11 dicembre 2017

Con Living Library i libri diventano persone

el sunto Sbarca a Trieste “ Living Library ”, un’iniziativa nata nel 2000 in Danimarca che insegna a non giudicare i libri (e le persone) dalla copertina.

Mai giudicare i libri (e le persone) dalla copertina. Arriva anche a Trieste la “Biblioteca Vivente” (Living Library), un metodo nato in Danimarca nel 2000 per aiutare la gente ad affrontare i propri pregiudizi.
Si tratta di una biblioteca in cui i libri da prendere in prestito sono delle persone, chiamate a raccontare la propria storia. Funziona come una normale biblioteca, con un catalogo di libri da cui il potenziale lettore può scegliere e prendere in prestito per un tempo definito (circa 30 minuti). La “lettura” è quindi un conversazione durante la quale il lettore fa delle domande al “libro vivente”, che pian piano svela la propria storia. E’ il lettore a indirizzare il racconto in base alle domande che pone.
Nata grazie all’associazione danese Stop alla Violenza e ripresa dal Consiglio d’Europa all’interno della campagna contro le discriminazioni “Tutti uguali e tutti diversi”, la Biblioteca Vivente è un format utilizzato in modo diverso da vari enti e associazioni europee. I libri sono persone appartenenti a categorie comunemente oggetto di stigma: l’obiettivo è che attraverso il contatto personale le persone possano confrontarsi e riflettere sui propri preconcetti.

L’iniziativa, che si terrà a Trieste mercoledì 13 dicembre dalle 16 nell’Edificio H3 della sede centrale dell’Università di Piazzale Europa, rientra nel più ampio progetto “Spostamenti” finanziato dalla Regione FVG nell’ambito dei progetti culturali, di cui Arci Trieste è capofila e l’associazione Calì partner. Collabora all’organizzazione anche l’associazione Arccs Arci Casa dello Studente. Il tema di questa Biblioteca Vivente è il viaggio, perciò i “libri” saranno tutte persone che hanno in qualche modo a che vedere con questo tema e possono condividere la propria storia. Per maggiori informazioni: scrivere a [email protected] o consultare su FB le pagine di Arci Trieste o Calì.

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *