16 aprile 2018

Nate dei refoli de bora: primo magio del 45

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

PRIMO MAGIO DEL ‘45

Bogdan,
no ‘l tien più la zapa in man
ma el s’ciopo e in testa
un clabuc co ‘na stela,
rossa come ‘l sangue,
su la fronte.
El nono de “Viva l’Austria”
rànzidido,
lu’, partigian sfegatà de
“Zivio Tito”.
El xe giovine, smargiasson,
“Trst je naš” el ziga
marciando su
per Piaza Granda
fra tuti quei che, come lu’,
no sa ‘ncora ben cossa far
de sti triestini.

Comitato i fa,
in osteria sentadi
davanti a un bon bicer
de Malvasia Istriana:
“Nema problema,
li portemo far ‘na caminada
a Basoviza
e zò, senza fadiga
e omo al mondo che li trovi
mai.”
Ma la guera putana
meti in mostra le sue vergogne
sempre.
Edda Vidiz

magio

CUOR E SANGUE

El cuor de Trieste
el bati nel Gheto
fra piere schincade
e muri refadi.
Fantasmi de ieri
e zente de ogi
missiai fra de lori
respira nel tempo
el vento che tira.
El Gheto
pien de vite e de storie
intrigade
del tempo che iera
e del tempo che xe,
xe cuor e sangue,
memoria e domani
per la zità.
Graziella Semacchi Gliubich

UNA GIORNADA PIENA DE ALEGRIA
In cassetin la salvo ‘sta giornada
che la xe stada piena de alegria,
de sol, de verde, de amicizia e pase
perché oramai nissun me la ciol via.

Za tante altre ghe xe là serade,
coi bei ricordi, a mia disposizion,
che quele brute, le cative e amare
le go butade tute in scovazòn.
Laura Borghi Mestroni

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *