13 aprile 2018

Magnar ben per bon: sopa de bira a la gnoca

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

Co’ sta riceta ve porto indrio ai tempi andai, per conosser un piato stravecio, tanto che pareria el sia sta portado in tola a Trieste za nel Quatrozento.
Parlo de la sopa de bira “a la gnoca” perché, per quela nostrana, ghe voleria zontarghe ai rossi de ovo un quarto de smètina. E mi no voio gnanca pensar de costrinzerve un doman a bagnar de lagrime la balanza! Ben, bon per quatro fondine de sopa ve toca doprar:

1 LITRO DE BIRA PILSEN
4 ROSSI DE OVO
UN NININ DE CANELA
UN CUCIAR DE ZUCARO
GRATADINA DE SCORZA DE LIMON
CROSTINI DE PAN BRUSTOLAI

Metè a boir a pian la bira, che spiumerè de sovente e po’ zonteghe drento la gratadina de limon, la canela e ‘l zucaro. Lassè boir ancora per un fià de tempo: giusto el tempo che ve servi par sbater i rossi de ovo. Tirè via la pignata del fogo e missiando ben sul serio, andè a zontarghe i ovi. Sbatè ancora stracheben e po servela sora dei crostini de pan che gaverè za messo prima a spetar int’ei piati, che senza crostini no se fa “sopa” ma solo bira sbrodigada!
Gnente paura se dopo magnà doverè andar via co’ l’auto, col boio l’alcol svampissi , e podè guidar a oci serai. No, no per carità, dismentigheve dei oci serai…meio tegnirli ben ‘verti, rispetando i limiti de velocità, i semafori e senza ciacolar al telefonin, ma stando ben tenti a la strada, che’l pericolo xe sempre sconto drio ‘l canton. E a volte anca davanti!

Che basi, bori e buzolai no ve manchi in piato mai!

Tag: .

Un commento a Magnar ben per bon: sopa de bira a la gnoca

  1. Fiora

    sta rizeta me par talmente strana e foresta, propiamente gnoca, che sibèn che bira no la bevo , istesso la vojo provar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *