16 giugno 2017

I mezzi pubblici a Roma e i bus de Trieste raccontati da Fabio Marson

el sunto Sabato 17 giugno alla Lovat presentazione del libro “Calci in bocca alla Romana” del triestino Fabio Marson.

E’ disponibile nelle librerie Lovat e Feltrinelli CALCI IN BOCCA ALLA ROMANA (Ultra Editore, 2017) Autobus, treni, aerei, pullman, storie da Trieste in giù. Scritto da Fabio Marson, il libro raccoglie 30 racconti dai mezzi pubblici di Roma, Trieste e tratte lunghe su e giù per l’Italia e sarà presentato domani, SABATO 17 GIUGNO ore 18, presso la LIBRERIA LOVAT di Trieste. Faranno do ciacole con l’autore i nostri Diego Manna e Sara Matijacic.  Letture di stralci a cura di FRANZ MOLINO e SILVIA CORBATTO. L’ ingresso è libero.

Prima della presentazione abbiamo chiesto a Fabio di darci un assaggio del libro, raccontandoci i personaggi-tipo che compaiono nei racconti. ATTENZIONE: l’intervista che segue subisce un cambio linguistico. L’autore, triestino che da anni vive a Roma, lentamente riprende consapevolezza delle sue origini e riscopre la sua lingua madre.

“ El tacadiz”: nei mezzi pubblici a Trieste e a Roma
Dopo un’attenta analisi del territorio, posso azzardare che a Trieste El Tacadiz attacca se stimolato da fattori esterni, tipo: sale un matto (vedi punto sui matti, per approfondimenti), la bora scocca colombi e cocai come frecce, l’autobus fa un ritardo di qualche minuto. Allora El Tacadiz coglie la palla al balzo, in genere scuote la testa e sfodera una massima su come va la vita, alla fine rimpiange l’Austria.
A Roma El Tacadiz si dice “L’accollo” (cfr. il racconto “L’accollo” in Calci in bocca alla romana), ed è mosso da fattori interni: generalmente è la noia, dovuta dalle lunghe attese. Più volte mi hanno attaccato bottone partendo dal libro che stavo leggendo: “E’ interessante?” “di che parla?”, poi non è che ascoltassero le risposte, è solo una scusa per passare il tempo. Generalmente la conversazione poi finisce sempre sull’amministrazione di Roma, che è troppo grande, che non ha senso fare il biglietto ma che lui lo fa sempre perché è onesto. Se l’Accollo Romano incontra un altro Accollo Romano, allora o parlano di immigrati o parlano di cucina. O entrambi. Ricordo una signora che aveva visto gli ingredienti nella borsa di una signora africana e le aveva dato consigli per l’amatriciana.

“ El morbin”; nei mezzi pubblici a Trieste e a Roma
El Morbin a Trieste esce soprattutto nelle ciacole: in certe linee, tipo la 13 che fa Cattinara-Raute in nemmanco 5 minuti, tutti si conoscono e tutti parlano tra de lori (cfr. il racconto “Tante piccole piramidi bianche”). Ovvia la tradizione asburgica, che dai caffè borghesi di impianto viennese si è spostata sulle linee dela Trieste Trasporti. A Trieste xe tuto asburgico, anche la TT.
A Roma El Morbin dipendi dalla zona: a Termini c’è casino, xe quei che canta, quei che fa barufa, quelli che ti rubano il portafoglio. Ma c’è anche solidarietà: una volta il tram era bloccato da un’auto parcheggiata in seconda fila, la gente è scesa e di peso hanno spostato l’auto, liberando i binari.
Poi c’è anche il cocainomane che gentilmente ti offre un tiro…xe morbin anche questo?
(cfr. il racconto “L’uomo babà”).

“Il portoghese” nei mezzi pubblici a Trieste e a Roma
Una volta a San Giovanni ho timbrato il biglietto e due tizi mi hanno fatto l’applauso. Ma di solito il portoghese triestin xe guardingo, vede con sospetto ogni polo azzurra, ogni giaccon blu che sali davanti a ciacolar con l’autista. Mio fratello un periodo aveva un giaccone uguale, e quando saliva sul bus tanta gente scendeva. Poi ci sono i casi limite: la 36 d’estate, neanche te rivi a timbrar certe volte. O i bus che vanno a Muja a Carneval. Ich bin ein portoghesen, gaveva dito l’Imperator de l’Austria in visita ai Topolini. Ma el timbrava sempre el biglietto, lù.
A Roma spesso non funzionano nemmeno le macchinette. Se uno prova a timbrare e no riva, compari el signor romano che ghe disi che no servi, che tanto a roma nessuno ‘o fa er bijetto. Che poi non è vero, insomma. Tanti lo fanno e poi se lo passano.

“El mato”: nei mezzi pubblici a Trieste a Roma
Non che a Trieste manchino i mati, se sa. E comunque ognidun xe diverso dai altri. A Trieste tuti comunque ga un certo stile. Sarà retaggio austriaco anche questo, coss’ te vuoi. Una cosa è certa: quando el mato triestin scendi, xe sempre qualcheduno che tira fora Basaglia. Basaglia de qua e Basaglia de là. A sentir lori, par che Basaglia gabi dito a quei de Sàngio: “ndè fora de qua, xe pien de bus svodi che ve speta”. No son biografo de Basaglia, ma gaverà dito per bon cusì? bu.
A Roma El Mato è una categoria un po’ più ampia. Legge dei grandi numeri. Trieste comunque ga una tradizion a riguardo, eh, parlemose ciaro. Però basta che vai a Termini e un’idea te la fai. Xe quel che ziga in chissà che lingua, quel altro che rompi le togne ale vecie, quel che se meti a balar solo e po scendi, quel che fa ginastica. Una volta go visto un mato vestì de Superman, ma i me ga dito che no se sa se xe mato, che par fazi le marchette in stazion, vestido de Superman. Non sono andato a indagare, mi me piasi el mistero.

“Veci” a Trieste e Roma.
No xe che a Trieste manchi i veci. D’acordo. Ma anca qua xe veci e veci.
Xe quel bon come un pan, che ogni angolo te conta come che iera Trieste una volta, e par incredibile che sia cambiada cusì tanto (o cusì poco, dipendi). Dopo xe quel cativo che te ciapa a bastonade pena che te vedi. Dopo xe le vecie, che le ghe conta a tuto el bus cossa che ghe ga dito el dotor. E le se fa rispetar: ricordo sul bus che iera un mulo tuto cativo, coi cavei de cativo e i vestidi de cativo, sentà vizin el finestrin, col muso de cativo. E una vecia in pie. “orca” me go dito “desso me toca ndar là e dirghe al mulo che se alzi e fazi sentar la vecieta, che la xe tuta impaurida”. Bon, neanche finido de pensar che quela sbufa, ghe tira una manada sula spala al mulo e ghe disi “Scolta, cavite, fame sentar”. E quel zito e cucio se cava e la fa sentar. La vecia iera più cativa de lù.
A Roma inveze…ciò, par che le vecie sia le istesse ovunque. No le disi “ciò ndemo dei” ma le disi “Aho, namo m po’!” ma el suco… Forsi a Roma le parla più de cusina e a Trieste più de chi che xe morto, ma penso sia perché semo de meno e le vecie nostrane le conosi tuti. Semo tuti el fio o el nipote de qualchedun, dopotuto.

La scheda del libro
I racconti di Fabio Marson pubblicati su Bora.La
Il libro è acquistabile online su Botega.La

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *