19 marzo 2018

Nate dei refoli de bora: la girandola de le done

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

LA GIRANDOLA DE LE DONE
Un giorno de primavera
go portà in piaza Granda i fioi
A ciapar el primo tepido sol
de la nova stagion.
Pareva festa con tanti muli
tuti imborezai
che coreva de qua e de là
fra svoli de colombi spaventai.
La girandola che qualchedun in man
tigniva, girava col borin
e i colori dei petali se confondeva.
Cussì xe la vita
– go pensado – piturada
de gioie, dolori, impegni e lavori
che gira veloci
ne la corsa cominciada come un zogo
che ‘desso xe sfrenada
e che se fermerà
quando el vento cascherà.
Per tuti la vita xe una girandola,
ma più per le done
che tanti afani ga
e tante ocupazioni,
che in casa e fora no ga mai finido,
che ‘ssai le godi o le se cruzia
per tuto quel
che capita in t’el nido.

Graziella Semacchi Gliubich

EL PESO DE L’ AMOR

Camina do done su per riva,
la giovine co un paco in man,
la vecia co un peso su la testa
e la camina come ‘na regina,
che la sa ben de rivar in zima.
La giovine va vanti
a testa bassa,
la varda le formigole che passa:
tute co’ un peso grando più de lore.
E Trieste
se verzi soto i oci:
meza la brila al sol
bianca e rossa
come un soriso de felicità,
meza, in ombra,
la ga l’aria triste de putela
che no la sa ancora,
se doman,
la sarà una dona bela.

A spetarlo l’amor
xe un grando peso,
ma a portarlo
xe grando anca de più.

Edda Vidiz

PAPRIKA E MORBIN

Xe proprio un piato el lesso
‘na solfa che no cambia
de giorni strassinai:
la sera le papuze,
el video e la poltrona,
i giorni prefestivi
l’amor dopo el cotecio,
domenica, in final,
xe i gnochi e ‘l pisoloto
la meritada fraia del bon lavorator.
Per daghe el gusto al lesso
perrò basta una zonta
de senape o de cren
e subito el diventa
picante e stuzighin;
cussì, pur a la vita
se devi sempre darghe
un poco de sàvor.

Laura Borghi Mestroni

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *