12 marzo 2018

Nate dei refoli de bora: resentai de la luna

el sunto Appuntamento del lunedì con la poesia in dialetto triestino e l’omaggio alla bella Trieste dei tempi andati.

RESENTAI DE LA LUNA

Go impicado i pensieri
a ciapar aria
fora de la finestra,
su le corde per la lissia,
li go tacadi
coi ciapini bianchi
de le ilusioni.
I sventola pigri
e i se rinfresca
sburtadi
de i refoli de la vita
che ogni tanto qualchedun
me porta via.
Dentro li tirerò doman,
voio che stanote
li resenti la luna.
I se farà de argento
come i mii cavei
che ga perso l’oro
propio per lori.

Graziella Semacchi Gliubich

SARDONI E SARDELE

Mi no digo che i branzini
no me piasi e no sia fini;
no i xe cari e xe assai boni
pel mio gusto anca i sardoni:
che panai col radiceto
e una zonta de vin s’ceto
xe qualcossa de special,
meio ancora che el cavial.
In savor, po, le sardele,
xe per tute le scarsele,
ordinarie che le sia,
no le xa de butar via.
Perché infin le robe rare
naturàl che le xe care,
basta dir che el bacalà
iera un tempo a bonmercà,
venerdì con la polenta
se magnava anca una brenta.
Ogi el costa tanti bori
che xe roba per i siori
(ragionando col zervèl
el magnar xe sempre quel).
Ghe xe tuto relativo
sia nel bon che nel cativo
che a la fin zerti valori
no xe solo in mezo ai siori;
se pol far ‘na bela fraia
anca con la minudaia.

Laura Borghi Mestroni

PER QUALCHE ETARO D’ISTRIA

Per quante ostrighe
el mar possi dar
fia de pescadori
colana de perle
no ga portado mai.
Solo el meio
de la povera gente
la ga avù in dota:
un sen per strucolar
undise buti de ‘na tera
de dove el mar
se indovina apena.
E come l’onda
parti de la riva,
buta la rede un giovine
e ‘l sospira.
Pianzi,
chi xe andada sposa
per sete vache grasse
e un toro nero,
baratando la felizità
per qualche etaro d’Istria.

Edda Vidiz

Alcune delle poesie raccolte a cura di Edda Vidiz e Graziella Semacchi Gliubich sono tratte dal libro “Nate dei refoli de bora”.

Tag: .

Un commento a Nate dei refoli de bora: resentai de la luna

  1. Caudio

    belle, belle ed emozionanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *