15 marzo 2018

Voleria far l’ator: l’amor al tempo del Refosco

el sunto Dai prossimi giorni in libreria il primo libro di Laura Antonini e Stefano Bartoli, una storia d'amore triestina vissuta ai tempi della Grande Guerra

Leger ne fa viver in altri mondi. Leger un copion, un testo teatrale, no xe imediato, ghe vol capir el mecanismo. No xe un libro, no ghe xe tante descrizioni, xe uno scambio de batude tra personagi (no nel senso de barzelete, le batude teatrali pol esser anca ‘sai tragiche, come per Amleto che el se dispera).
Xe diverso, ma istesso bel. Anca co te legi un copion te se imagini cossa nassi e te rivi viverghe drento. Xe testi belissimi, pieni de poesia, i te fa sospirar co te li legi e se te vol far l’ator te vien voia de meterli in scena e fargheli veder a tuti, diventar quei personagi e sentir quel che senti lori. Ma pol capitar, viceversa, che te senti frasi per strada, ricordi de tua mama, litigi tra morosi, e te se convinzi che forsi anche quel gavessi de esser fato veder e scoltar ai altri. La nostra xe una necessità: contar storie, viverle per farghele viver anca a chi che varda.
Per fortuna fantasia no ne manca e gnanca spunti. Alex, che xe con noi in compania, povero ga un naso che fa provincia (no che a Stefano ghe vanzi, ma come Alex no lo ga nissun) e un giorno vardandolo ben ne xe vegnuda un’idea. Perché no scrivemo un testo che cioghi in giro el naso? Purtropo per noi, ghe gaveva za pensa Rostand 120 ani fa, col ga da vita a Cyrano de Bergerac, un poeta col nason. Sì, ma questo no ga basta a farne cambiar idea, noi gavemo una roba che Edmond no gaveva: noi gavemo Trieste, la sua storia e el suo dialeto. Semo partidi cussì, po per condir meio el tuto, in pignaton gavemo zontà qualche storia de familia de Laura, la sua bisnona e un furlan.

Se gavemo divertì scrivendo, e ‘ncora de più a legerlo, gavemo provà a meterlo in scena e nissun ne ga tirà gnanca un pomidoro. Alora gavemo provà, costreti de Consuelo, a veder se de sta bela storia se podeva far qualcossa de più o se la iera destinada a viver intun caseto. E cussì zerca e rizerca gavemo provà e riprovà, ciapà tanti no e qualchidun ga ‘ncora de risponderne. E per poco gavevimo anca pensà de lassar star. Ala fine, come nei film americani xe rivà un (più sonà de noi) ciapà del testo, el ne ga dito… savè cossa? Ve publico. De no creder; quel che xe nato come un sfogo ogi xe un libro:
L’AMOR AL TEMPO DEL REFOSCO edito de Bora.la, el nostro primo fio.

Visto che no volemo racontar tuto ve lasseremo cola curiosità.
Ma ve podemo dar qualche anticipazion. Se parlerà de amor, guera, vin, furlani… curiosi? Noi no vedemo l’ora de saver cossa ve par. Lo troverè in libreria dai prossimi giorni, e se volè saver de più controlè sul blog che presto saveremo la data dela prima presentazion, dove legeremo qualcossa iutadi anca da qualche colega.
Se vederemo fra quindise giorni, o in libreria o ala presentazion se ghe sarè.
Laura e Stefano
p.s. tegnì de ocio el blog e feisbuk che ve faremo saver tuto a breve. Se propio no rivè spetar 2 giorni per ciorlo in libreria, lo trovè za su amazon strucando qua.

Tag: , .

6 commenti a Voleria far l’ator: l’amor al tempo del Refosco

  1. Fiora

    Muli,senza niente cavarghe al onlain per libri mi me piasi ndar in libreria. là dela cesa de santAntonio o drio el Tergesteo o de Lovat, via Mazzini.Indiferente. Vardo, comento cole mule, giusto un bicc. Pel raporto umano, che l’algido strucaboton no pol dar…
    E po’ a dirsela ciara devo svelenarme de l’ultima impirada de acquisto on line de giorni fa.
    Un taiarami cussì longo, pesante, mastodontico e complicà ch’el me par un ‘arma impropia, che me volessi el patentin per doprarlo.
    Dirito de re-cesso? e come no?! solo ch’el cadò me lo ga fato un dal estero cola sua carta de credito. Insoma un casin! per ‘desso lo tegno là in pie in canton e lo guardo con odio, mostrandoghe la lingua e i corni. Riverà ben qualche noze de gente che gabi giardin .Ghe lo riziclo novo novente e fazzo un figuron!
    Tutto ciò esposto, speto de comprarme ” L ‘ AMOR…”… in libreria!

  2. Fiora

    …sto taiarami monstre lo gavevo stivà in vertical contro un armer con disgusto, in atesa de più idonea colocazion .Zinque minuti fa el se ga tombolà sora un tacapani a… albero de fero che nela cascada ga coinvolto un tavolin ikea col vetro per de sora,spacando el vetro a ris’cio de invalidarme pel resto dei mii giorni. verità, giuro!
    Meio comprar taiarami de brico, libri in libreria e refosco? in spaceto!

  3. giorgio (no events)

    Fiora, xe sempre rilassante e confortante (“mal comune, mezzo gaudio” se disi in italian) leger le vostre storie, Ma el tavolin de Ikea lo gavè comprá su internet?

  4. Fiora

    eh no, Giorgio! tavolin sielto sul logo, portà a domicilio de mi medesima e montà pel poco che serviva.
    E infati de bravo soldatin …svedese el ga resistì al asalto del corazier germanico …rimetendoghe solo el vetro

  5. giorgio (no events)

    (now events)
    Bon, bel lavor: comprà in libreria e leto. All’inizio xe stà un poco de fadiga, ma dopo gavèr sentì el ritmo dele batude e imaginandose le scene, xe stà un bel leger, tanto che ala fine me gà emozionà come el primo Cyrano de Rostand che gò visto.
    Bravi

  6. John Remada

    Ghe manderemo un libro al compagno lula…..anche due , visto el canon che el devi magnarse….He,he,he….Un saluto ,caro Giorgio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *