9 aprile 2018

Nate dei refoli de bora: onda drio onda

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

ONDA DRIO ONDA

Un mariner che ‘l me ga dito torno
ga lassà el mio cuor andar a fondo,
nel mio peto ‘desso solo un svodo
che ‘l sperar impignir no ‘riva.

Onda drio onda porterà al scoio
come polena de nave a la deriva,
‘na striga de mar col mio cuor al colo
per farse bela col ventisel sul molo.
Ruberò quel che xe mio del suo bel peto
e se ‘l suo canto saverà de amaro
e’l tempo che passava e no passava
tornerà per mi bater forte e ciaro.

E tornerà el sol a brilar alto
e un ragio andarà drento le onde,
drento le onde falische come stele
‘torno le stele come manto el ciel.
E ciel e mar sarà tuto una roba
e in mezo, in mezo luserà Trieste,
e mi no sarò mai più cussì triste
e‘l suo ricordo no saverà de sal.

Edda Vidiz

LA TERZA ETA’

Ghe iera do veceti, zo in Marina,
sentai sul sol che i amirava el mar,
la vera, bona razza triestina,
‘torno i novanta e i stava a ciacolar.

“Pensar che me par ogi e iero picio,
‘ndavo a vardar le barche con papà;
presto me tocherà sburtar radicio,
ma coss’ che me dispiasi andar de là!

No sentir la carezza del borin,
no vedèr sora e soto ‘sto zeleste,
le bele mule piene de morbin,
el verde intorno, no miràr Trieste!”

“Ah,sì, compare mio, SIA PUR TACADO
MAGARI A LA CADENA DEL CONDOTO,
MA SU ‘STA TERA, son afezionado,
perché meio xe star sora che soto”.

‘Sta frase no gavevo mai sentido,
la vol dir niente e pur la vol dir tuto,
perché se tanto diol che sia finido,
no xe po’ el nostro mondo cussì bruto!.

Laura Borghi Mestroni

LOTAR PER LA PAGNOCA

Un albero selvadigo
xe el primo a fiorir
nel mio giardin
strento fra le case.
Ne l’erba ancora seca
becheta do merli
in zerca de vermi,
spiadi un fià più in là
de un gato nero,
che za se leca i bafi
sperando in un pranzeto.
Un refolo improviso
fa scampar i usei
in una piova de bianchi petali
che spela i rami.
Se ga salvado i merli,
el gato se stiracia indiferente.
Xe una picia storia
vecia come el mondo,
lotar per la pagnoca
no xe una novità.

Graziella Semacchi Gliubich

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *