15 maggio 2017

Viaggio alla scoperta del prosciutto crudo carsolino

el sunto Sabato alle 9.00 un'esperienza unica, a contatto diretto con l'intero ciclo della vita del prosciutto crudo del Carso

Vi siete mai chiesti quale sia la storia del prosciutto crudo del Carso, dove questo nasca e come venga allevato e prodotto?

Joseph e l’azienda agricola Bajta di Sales (Salež) propongono un’esperienza unica, a contatto diretto con l’intero ciclo della vita di ciò che poi degustiamo a tavola.

Sabato 20 maggio, alle 9.00, a Sales, l’esperto di territorio Enrico Milič presenterà una gita a piedi presso il luogo di allevamento e pascolo semi-brado dei maialini dell’azienda.

I maiali allevati da Bajta crescono allo stato ‘semi-brado’: vuol dire che passano gran parte della loro vita in un grande spazio all’aperto, mangiando sia quanto trovano sulla landa carsica sia il mangime dato dai nostri agricoltori. La razza dei maiali è quella autoctona della Slovenia, il krškopoljc.

Alle 11.00 il ritorno a piedi in agriturismo, con visita alla stanza di stagionatura dei prosciutti.

Il processo di macellazione e stagionatura di Bajta è completamente artigianale, non solo rispettosa dell’animale ma assicura un prodotto sano senza conservanti o altri additivi chimici.

Qui è prevista una degustazione guidata dei salumi di Bajta e di un vino dell’azienda.

Il costo dell’esperienza è di 20 euro a persona, di cui 10 € come buono che i partecipanti potranno usufruire a valere su un prosciutto a partire da Sabato 2 dicembre 2017, sostenendo così in prima persona la produzione.

Chi adotta il prosciutto crudo di Bajta avrà un prodotto di qualità e crea un importante impatto sociale

In questo modo infatti i costi che l’agricoltore deve sostenere fino alla consegna del prodotto stesso vengono anticipati, alleviandolo dal ricorso alle banche e saltando la grande distribuzione o altre rivendite. L’adottante fa in maniera che i soldi restino a chi lavora nel nostro territorio. L’Adozione del prosciutto del Carso vuol dire dare man forte alla comunità di Carso e Trieste: territori dall’alta biodiversità e dall’alta diversità culturale dove, allo stesso tempo, le produzioni agroalimentari sono generalmente artigianali, sostenibili e di qualità.

Per informazioni: [email protected]

Questa la pagina dell’evento.

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *