16 luglio 2017

EXIT festival: un edizione da record

el sunto Con questi 5 giorni di eventi EXIT segna un record di ingressi, oltre 215.000 persone provenienti da più di 60 paesi europei e non.

Dopo le prime due serate di apertura ufficiale del festival, inaugurate dai The Killers al mainstage e Jeff mills alla Mts Dance Arena, oltre ai 46.000 ingressi registrati, questa edizione di EXIT sarà ricordata per la sua più spettacolare notte inaugurale nella storia del festival, che celebra ufficialmente il 50esimo anniversario della “Summer Of Love” del 1967, gli anni che vedono nascere il movimento hippie, e i suoi principi di pace, amore e fraternità. Da segnalare le 150.000 visualizzazioni durante il livestream dalla pagina ufficiale Exit.

Terzo in ordine di grandezza e capienza l’ “Addiko Fusion stage non manca certo di energia, con ospiti di calibro internazionale come “Princess Nokia” vibe hip hop direttamente da New York e il Croato “Elemental”

E’ venerdì. Definiti come “miglior pop band del 21esimo secolo” da NME magazine, gli inglesi Years & Years intonano “King” (pezzo da 192 milioni di visualizzazioni su Youtube) “Desire” , “Shelter” e altri loro successi, che li hanno portati come headliner a molteplici festival di musica internazionali.
Un po’ di “bass music” come da tradizione per completare la serata al main stage, degni di menzione speciale i Bad Company accompagnati da Messy Mc e gli imponenti Black Sun Empire, più tardi raggiunti da 2 Shy Mc, mentre la Mts Dance Arena raggiunge il punto di ebollizione grazie al dj set di “Black Coffee” colosso africano del genere house seguito dal dj set di 3 ore in modalità back to back con Solomun e Dixon, duo dinamico composto da i due maestri della scena house & dance mondiale.

52.000 persone registrate invece nella giornata di sabato, attratte prevalentemente da Jason Derulo, Duke Dumont e Robin Shulz. Shulz è una giovane macchina hitmaker tedesca, produttore deep house dal 2007 che dopo svariate apparizioni e collaborazioni in ambito internazionale, nel 2014 con “Headlights” (e successivamente album omonimo) riceve il disco oro e platino in Australia, Canada, Germania, Italia e molte altri stati con più di 800.000 copie vendute.

Noti per le loro Insomnia e God Is a Dj pionieri della trip hop britannica sono tra gli artisti a spegnere le luci della Dance Arena. A chiudere ufficialmente il festival in maniera definitiva ci pensano gli attesissimi Rag’N’Bone man e Hardwell, produttore e dj olandese, re assoluto della scena della musica dance elettronica degli ultimi 5 anni. Al momento è nella top 3 della “DJ Mag Top 100 Dj’s”.

35.000 persone per nulla stanche dai giorni precedenti riempono il main stage per l’ultima volta, mentre gli ultimi sgoccioli del festival si vivono intensamente fino alle 9 del mattino alla Mts Dance Arena con il nuovissimo programma “No Sleep Novi Sad”.

Con questi 5 giorni di eventi EXIT segna un record di ingressi, oltre 215.000 persone provenienti da più di 60 paesi europei e non, attratti da una consistente line up.
Oltre ai tweet di particolare apprezzamento verso il festival da parte di Liam Gallagher (il quale definisce EXIT un evento “biblico”), degli Years & Years e dei The Killers, EXIT ha guadagnato particolare attenzione anche da: Róisín Murphy, Jason Derulo, Rag’N’Bone Man, Jesus and the Mary Chain, Jake Bugg, Nina Kraviz, Paul Kalkbrenner, Duke Dumont, Hardwell, Solomun & Dixon, Alan Walker, Jeff Mills, Jamie Jones, Ellen Allien, The Damned, Princess Nokia, Noisia, Foreign Beggars, Lost Frequencies, Red Axes, Bjarki, Discharge, Vatican, Shadow, e più di altre centinaia di artisti ospiti dell’ EXIT Festival tenutosi presso la fortezza della città di Petrovaradin.

Oltre al loro più noto festival di Petrovaradin, ricordiamo che EXIT è organizzatore di altri festival musicali in est Europa, tra i quali “Revolution Festival” in Romania, il “Sea Star Festival” di Umago in Croazia (di cui abbiamo parlato qualche mese fa) e il “Sea Dance” nella spettacolare località balneare di Budva in Montenegro che si sta tenendo in questo weekend.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *