3 aprile 2018

Nate dei refoli de bora: le pinze

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

LE PINZE

Presto Pasqua xe in arivo,
con un salto me distrigo
che in botega, soto, in strada,
xe de pinze una butàda.
Ma le xe senza colòr
senza aroma nè savòr
e le ga l’aria malada
con ‘sta carta involtizada.
Le ghe iera per Nadàl,
Capodano e Carnevàl,
perchè ormai xe tuto istesso
po’ ‘sta storia del progresso.
Passa feste e passa i ani,
tuti i giorni xe compagni.
Una volta ne le case
se perdeva anca la pase;
remitùr iera in cusina
con i ovi e la farina.
Se sentiva per Trieste
el profumo de le feste;
se vigniva pinze bone
iera gloria per le done,

se la pasta non levava
iera Pasqua rovinada.
Ma me ciapa nostalgia!
Voio farle in casa mia!
Tra sufiòni e brontolade
“Bazilàr per ‘ste monàde!”
Go impastado fin de sera
pezo de una lavandera.
Po’ nel forno: “Mama mia!
Le sarà de butàr via?”
Tanto mal no xe nissuna
ma imbriaga la par una!
Dò schincade xe in colomba,
tre xe tonde ben a bomba,
e a la fin dopo sfornade
le xe soto un fià brusade.
Un odòr caldo quel giorno
el se spandi tuto intorno.
Che le sia come le sia…
Ma xe Pasqua in casa mia!

Laura Borghi Mestroni

IN OSMIZA
Sera de agosto
impastada de caldo
inargentada de la luna…
Ziti stavimo
senza trovar parole
involtizai
nel cantar dei grili.
Passava sora de noi
la stagion più bela
e no savevimo
che ‘ssai presto
svola tuto via.
I biceri svodi
sul tavolaz de l’osmiza
ciamava vin,
contava de una sede
che no volevimo
distudar…

Graziella Semacchi Gliubich

CLOCE DE SAVON

Cloce de savon,
piumete de oca
le mie poesie
cussì picete e sute,
ch’el vento
no sfadiga de portar
de quà e de là
senza bazilar.
E mi
le lasso andar,
tanto, drento de mi,
l’anima xe piena.

Edda Vidiz

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *