Pupolo di Marco Englaro
30 marzo 2018

Magnar ben per bon: geladina de Pasqua

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

Co le Pasque iera quele dei tempi andai e le auto iera un lusso che pochi i se lo podeva permeter, le famee triestine le andava de massima in gita torno a Trieste, come a dir: Monte Radio, Montebel, Opcina e San Giovani, andove tute le tratorie le ofriva come augurio pasqual un piato de geladina.
A parer mio sta geladina xe un piato senza savor, senza odor e senza color (a parte l’ovo duro e la foieta de lavarno per de sora, che xe guarnizion, più che altro) ma tradizion, orpo, xe tradizion e se la vien ‘na volta l’ano…beh, femo sto sforzo! Eco, a parte un diese orete e passa de pazienza, cossa ve servi:

geladina2 PIEDINI DE PORCO*
1 ORECIA SEMPRE DE PORCO
1/2 SCHINCO DE VEDEL
UN BIC’ DE SAL
1 FOIA DE LAVARNO
TANTI OVI DURI,
QUANTO LA METÀ DEL NUMERO DELE FONDINE**
UN FIATIN DE PEVERE***

*Mi so ben che, per scassinar, ghe vol piede de porco grande, ma qua parlemo de cusina, no de svaligiar ‘na banca!
**Come a dir: tanti mezi ovi duri quante xe le fondine.
*** Se proprio volè far i spandosi.

Co gavè tuto a man, netè pulito i piedini e l’orecia de porco badando ben de tirar via tuti i pei (che i pol servir per far i penei pici, ma no la geladina).
Metè piedini e ‘recia in aqua freda col bic’ de sal e fe boiuzar tegnindo sempre el fogo basseto. De tanto in tanto deghe una sgrassadina al brodo… che no’l fazi le mulze!
A metà cusinada zontè el schinco e fe boiuzar ancora. Co ‘l schinco sarà tenero e ‘l brodo ben fisso, tirè via del fogo, sgrassè de novo el brodo, che dopo tuto sto zavai doveria esser ben che geladinoso.
Preparè int’ele fondine (meio se un poco sbrecolade, che fa tanto vecia osteria de Cici) la carne taiada a pici tocheti, fracandola ben, e per de sora la guarnizion de lavarno e mezo ovo duro, e coverzè ben sta roba co la geladina ancora calda.
Lassè sfredir ben prima de meter le fondine int’el frigo, per far diventar el tuto ancora più duro.
E dato che no semo a Nadal ma a Pasqua, godeve la festa con chi che volè!
… “Cossa? George Clooney? No, me dispiasi, no ‘l xe ne la lista, e po’ desso el xe un fiatin impegnà!” … “Gnanca Brad Pitt, el ga de starghe drio ai fioi! “ … “Scamarcio? Nooo, el pranza co’ mama…..e po el va subito a butarse!“ … Ma cossa, devo dirve tuto mi? Ben, bon passè la Pasqua insieme a tuti quei che ghe volè ben sul serio e…

Che basi, bori e buzolai no ve manchi in piato mai!

Tag: .

Un commento a Magnar ben per bon: geladina de Pasqua

  1. Fiora

    Un amarcord de papà mio, siora Edda! siben che comerciante impegnà tuto el giorno in botega el gaveva sta passsion per la cusina…che mi no go de sicuro eredità!
    Bon, lu’ fazeva geladina per Pasqua proprio con tuti i crismi e i carismi come che la la ga spiegada lei. Anzi el se vantava, altro che quela geladina in pirola che no val un boro!
    Mi no magnavo e anzi me stomigava un poco sta spuza che sentivo per tuta la cusina…
    Ogi ,rilegendo e ricordando me fa una volta de più l’efeto madeleine. A Proust ghe ga bastà tociar quela barcheta de biscoto ‘ntel tè per dar la stura ai ricordi e componer un maton…pardon un monumento dela leteratura. A mi me basta leger sta rizeta dela geladina per ritrovar el mio mondo felice de quando che iero picia e Papà mio vegliava su de noi come el Faro….una lagrimeta!
    Grassie e Bona Pasqua!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *