26 febbraio 2018

Nate dei refoli de bora: sangue triestin

el sunto Inauguriamo un nuovo spazio dedicato alla poesia curato da Edda Vidiz. Ogni lunedì tre poesie accoglieranno i nostri lettori.

EL PESCADOR DE SOGNI

Stassera el sol
ga fato un toc’
nel mar
che ga cambià color.
Rossa xe l’aqua
e i pessi se la godi.
Xe un momento fatado,
palpita ne l’aria
del tramonto
l’eco de un altro tempo
e odor de freschin.
Un pescador in riva
co’ la sua togna sbrisa
tira su i sogni
che stava per negar
soto el molo,
po li regala
a quei che passa.
Me porto casa el mio,
lo voio surgelar:
xe l’ultimo
e el me devi durar.

Graziella Semacchi Gliubich

SANGUE TRIESTIN

Mio pare patòco, mia mare furlana
e nona paterna po’ xe carinziana,
bisnono, sicuro, el iera polaco,
sua moglie defonta, vigniva del taco.
Ma nona de nona, mi son Debegnac,
de sbriss col francese ga avù el patatràc,
– de Napoliòn xe restadi impatai
con mule nostrane parechi soldai -.
La suocera zerto, xe propio ungherese,
la magna con paprika fin le zariese,
per questo el cudìc la ga sempre mia moglie
se pur la ga el pare che vien de Hrastovglie;
mia gnora xe inveze ‘na Grega corfiota,
ebreo ghe xe el pare, la mare cesota.
Che razza che semo? Maciò, fiol d’un can,
te senti iebènti, che parlo italiàn!
E in quanto a caratere, estro e morbin,
per marca de fabrica son Triestìn!

Laura Borghi Mestroni

disegni di Marco Englaro

SIRENETA

L’ala d’argento
de un cocal che’l svola
sul molo limà de la piova
fa ombra sul dolor
de ogni dona
se no la ga imparà
che, per spetar,
bisogna prima finir
de saludar.
Note drio note
la luna cambia ancora,
giorno drio giorno
una ruga nova
porta le lagrime
a perderse int’el mar.
Sireneta no xe più
su quel scoio,
ma ‘l fis’cio de un vapor
fa sempre mal.

Edda Vidiz

Queste poesie sono raccolte in un libro, dal titolo “Nate dai refoli de bora“.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *