Pupolo di Marco Englaro
23 marzo 2018

Magnar ben, per bon: sardoni in savor

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa spignatade de Edda Vidiz

Ogni primavera i torna a farse vivi a Barcola i stra che boni sardoni barcolani, tanto che a Trieste se disi che i muli, per impatar le mule, no i ghe fa la corte ma… i ghe buta sardoni! (ocio, che xe solo un modo de dir perché, se ben ricordo, ai mii tempi noi mule preferivimo fiori e quanto ai sardoni… solo quei in un bel ristorantin vizin al mar e un fià de luna piena). Ben, bon tornemo in cusina!
Ogi più che de sardoni in savor (no quei barcolani, che i xe una fiaba anche solo friti), ve parlerò sora de tuto del savor, perchè col savor podè far no solo i sardoni, ma tuto el pesse frito che volè… dato che tociar int’el savor branzini, sfoie e orade saria de merloti. Mi no me va de discuter sui gusti dei altri, ma no posso far de manco de dirve che, se propio no xe tempo de sardoni podè doprar sardele, sgombreti, angusigole o barbonzini (saria triglie, no i do cagneti de siora Iole).
Mi ve dago la solita riceta per quatro de lori, ma se no ve bastassi, ricordeve che più pesse frizerè, più savor doprar doverè (me xe vegnù sto grizolo de dirvelo in rima!). Spero anca che tuti gavè za soramanigo per frizer ‘l pesse, cussì mi vado drita a dirve come far un bon savor triestin, senza dover preocuparme de altro.
sardoni in savorBen, bon a parte el pesse, per ‘l savor ve servi:
1 KG. DE ZIVOLA TAIADA SOTILIETA;
2 BICERI DE ASEDO BIANCO (GOTO DE UN OTAVO, NO STIFEL DE BIRA);
UN PER DE FOIE DE LAVARNO;
2 CUCIARI DE OIO EXTRA VERGINE DE OLIVA;
SAL E PEVERE IN GRANI.
Come che se lo fa: Metè l’oio int’ una fersora larga co’ la zivola e un tintinin de sal, coverzendo subito tuto. Col sal la zivola mola presto la sua aqua e cussì, dopo pochi minuti, poderè tirar via el covercio e cusinar ‘vanti, stando ben ‘tenti che no la se tachi. Missiè sovente, che se no la zivola pol tacarse e scurirse tropo: gnente paura, zonteghe un sluc de aqua e tirè ‘vanti. Co la zivola ve diventa morbida, trasparente e color de mula dopo un mese de bagno ai Topolini, ghe butè drento l’asedo co’ un bicer de aqua, el lavarno e ‘l pevere. Alzè el fogo per darghe un scosson de boio e po’ sbasselo e lassè soboir fin che ‘l liquido el se sarà smezado
In una piadina distirè una cuciarada de savor, e de sora un strato de pesse, po’ altro savor e po altro pesse e po’ altro savor fin a che xe finì el pesse e squasi tuto el savor. Perchè l’ultimo tiro devi esser de savor più rico de zivola e tuta l’aqua restada in fondo.
Fata la xe anche questa, no ve resta altro che andar in tola, ma co un altro piato pronto, perchè dopo tuto sto lavor, per esser veramente un piato degno de sto nome, el pesse in savor ga bisogno de ciapar fià almanco un giorno e voi ris’ciar de dover insister, come mia mama co la portava in tola qualcossa che no ne piaseva, “che bon che xe, ga tuti i gusti” in quel che marì e fioi i ve va a magnar un bocon al fritolin soto casa.

E che bori, basi e buzolai no i ve manchi in piato mai!

Tag: , , .

Un commento a Magnar ben, per bon: sardoni in savor

  1. Fiora

    ” color de mula dopo un mese de bagno ai topolini” fantastica definision! Un termine de paragon belisimo e reversibile ‘ntel senso che ala mula in question se pol farghe un complimento original.
    Ciò te xe color zivola pel savor, in quel che la se onzi de qualche impiastro misterioso, che no se trova in comercio. Robe per intenderse che i fazeva in farmacia de Piaza Venezia. riceta segreta, al bergamoto .ustion garantida, chissà se color più intenso.
    Bona la drita che ‘ntel savor se possi petar anche altri pessi. Mai savesto e gnanche mai pensà.
    De provar!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *