Foto da informatrieste.eu
8 marzo 2018

Magnar ben, per bon: brodo brustolà

el sunto Ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa Spignatade de Edda Vidiz

Ecove qua: el brodo brustolà! Che saria come a dir brodo frito (frita anca ‘na zavata xe bona, e vu volè che no ve sia bon un brodo?), che pochi ormai se lo ricorda ma che, nei tempi andai se lo diseva fossi “el fio de la miseria”.
Per conto mio, più che fio de la miseria el brodo brustolà el iera ‘l fio de la guera, co de carne ghe se ne trovava poca in circolazion e cussì ai nostri veci ghe tocava meterlo de sovente in tola. Ma anca ogi, col tempo che cori (mai che sto tempo andassi pian, pianin a spasso) risparmiar e portar in tola piati boni, che no i costi. no pol far altro che fa piazer. E po’, credeme a mi, in cusina no conta quel che se dopra, ma el soramanigo conzado de fantasia!
Mi ve dago la rizeta più fazile, propio quela che fazeva mia mama, che de doprar “erbe” per insavorir, no la ghe ne voleva saver! Po’ xe anca chi nel brodo brustolà ghe meti zivola, chi l’aio, chi diritura el dado de brodo, per no parlar del formaio de gratar… scherzemo tute robe che costa, e ‘lora dove sta el viz del “fio de la miseria”? Per quatro de lori in tola, ve servi:

2 CUCIARI DE FARINA
2 OVI
1 LITRO DE AQUA
2 CUCIARI DE OIO EXTRA VERGINE DE OLIVA
SAL

Adesso no ste a brontolar che l’oio extra vergine de oliva xe caro perché, gente mia, su tuto poderè sparagnar ma su l’oio: giammai!
Ben, bon metè int’una fersora la farina a frizer int’el oio fin a farghe ciapar na bronzatura tipo Mis Topolini a la fin de agosto, senza mai molar de missiar, che se no, ve se imbalonissi tuto. Dopo ghe zontè – me racomando pian a pian – un litro de aqua, sempre missiando ben per far andar via i gropi e lassè boier ancora qualche minuto. A parte sbatè i ovi intieri (fermi! No contro el muro, col piron int’un piato fondo) co’ un bic’ de sal. Butè sti ovi nel brodo, sempre missiando, per no ris’ciar che ve se imbalonissi tuto. Fata la xe, basta impiatarlo.
Se po’ volè un brodo brustolà de prima categoria, preparè nei piati fondi de le fete de pan brustolide butandoghe per de sora el brodo brustolà: roba de urlo…. se lo ciucè suso del cuciar pena tirà via del fogo!

Che bori, basi e buzolai no ve manchi in piato mai!

Tag: .

6 commenti a Magnar ben, per bon: brodo brustolà

  1. Maja

    Troppa roba . Grazie ..poi con tutti i comenti. ..da urloooooo

  2. Fiora

    ” che bori, basi e buzolai….” graziando per l’augurio, me vien in amente mia nona Maria che fazeva anca ela brodo brustolà, mi calcolo un circumcirca!

  3. John Remada

    Invitante!

  4. Fiora

    brodo brustolà stà al brodo de bechi, come la dona de casa sta ala dona de leto.
    Pel primo ghe vol dedision e tempo. Pel secondo basta un fià de acqua, dado e zinque minuti.
    El tempo che vanza?…apunto!

  5. Fiora

    mia nona Maria se lavava le man con savon de Marsiglia e po’ la stava là a far brodo brustolà. Zia Gigia se sprofumazava con Scianel n.5… co’ la tornava la fazeva brodo de bechi .

  6. Fiora

    e sicome che le iera sorele, qualche volta zia Gigia la se peritava de dimandarghe a nona perfin un dado last minute. E là la ‘ndava goba, perché la vecia dadi no tigniva, per motivi ideologichi proprio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *