15 febbraio 2018

Voleria far l’ator: mangiare o non mangiare, questo è il problema

el sunto Seconda puntata della rubrica dedicata alla vita da attori a Trieste. Oggi si parla della dieta "perfetta".

Una roba ghe ‘ssai piasi ai atori: magnar. Recitar xe la priorità, nissun disi el contrario, ma i atori ga riva’ a inventarse un mucio de modi per magnar. Cambia le usanze ma el cibo xe un ciodo fisso. Co ghe iera più bori (i ne conta cussì perché co ghe iera soldi no ghe ierimo noi) se usava ‘ssai far, dopo la prima rapresentazion, la Zena de compania oferta dal’impresario. Se se trovava fora del teatro lavadi e stirai per ‘ndar a magnar in clapa; e se fazeva dele magnade che te voleva una setimana per digerir (i ne conta).
‘Desso le robe xe un poco diverse: prima bisogna ‘spetar chi finissi de ciacolar con qualche spetator e chi rispondi ai grupi su WUOZAPP, po bisogna meterse d’acordo su cossa magnar. Xe chi vol magnar pesse, chi che no ga voia de spender tanto per magnar pesse, chi volessi carne, “mi no vegno magnar carne, son vegan”, Pizza? NO SE POL, lu xe celiaco e a mi me gonfia. Ma chi ga bori?… Bon, femo ‘n’altra volta.
Eh no, la zena xe sacra! Una volta scelto el local se va tuti insieme a magnar e bever.
Ma el lavor xe sempre meno, come se diseva prima no ghe xe soldi. Per noi giovani atori (o aspiranti tali) le zene de compagnia xe solo un miragio, el tempo per magnar po xe sempre meno. L’indoman xe chi ga un corso, chi teatro per i fioi la matina, chi prove per un altro spetacolo: NO SE POL.

Noi, zene de compagnia, poche gavemo fato. Xe pecà, perché per i atori e chi che lavora con lori xe un momento cussì bel. Savè, la preparazion de uno spetacolo xe fadiga, xe stress, a volte se prova anche cinque giorni de fila 18 ore su 24 (no, no lo disemo come esagerazion per far rider, xe una verità). Per dover de cronaca bisogna dir che la norma prevedi, per uno spetacolo profesionale, 20/40 giorni de prove con 8/9 ore de lavor al giorno. Se condividi paure, ansie, nervi… e anche de più in tute quele ore sempre insieme. Xe cussì bel poder rider e scherzar, ciorse pel cul, analizar i erori fati durante el spetacolo, rilassarse, bever bira e sfondarse de magnar. Dimenticarse dela paura passada e del casin che ancora devi vegnir.

Ma no preocupeve. Come ve disevimo prima i atori ga ‘ssai fantasia per rivar a magnar. Infati quando ghe xe ste prove tute fracade in pochi giorni e no ghe xe tempo gnanche per far un rebechin, i atori se porta drio un mucio de robe de magnar. El TAPERUER xe la zena de compania de noi altri.

Insoma, per far l’ator servi passion, oio, pevere e sal, altrimenti el pranzo no sa de gnente. La sua vita xe cussì, ogi, sopratuto per do giovani, un’eterna corsa per rivar a magnar. Infatti ‘desso ve molemo perché dovemo corer a magnar… volevimo dir lavorar.
Se vedemo fra quindise giorni.

Tag: , , .

6 commenti a Voleria far l’ator: mangiare o non mangiare, questo è il problema

  1. Alessandro Pauluzzi

    Bruta roba la fame, l’unica xe portarse drio una gamela (no quei taperuer de plasticon) de calandraca che stagna e xe bona anche Freda.

  2. giorgio (no events)

    Cussì, me disè che, dopo el spetacolo, i atori no va più in local a far la magnada? In efeti, i bori del FUS xe sempre de meno, ultimamente, come per quasi tuti, ma indiferente.
    Con el taperuer o con la gamela, andèmo avanti e distudemo la scatola dei sogni…

  3. Michela

    Io ricordo che, nei lauti anni 70/80, un po’ dopo il Rossetti c’era un ristorante (poi ebbe nome Stanlio e Ollio, oggi è il Bar H) dove vedevo più volte gli attori dopo il teatro, verso mezzanotte. E a proposito dei loro scarni guadagni odierni, mi ricordo che in quegli anni il figlio di una mia amica entrò come attore nella compagnia di Patroni Griffi, girò l’Italia in lungo e in largo per alcune stagioni, e non era affatto pagato male. Oggi, un’altra figlia di amici fa teatro qui in città con enorme tenacia e passione, ma se non fosse foraggiata dalla famiglia non riuscirebbe ad essere autonoma. Altra ancora, è passata al cinema dove guadagna in due-tre mesi quel che un teatrante guadagna in due-tre anni.

  4. Fiora

    ora mi appare più che mai calzante la mia digressione sulla premiata guitteria Cellinostatunitense. Il teatro non ripaga adeguatamente l’impegno? la tivu invece è prodiga di emolumenti, direttamente proporzionali all’audience, nonostante il copione sia logoro e gli interpreti poco convincenti. Amaro ma realistico concludere che abbiamo il teatro, pardon il teatrino che ci meritiamo!

  5. Fiora

    …e se dopo el spetacolo quei là magna in gamela, xè solo per snob!

  6. Antonella

    Dicono che dai momenti difficili nascono le cose migliori ! Forza muli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *