima, ben de sora, perchè le pute pianzi co un ocio e le maridade con tuti do. E voi omini? Ah, ah, ah…xe finide le bubane!!
E che San Giusto ve vardi!

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *