26 giugno 2017

Ciclabile Trieste-Muggia: #sepolfar

el sunto Una ciclabile di otto chilometri collegherebbe la galleria di Montebello al centro di Muggia. Il progetto di Ulisse Fiab

Una ciclabile che colleghi Trieste a Muggia? Realizzabile in tempi rapidi e con risorse contenute? Un sogno? No, una concreta possibilità che FIAB Trieste Ulisse ha elaborato in uno studio di fattibilità che mette a disposizione di chi amministra le due città. Un percorso di otto chilometri che collegherebbe la galleria di Montebello al centro di Muggia con un itinerario ciclabile continuo, riconoscibile, veloce e sicuro.

Qua il documento tecnico.

Un’infrastruttura che attraversa rioni molto popolati e senza particolari pendenze, dove sono presenti attività commerciali ed industriali. Una ciclabile che potrebbe quindi dare un’importate spinta all’uso della bici come mezzo di mobilità quotidiana. E questo vorrebbe dire meno traffico, meno smog e più salute per tutti.

Un’infrastruttura che si trova lungo l’itinerario cicloturistico EuroVelo8 Cadice-Atene e che farebbe arrivare la ciclovia Parenzana fino al centro di Trieste. Già ora numerosi tour operetor offrono pacchetti di viaggio in bici su questi percorsi e sono ventimila i cicloturisti che è stato stimato siano passati nel 2015 da Trieste a Muggia con importanti e positive ricadute economiche. Numeri ed economia che potrebbero crescere ancora di più grazie alla realizzazione della ciclabile.

Un’infrastruttura “leggera” quella che propone FIAB, fatta in lunghi tratti con corsie ciclabili e interventi di moderazione della velocità. Un’infrastruttura che va a rigenerare delle strade che hanno perso importanti flussi di traffico da quando è stata completata la Grande Viabilità fino al valico di Rabuiese. Nello specifico la proposta FIAB prevede la realizzazione di 2 corsie ciclabili monodirezionali dalla galleria di Montebello fino ad Aquilinia lungo via dell’Istria e via Flavia. Un transito in promiscuo con le auto nell’abitato di Aquilinia dove però vanno realizzati una serie di interventi di moderazione della velocità (porte d’ingresso, platee rialzate, isole salvagente) per aumentare la sicurezza di residenti, pedoni e ciclisti. Lungo la ex S.P 14 e fino alle porte di Muggia la proposta prevede una ciclabile bidirezionale in sede propria per concludersi poi con 2 corsie ciclabili monodirezionali fino al centro storico muggesano.

Ora FIAB mette a disposizione questa proposta ai Comuni di Trieste e Muggia e chiede che si apra un tavolo tecnico per vedere se è possibile avviare nei prossimi mesi un percorso che porti alla stesura di un progetto esecutivo da presentare alla Regione per recuperare i finanziamenti per realizzare l’opera. Se tutti gli attori in gioco lavoreranno in modo concreto e efficace fra 36 mesi si potrebbe già pedalare sul percorso.

Fonte: Ulisse-Fiab

Tag: , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *