13 marzo 2018

Ciacole no fa fritole: Lina la orba

el sunto Ciacole no fa fritole, storie e pensieri in dialetto triestino, ogni martedì

Siora Lina la stava scrolando le straze fora del balcon in corte, co el postin ghe ga portà el cablo co’ su scrito ben pulito che Toio, su marì, el iera defonto a bordo del mercantil fora de Kobe. Come che la ga leto sta bruta, ma propio bruta nova, la ga molà un zigo che ‘l ga fato corer, co’ un remitur de mati, tute le babe dela casa. E dopo xe stà tuto un ‘vanti e indrio e un gran ciacolar in contrada, fintanto che la nave la xe tornada indrio de Kobe col povaro defonto Toio, in iazera , duro come un bacalà.
Prima, durante e dopo el funeral siora Lina no la ga fato altro che pianzer a calde lagrime contandoghe a tuti, tra un singhioz e l’altro, come che ‘l iera bravo e bon el suo povaro defonto Toio. “Che Dio ghe brazi l’anima, pase a l’anima sua, che mi pase no gavarò mai più!”
– El tempo xe un gran dotor – ghe diseva mia mama Roseta per consolazion – vederè che prima o dopo ve troverè un bon omo…
– Mai, mi…mai! – rispondeva la Lina, tuta ofesa come – che diventassi orba se dovessi rifarme el leto co’ un altro omo…
– No stè a dir cussì e no steve disperar – se meteva de mezo nona co un soriseto, perché a ela el Toio ghe iera sempre sta su le scatole de quela volta che ‘l se gaveva dismentigado de portarghe del Giapon el Balsamo de Tigre.
E siora Lina de rimando – Mai, mi…mai! Che diventassi orba el momento, che solo pensassi, de lavarghe le calzabraghe a un altro omo!
E Toio, in montura bianca de sotoufizial de marina mercantil, el ghe sorideva tuto contento de la foto che siora Lina tegniva ben in vista sul sgabel de la camera de leto.
Ma la carne xe debole e siora Lina la iera giovane e anca ‘na bela dona. Cussì un bel giorno la foto de Toio ga scominzià a star più sul roverso che sul drito, come per pudor che Toio no la vedessi girar per casa in disabiliè …
Po’ drento un fora l’altro, no ve digo e no ve conto le ciacole de le babe, fin a che Toio el xe sparido int’una vecia scatola in fondo el sgabuzin e, tuti in contrada, ga festegiado el matrimonio de Lina la Orba… anca se la gaveva ‘na vista de aquila!

A la prossima e per intanto …che San Giusto ve vardi!

Tag: .

4 commenti a Ciacole no fa fritole: Lina la orba

  1. Fiora

    “le ga el marì che naviga…”ah sta qua la gaveveva…? bon indiferente!

  2. Fiora

    ” che diventassi orba…” Per sti voti padreterno gnanche no se volta indrio e anche la cesa se alinea col capo.
    Anche Lucia dei promessi sposi gaveva fato voto de farse moniga , ma el frate ghe ga dito lassemo perder e li ga sposai.

  3. Fiora

    Cresète e moltiplicatevi, altro che restar in canton a fifar ! ga valso per Lucia Mondela come per Lina Orba

  4. Fiora

    mejo gaudeamus igitur che …pianzer el morto, ga concluso l’Orba Vegente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *