2 marzo 2018

Magnar ben, per bon: Kaiserschmarren a la triestina

el sunto Comincia ogi una rubrica de ricete e morbin dai sie ai zento ani e passa, spignatade de Edda Vidiz. Se parti col Kaiserschmarren

El Kaiserschmarren no xe un dolze de pastizer perchè el xe roba de far ala “domacia” . Par che, per la prima volta, el sia stà spignatà in una malga de montagna dove andava a riposar el Kaiser Franz Joseph co ‘ndava a cazia. Pareria anca che de sta malga iera parona ‘na bela mula, che la ghe ga preparà sto dolze, che a lui ghe ga piasso cussì tanto che ‘l ga dito: “Che bon, proprio degno de mi, che son Kaiser!” Po’ la mula ghe gaverà dito “Gradisse ancora un cicin?” E lu’, omo che’l iera, de rimando: “Jawohl, orpo se no gradisso!” E bon che iera el dolze, bona che iera la mula… no ve digo e conto altro ma par che sia nati anca tre fradei… tuti bianchi e bei, tuti rossi de cavei! ( questa xe zonta poetica).

Ben, bon, desso ciolè:

2 OVI – 12 DECA DE FARINA – 1/4 DE LATE

UN PUGNETO DE ZIBIBE – UNA ZONTA DE PIGNÒI

UN CUCIAR DE OIO EXTRA VERGINE D’OLIVA – UN’IDEA DE SAL

UN BIC’ DE BURO – ZUCHERO VANILIÀ

Fè una pastela con do rossi de ovo, la farina, el late e ‘l sal e, dopo, zonteghe pian pianin i do bianchi de ovo montadi a neve. Scaldè l’oio int’una farsora grandeta dove svoderè la pastela. Pena la se infississi buteghe de sora un pugneto de zibibe e un de pignoi e, dopo gaver missià. voltè sotosora la fritaia. Zonteghe el buro, e dopo tachè a sfregolarla col piron. Messa in piato va impolverada de zuchero vanilià e, se ve piasi, meteghe de parte int’el piato, una composta de ùa de San Giovani o de fràmbua. Una goduria!

Che bori, basi e buzolai no ve manchi in piato mai!

Magnar ben, per bon xe anche un bel libro de ricete scrito de Edda Vidiz e pupolado de Marco Englaro. Ricete e morbin de lecarse i mustaci!

Tag: , .

8 commenti a Magnar ben, per bon: Kaiserschmarren a la triestina

  1. Fabia

    Strepitoso..

  2. domani il discolo

    Oooh finalmente gavemo un articolo interessante.
    Me domando quando un sulla mistura per far civa e per il liptauer.

  3. dimaco il discolo

    Xe dimaco no domani

  4. Fiora

    “no ve digo e conto altro ma par che sia nati anca tre fradei…”
    la gavevo sentida e me rifiutavo de creder ala progenie paralela tipo fake news…però a ben pensarghe con quei magnari de miseria coredadi de musi e caprici ch’el se doveva contentar col pranzava cola Sissi, el sarà sta batù de fame in ogni senso. Intivar sta mula piacente brava coga domacia ,miti pretese, podessi anche darsi che l’Apostolica Maestà se gabi sentì omo comune e ch’el gabi concluso piato rico mi ci fico e…viva l’A!

  5. Erika

    Mmmm…che bel leger con tante zeta …..e che bon! Domani matina provo!

  6. Fiora

    @4
    e magari passa un kaiser….

  7. Fiora

    rilezendo la rizeta a sta ora, me beca proprio bava de provar a farmela anche mi
    e serbidiola con tuto el seguito romantico me passa in seconda linia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *