30 marzo 2018

Voleria far l’ator: che sfiga!

el sunto Tutti hanno i propri scongiuri contro la "sfiga". Ecco quelli del mondo del teatro ed ecco perché non si usa il viola. E i vostri?

Ghe credè ala sfiga? Qualchidun dirà de no, altri de sì, ma se nassi qualcossa tuti ziga “Che sfiga!”. Xe chi no passa soto le scale, chi spargi sal intei cantoni de casa, chi che fa un giro de la malora se ghe traversa la strada un gato nero, chi se toca co passa una moniga, chi no verzi l’ombrela in casa.

Ma i atori xe pezo che pezo. Nissun ogi credi ala sfiga ma tradizion vol che se fazi tuta una serie de robe, che no se sa mai, per scongiurar radighi. Se te casca el copion in prova te ga de ingrumarlo e sbaterlo tre volte in tera, el copion rapresenta el spetacolo e se casca quel ris’cia de ‘ndar tuto mal durante el spetacolo. Quela del’augurio iniziale ve la gavemo za contada (Merda! Merda! Merda!), ma ghe ne xe milioni, ghe xe ‘sai fantasia, se te inciampi entrando in scena xe sicuro che te rodola la lingua in boca, guai verzer un ombrela in scena, fis’ciar men che meno perché xe come ciamarse quei del publico (co se apreza un spetacolo se bati le man, ma se no te piasi te fis’ci e te ghe fa “buuu” ai artisti co i vien fora ai saluti finali. Desso xe uso fis’ciar anca co piasi, come in stadio). Passar soto le scale dei machinisti, far girar le careghe su un solo pie, ociar el publico drio del sipario prima de iniziar porta grane.

Famoso xe el drama scozese, el Macbeth de Shakespere, quel si che porta sfiga! Se disi che el primo ator che lo ga interpreta gabi tirà i crachi sul final (ma questo no se sa se xe vero, no se pol saver). Sicuro xe che Orson Welles xe sta stronca dei critici e che Vittorio Gasmann se gabi spaca’ le costole durante le prove nel ’84, capirè che no la piasi sai.

E la savè quela del viola?
I atori lo ga in odio quel color. Vittorio De Sica, Charlie Chaplin (per citar do fra i meio), no iera i soli che no i soportava el viola a teatro. Savè el raporto tra teatro e cesa no xe stà sempre fazile, no per niente i atori iera sepelidi in teren sconsacrado. I Padri della Chiesa zà nel III sec. d.C. gaveva zercà de bandir el teatro, secondo lori iera adorazion de divinità pagane. Po nei secoli successivi xe stado vietado de esibirse in Quaresima. Quaranta giorni senza ciapar nau, senza magnar. Desso che semo in setimana Santa gaverè visto come che xe vestidi i preti e come tuto xe adobà in cesa, xe tuto VIOLA.

Ogi come ogi xe verto anca Zazzeron a Pasqua e Nadal, no sererà miga i teatri, ma pezo che pezo xe gaver in palco qualcossa che ricordi un periodo de magra, porta sfiga! No ste regal violete ale atrici el giorno de la prima, ve le tira drio. Cossa volè, ve gavevimo dito che i atori xe tacadi ale tradizioni. Desso a dir la vera verità ghe xe anca qualchidun che el meti el viola dapertuto, per scongiurar come.

Queste xe alcune delle fisime che ga i atori co i lavora. Po ognidun ga la sua, xe chi basa el pavimento prima de entrar, chi meti le mudande porta fortuna, chi se spruza un profumo particolare, chi no parla con nissun, po te se pol imbater drio le quinte nei più strani amuleti, insoma tuti fa qualcossa per portarse ben.
E voi? Semo curiosi de saver cossa fè per tegnir lontan la sfiga.
Se vedemo fra quindise giorni (se no sarà el tredici).

P.S. Comunicazion de servizio: i muli Laura e Stefano ga da poco publicado el loro primo libro: L’amor al tempo del refosco. Una storia d’amor, vin e furlani ambientado nela Trieste del 1918, tra Austria-Ungheria e Italia. Lo trovè in libreria a 9 euri o anche comodamente strucando qua.

Tag: , .

2 commenti a Voleria far l’ator: che sfiga!

  1. Davide

    mi per scaramanzia ma anca precausion me tiro so el bavero quando che vedo pasar el sindaco!

  2. Fiora

    Jessumaria,ma cossa recitar ‘ntel Macbeth porta sfiga poco via che dormir una note ‘ntel castel de Miramar?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *