30 gennaio 2018

Voleria far l’ator: merda merda merda!

el sunto Vita da attori a Trieste: inizia oggi la collaborazione con due giovani attori triestini, che ci porteranno alla scoperta del mondo del teatro

“Me racomando, zerchemo de far i seri” disevimo, “Qua ne legi tuti, e ne podessi leger anca i fioi”. Gavevimo propio dito “No stemo dir parolaze!”, ma ala fine no ghe la gavemo fata. Ma dovè saver che no tute le parolaze xe per ofender. In questo caso infati parlemo de atori.

Ve se mai domandadi perché i atori prima de entrar in scena i ziga “Me**a (censuremo per i fioi) Me**a Me**a?”.
Un motivo xe perché prima che se verzi el sipario te ciapa talmente tanta paura che te vien un movimento in panza e ghe xe sempre un scandal per chi riva al bagno per primo.
El secondo, più serio più elegante, ga origini antiche, che risali ai tempi de Shakespeare (un che ga scrito tante robe più de quatrozento ani fa che anca ogi tanti legi, che no se sa gnanche se li gabi scriti lui o se xe sta’ qualchedun altro). La gente per andar a teatro ‘ndava a caval o col cucer, e fora dei teatri i cavai poveri che se anoiava i lassava per tera un bel po’ de… (gavè capì). Imagineve che bel, montagne de…
Se davanti al teatro ghe iera tanta… iera perché un subisso de gente gaveva pagà el bilieto.

A quei tempi el guadagno, o meio la sopravivenza, del’ator dipendeva de quanti pagava el bilieto; alora per quanto l’odor no fussi dei meo se se augurava che fora del teatro ghe fussi tanta (dovemo ripeter?), cussì de poder magnar anche el giorno dopo.

Ogi come ogi se fora del teatro ghe ne xe tanta, più che altro xe per i paroni dei cani che no i neta e no perché tra i atori xe rimasta l’usanza de ciamarsela. Cossa volé, noi atori semo gente sentimentale, tacada ale tradizioni.
Se volessimo trovar un modo analogo per i tempi de ogi podessimo dir “Strisce, marciapie e divieto!”. Perché se ghe xe auto parchegiade anche in divieto, fora del teatro, vol dir che doman se magna.

Sì, i atori sta roba del magnar la ga come punto fisso, se gaveremo modo de contarse qualcossa de altro lo capirè facilmente, zene e pranzi in auto, zene con la compagnia e sbecolezi durante le prove.

Cussì, comincemo sto viagio insieme, ve conteremo tante robe che no se conta su cossa che fa i atori, cossa nassi drio le quinte, cossa che i fa i atori quando che no i xe in teatro (generalmente niente, xe crisi).

A portar l’onor de sto incarico do giovani atori provenienti dela più bela cità del mondo (No! No xe Amsterdam, quela xe la seconda): la nostra ventosissima Trieste; Laura Antonini e Stefano Bartoli, che più che altro i xe una version domacia de ator.

Ve scriveremo come che se lavora in teatro, come che se lavora fora del teatro, come che no se lavora (la parte più bela).

Se rivedemo fra quindise giorni.

Forsi.

Tag: , , .

21 commenti a Voleria far l’ator: merda merda merda!

  1. giorgio (no events)

    Bel! Mi, de picio, me piaseva “far” teatro sul palco, ma desso, che son grande, solo platea e galeria. Son curioso de saver cossa fà i atori de matina, de dopopranzo, come xe le prove, tuto el resto.

  2. Fiora

    orpo che bela pensada! Deghe muli!

  3. michela

    forse questo non è il forum giusto, perché in tanti anni che lo seguo ho notato che i post riguardanti cultura ed arti dello spettacolo non generano quasi mai discussioni né commenti. E’ strano quanto si arroventano gli animi quando si parla – che ne so – di slavi, di foibe, di occupazione titina, roba vecchia di decenni, mentre lo stato attuale della cultura in città sembra non interessare nessuno o quasi. Ma forse, dando un taglio scanzonato e dialettale a questi articoli, si desterà la curiosità di qualcuno che magari non ha mezzi o voglia di andare a teatro, ma si divertirà a scoprire che cosa accade nelle retrovie.

  4. John Remada

    Ma…. ormai certi argomenti sono stati tagliati dalla direzione; se in parte posso essere d’accordo, visto che una certa guerra dovrebbe essere finita nel ’45, non per tutti; da altro lato discussioni su immigrazione selvaggia, follia della sinistra e altro potrebbero essere proposte e non credo si arroventerebbero di molto visto che certi figuri se la sono data a gambe (Gondole) levate…rimane il fatto che il teatro interessa a qualcuno, i vinili a altri e via così. Ebbene vi racconto una storia dietro le quinte… un mio conoscente ,ora defunto, convinto di poter fare l’attore si presentava per un provino, venendo scartato a suo dire per l’altezza….non gli rimase altro che continuare a fare il pescatore, ma rimase per sempre con il sopra nome di ” Artista”, quindi qualcosa era riuscito a ottenere!!

  5. michela

    che tenero…..io ricordo nel ’76 circa, mi pare, quando si stava creando la compagnia teatrale dialettale La Barcaccia ( là dei Salesiani) conobbi Carlo Fortuna ed altri suoi amici che stavano vagliando assolutamente tutti, proponendo provini a chiunque gli capitasse, gli occorreva ogni sorta di materiale umano di tutte le età e di tutte le forme. Io non ero minimamente interessata ma sono stata spesso una spettatrice compiaciuta.

  6. Fiora

    @4
    “…convinto di poter fare l’attore si presentava per un provino, venendo scartato a suo dire per l’altezza”
    l'”Artista” deluso è tornato al posto suo di pescatore, mentre Nerone, ha continuato a fare l “Artista” illuso, finché dal posto suo non l’hanno cacciato.Chissà se le ultime parole del pescatore sono state le stesse dell’ imperatore: ” quale Artista muore in me!”

  7. Ivan

    Bel pezzo muli, bravi. E interessante, dalle mie esperienze de attor amatoriale al liceo conoso ben l’espresion “m***a, m***a, m***a” ma no savevo de dove vigniva! Figon

  8. Alessandro Pauluzzi

    Gran bella iniziativa muli, questa dovessi esser una città piena de cultura e piena de robe de contar, e sicome xe tropa gente che se sta dimenticando, ciapadi come che i xe a far barufe, ben venga chi che parla de arte e de robe bele, e se, come in questo caso lo fa i nostri giovani, questo xe el famoso valor agiunto che ne torna la fiducia nel futuro. Grazie Laura e Stefano.

  9. Fiora

    Svetonio no nomina, ma per come ch’el ga dovesto tirar i crachi anzitempo,magari el triplo merda lo gaverà inaugurà proprio Nerone prima de darghela….

  10. Fiora

    anche a mi me ga sempre afascinà el drio le quinte. Preparativi, amori che nassi, barufe per primegiar… signori in scena,se alza el sipario e tuto questo resta celà.
    Mi come esperienze recitative go solo spetacoli natalizi là dele monighe. Nele vesti e nele ali de angelo nunziante disevo la mia e me sentivo come el starter che dà el via ala corsa.
    El back stage iera bastanza turbolento. Fioi che se dimenticava le batude, altri che tirava paco e bisognava trovar un rimpiazo, monighe che distribuiva stramusoni e zuconi de code per farse ubidir… una volta se usava. se guantavimo le papine e nissun se sognava de mandarghe i servizi sociali.

  11. Consuelo

    Bela storia muli!!!!

  12. manuela cordini

    bravi muli!!!!

  13. Fiora

    Come se fa co’ i atori tarda a vignir in scena ? se taca a bater le man ritmicamente per solecitarli…
    Parendome ‘ssai longa un’atesa de quindici giorni, virtualmente comincio a aplaudir .
    Chissà che no ve ripresentè un bicc prima.
    Visto el successo de l’iniziativa, altro che ” forsi”!!!!

  14. Fabiana

    Buongiorno a tutti, bella idea ragazzi! E grazie dell’informazione riguardo il rito scaramantico… Sono abbastanza appassionata di teatro, direi in tutte le sue forme, ma confesso che l’ignoranza regnava sovrana su questo aspetto. Attendo le vostre prossime osservazioni, augurandovi allora tanta m…

  15. Estella

    Avanti tutta!!! 🙂

  16. Fiora

    Divagare (e neanche troppo! ) nell’attesa della seconda puntata. Con riferimento alla Compagnia del Teatro ( teatrino dai! ) Stabile di Cellino S. Marco,senz’ansia soverchia, mi chiedo come stiano realmente i fatti e i rapporti tra gli attori dell’ ultima recita prima del pensionamento del Primo Attore.
    Eh, che s’ha da fa ppe magnà! Famiglie numerose …e ai componenti non si conoscono altre fonti di sostentamento in aggiunta agli introiti del capofamiglia.

  17. Fiora

    dallo one man show al musical…per dare ristoro ad un’ ugola inossidabile, ma innegabilmente ageée

  18. Fiora

    e col recente para pirandelliano Così è se vi pare, la Compagnia di Cellino dà prova di estrema versatilità…chapeau!

  19. Fiora

    magari nel caso dei teatranti pugliostatunitensi in oggetto, la scaramantica tripletta coprologica , appannaggio degli attori, trasformata in invettiva potrebbe comodamente diventare di pertinenza degli involontari spettatori…

  20. giorgio (no events)

    Orpo, ogi xe quindise giorni da quando che gavè dito che “forsi” se rivedemo tra quindise giorni.
    No sarà che volè cominciar con Beckett: Aspettando Godot? Opur xe un poco de ritardo academico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *