12 aprile 2018

Voleria far l’ator: scherzi a parte

el sunto A teatro, l'ultima replica del spetacolo xe sempre l'ocasion giusta per tirar qualche scherzo. Eco el podio dei meo!

L’ultimo sipario. El tramonto del spetacolo. Che momenti! Che aria strana, no xe spuza, xe tension. Ogni sera el spetacolo xe diverso, cambia sempre qualcossa el publico xe diverso e l’ator lo senti. L’ultima sera senza gnanca saver chi xe sentà in platea se sa che sarà emozionante, squasi come solo la prima riva a eser. Quel giorno nassi sempre qualcossa!
L’ultima replica xe tension perché xe come se fussi sempre el primo aprile! Semo nel mese giusto per parlar de scherzi! Te ga de star tento perchè come te se movi, come te verzi boca qualchidun in scena podessi petarte un scherzo. Gavemo zercà ma no gavemo trovà l’origine storica de sto fato, ma continueremo a indagar e domandar a chi sa più de noi per capir, ne intriga. Quel che savemo xe che xe tradizion!
Se fa a gara a chi ga l’idea meio, la più cativa. L’obietivo xe far rider in scena el tuo compare durante una scena tragica o co no’l se speta. Xe una bela roba, te fa star concentrà fin l’ultimo minuto.
Alcuni xe classici per cussì dir, se li vedi speso. Se qualchidun ga de leger una letera o un foio in scena te ghe dà un do che te ga scrito porcherie o el più comune “mona chi legi” per farlo sconcentrar, farghe le bocace dale quinte mentre el varda per caso verso de ti durante un monologo, ma questi xe per chi no ga fantasia e vol esser cocolo. I machinisti e atrezisti anche se da de far, l’ultima no te se pol fidar de nisun.
Contandove el pecato e no el pecator ve contemo alcuni a cui gavemo assistì sperando de no farve capir quando o in che spetacolo xe suceso cossa, anche perché el viz xe che el publico no se ga de corzer, el spetacolo no ga de risentir dei scherzi: DE SCIOU MASS GO ON.
Gavemo fato una classifica dei 3 meio.
In terza posizion trovemo un scherzo semplice ma funzionale, xe dificile no reagir. Do giovini bei e inamorai che dopo varie gelosie e remitur riva finalmente a combinar un incontro soli (no, no iera “Romeo e Giulietta” ma i amori tormentai a teatro piasi). Xe el momento dela dichiarazion d’amor, pensè che xe anca la quindizesima volta che sto disgrazià se dichiara ma devi esser come la prima. Lu xe in genocioni con la manina de ela fra le sue, el ghe confesa un amor senza fine e el speta sognante la risposta de ela che sarà un “sì”. Ela se sciogli intun soriso e la sfogia un dente nero! Xe impegnativo no rider o restar impassibile, epur quela volta ghe ga tocà.
L’argento se la merita el pignaton de jota, che ogni sera l’ator trovava pronto in tola e che po dopo varie discusioni el doveva portarse via rabiado senza ofrirghela a nisun. Lu de bravo interprete el strassinavia via sto benedeto pignaton stando tendo de no spanderla fora del covercio, la pignata de scena oviamente iera svoda. La sera del’ultima fedele al suo ruolo el ga ciapà la pignata col solito moto svelto, e squasi no ga rivà alzarla dela tola tanto pesante che la iera! Per una frazion de secondo el se ga blocà stupì e po ga continuà sfrutando anca quel momento a favor de personagio. SCIAPÒ.
Ma el più bel, e xe l’unico dove nissun ga riva a mascherar anca la più picia reazion, una comedia, de quele che fa rider e pensar, che finiva una grande festa e un bel brindisi de grupo con tuti i personagi. Più de qualchidun gaveva parti cantade e dopo due ore el brindisi finale iera un momento agognà, quel bicer de aqua, che doveva sembrar un vin sai ciaro iera una manna. Quela sera ierimo felici e tristi de gaver finì, iera andà tuto ben el publico iera contento. L’ultimo brindisi xe stà indimenticabile, perché se gavemo butà zo inconsapevoli un sorson de grapa de casa! Nissun se ga rabià, l’atrezista giogherelon ne ga dà grapa bona. Meno mal se ga subitò serà el sipario e se ga riverto per gli inchini più storti che gavemo visto, ierimo tuti a stomigo svodo!
E fora clasifica ve contemo, come cigliegina sula torta, un momento per noi epico che ne ga segnà se ben no fussi un scherzo volù ma un sbaio! No iera gnanca l’ultima replica.
Tragedia, momento catartico, el scontro. Do fazioni in guera, xe un momento de grande tension noi fazevimo parte dei gueriglieri atacavimo de scondon l’esercito del re. Lori doveva rivar drento e sguainar le spade pronti per lotar fin la morte, e noi entravimo subito al loro gesto. Questo vol dir che quando i primi entra ti se son za in quinta sconto, pronto per entrar con la tension e le armi za in pugno e a un metro de ti xe questi che te gira difronte. Uno dei soldati del re (e no diremo che xe el nostro amico Alex) quela sera se gaveva vestì de furia, iera za el secondo cambio costume, e tra guanti, armature e imbraghi iera dura starghe drio; entra tuto cativo e ne riva quasi tacà ala quinta vardandone malamente, el meti una man ala spada pronto a sguainarla e el zuca, ma la spada no esci e al secondo strato el ne punta contro una spada con tuto el fodero e la cintura che pica! Inveze de rabiadi semo entradi squasi ridendo. El se gaveva inganzà mal la spada e no ga rivà estrarla e nela foga se ga sbregà de dosso fin la cintura! Le sere sucesive gavemo provà e replicar ma lu se controlava che la spada uscissi del fodero sempre prima de entrar.
Ve sembrerà una monada ma noi gavemo ridù per giorni!
Voi de spetatori gavè mai sgamà un scherzo dei atori?
Se vedemo fra quindise giorni, se no decidemo de farve un scherzo!

P.S. Comunicazion de servizio: i muli Laura e Stefano ga da poco publicado el loro primo libro: L’amor al tempo del refosco. Una storia d’amor, vin e furlani ambientado nela Trieste del 1918, tra Austria-Ungheria e Italia. Lo trovè in libreria a 9 euri o anche comodamente strucando qua.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *