11 maggio 2017

Alla ricerca della lingua triestina

el sunto E' possibile far riconoscere ufficialmente il dialetto triestino? Una strada percorribile c'è. Ecco cosa si può fare.

Qualche tempo fa xe stado butà zo un primo input su la question del riconosimento del triestin come lingua, e le prime reazioni xe stade positive oltra de ogni aspetativa.
Ogi xe el momento de aprofondir e ativar la question per bon. Gavemo tute le basi che ne ‘cori, ma deso toca completar el lavor al mejo.

Anteprima per chi che no ga voia de legerse tuto: fe e feghe far a tuti i triestini che conosé sto sondagio strabreve, che el vegnerà sai utile int’ela continuazion del progeto!
LINK AL SONDAGIO (1 MINUTO)

No se pol, no se ga mai fato

El Triestin el xe stado e el xe parlado de la larga magioranza de la popolazion.
A ogi, nel 2017,
el 94% de lori xe bon de parlarlo, tanto che el 82.3% de lori lo dopra come lingua veicolar int’ela vita de tuti i zorni (fonte: Virginia Moscianese, “Dialettofonia e italofonia: dati statistici nazionali e sondaggi a livello locale“, 2017).
Ste qua xe cifre che no se pol ignorar: la question esisti, e pitosto de lasarla a far mufa, xe el caso de afrontarla, una bona volta.

Int’ei secoli el triestin ga visto una produzion musical e leteraria no indiferente, e ancora ogi la xe viva ben che mai: da tochi musicai che vien fora drio man, a pupoli che vien publicai, fin a campagne de marketing, el triestin xe per tuto – e giustamente, dato che dei dati apena menzionai xe una riflesion dela realtà atual.

E femo un altro esempio de sti ultimi tempi: xe stado tirà su un concorso del comun per far un logo turistico novo per la zità, e de boto xe vignudo fora un grupo popolar, ironico e con zentinaia de proposte. Se andemo a analizar, per dir, le ultime 200 proposte fate, vien fora che el 53% xe totalmente in triestin, e zontemoghe che el 27% xe almeno in parte in triestin, per un total del 80%! Anca fra quei che ga vinto, 18 su 23 ga drento la nostra parlada.

Però cio, de ogni altro punto de vista, el triestin NO ESISTI.
Xe una realtà virtual per tuto el mondo, a parte noialtri che se trovemo in sto cantonzin de Europa.

E alora toca farghelo conoser. Xe stado meso insieme sto picio video per la comunità de linguisti de Wikitongues, che xe stado ciapado con un zerto interese e visto za de miliaia de lori de la comunità internazional (ocio, el xe pensado per incuriosir i foresti che capisi de sto argomento su de la nostra parlada, p’un triestin el vien fora bastanza noioso…):

I tempi xe cambiai: se fin qualche ano fa podevimo anca contarsela che saria bastà ciacolarlo fra de noi “e i altri che se tachi”, ogi gavemo intorno ogni genere de standardizazion. Basti pensar a internet: o se xe un “codice” uficial, o no se esisti.
A negar sta realtà ogetiva, tuto quel che pol vignirghene fora xe:
– o che el se trasformi in un slang, una parlada da “machieta rional”;
– o che el vegni, poco per volta, molado de quela che xe la massa critica che lo rendi “veicolar”, e de là no se tornasi più indrio.

Ognimodo, ghe xe una roba che podemo sostignir: gavemo una parlada bastanza rica e bela de poder dir, ciaro e tondo, che merita per bon farla esister!

Xe ciaro che gavemo un momento de sai forte disequilibrio: ghe xe una parlada viva ben che mai de un lato, e del altro no semo stai, fin deso, boni de darghe quel minimo de dignità formal che el mondo de ogi richiedi per farla viver per bon. Semo in tempo per refarla, basta moverse.

Quindi, fazendola breve: qua servi el suporto de più de lori posibile, specialmente de quei che ga una profesion o conoscenze che podesi iutar. Se fe parte de sto grupo, e SPECIALMENTE SE CONOSÉ LINGUISTI O SIMILI che ghe posi interesar dar una man (ma no solo), impinì sto form e sentimose al più presto.

Stemo metendo insieme una squadra bela stagna, anca con spezialisti, e a breve se tacherà a lavorar su quel che xe l’ultimo punto prima de ativar sta richiesta: un studio su de la comprension incrosada fra veneto e triestin.

Una picia anteprima. El veneto ga (per questioni storiche) varianti che per noi xe per bon sai ciodi capir. Basti pensar al belunese, che per un triestin xe bastanza longhi capir:

Tignindo conto che vien considerade, normalmente, lingue diverse quele che ga soto del 90% de comprension incrosada, le probabilità che – per dir – fra triestin e belunese questa la sia ben più basa le xe bastanza forti.

Cossa che xe de far, ogi

Un toco per volta, ghe rivemo, a presentar qualcossa de completo. Per ogi però xe FONDAMENTAL impinir sto mini-sondagio, e sopratuto spartirlo in giro, pasarghelo a chi che conosemo, e cussì vanti.
Gavemo de rivar a un fraco de lori, per poderlo render valido: ‘cori una man!
Sto qua xe el link del sondagio per condividerlo, opur se pol impinirlo diretamente qua soto.
Grazie a tuti quei che ga dado suporto fin deso, e a tuti quei che gaverà piazer de darghene de qua in avanti.

Tag: .

16 commenti a Alla ricerca della lingua triestina

  1. Lukas

    El punto xe, almeno, far el primo passo – val a dir usar una sola regola: e inveze nel sondagio se legi “pasighelo a tuti quei che te conossi”! -_- O usemo la S singola (per indicar la S sorda intervocalica), o la dopia S! Mi son assolutamente per la DOPIA ESSE INTERVOCALICA, per render tuto più ciaro 🙂 Inoltre: ‘ntela grafica del titolo se vedi “COSSA” (giustamente scrito cussì) ma poi manca tute le dopie S intervocaliche più avanti! -_- P.S. Anche “CUSSÌ” me par sai più ciaro scritto propio “cussì” e no, inveze, “cusì”. Quindi, estendendo la regola a tuti i casi possibili, almeno sula dopia-s-intervocalica (cioè co la “s” no ga vose tra vocali, co no la xe sonora intervocalica), spero vignirà trovado un acordo 🙂

  2. Lukas

    *usemo -> dopremo
    *‘ntela -> ’ntela

    [ son precisin – i miei studi e el mio lavor xe ’ntel campo linguistico 😉 ]

  3. Lukas

    Inoltre (e xe ’ncora motivazion in più a favor dela “ss”), se podessi far anche altri esempi in cui xe utile far cussì, cioè presempio casa/cassa, steso-a-i-e/stesso-a-i-e, muso/musso, caso/casso ( 😉 ) e via disendo, con zentinaia de altri motivi per doprar la SS 🙂

  4. Lukas

    …ultima roba: oviamente “musso” xe veneto (o triestin enfatico) per “mus”, ma el discorso desso no cambia 🙂

  5. Ciao Lukas, grazie dei interventi!
    Sula dopia esse e anca su intela ghe xe dedicade dele puntate dela rubrica “scriver in triestin” de Nereo Zeper che gavevimo publicado un aneto fa, te le trovi tute qua:
    http://bora.la/2016/04/21/scriver-triestin-dopie-si-dopie-no/

  6. A.

    ….Ma invece di perder tempo nel discutere se il dialetto triestino può divenire o meno lingua,……pensiamo piuttosto a studiare bene la lingua italiana che a detta di molti,rimane pur sempre una delle lingue più belle del mondo,…..o semmai,potremmo approfondire meglio una lingua straniera……

  7. Wanda Gerdol

    Son triestina patoca,de parte de papà e de mama, e el mio cognome xé una garanzia, credo. Ma, come che son contraria al furlan come lingua, go i miei dubbi anche sul triestin. Xé parlade locali e alora, per mi, xé dialeti. Se dovessi diventar lingua, dopo alora….! Obligatorio a scola, come in Friul, spese per insegnanti ecc ecc ecc. e za ‘ desso per la scola no vanza ( deformazion professional…. ex maestra!!!!)
    Mi el triestin lo parlo sempre, solo per educazion rispondo in talian, co xé el caso. Contentemose de parlar, de cantar, de conosserlo sempre de piú e mejo, sto nostro dialeto e insegnemolo ai nostri fioi, tanto l’ italian lo imparerà a scola, come gavemo fato tanti (e mi iero anche brava!)

  8. Arlon

    Wanda, la tua opinion xe comprensibile.
    Ma el mondo xe bastanza cambiado: se una volta “riconosimento” podeva dir doprarlo a scola, a livel governativo, o semi-forzarlo pur de tignirlo vivo come che i ga fato o i prova a far de altre parti, qua ghe xe do diferenze:

    Una xe el tempo de ogi, che con alta tecnologia, chatbot, riconosimento vocal, e cussì ‘vanti, se basa ormai quasi totalmente su un riconosimento formal de una parlada, con un suo codice ISO. Xe una question per bon de sopravivenza, int’el medio termine: come che el triestin scrito se ga svilupado per sai de lori, piasi o meno, su internet, cusì el pol eser disfado.
    Per dir una: se el triestin no xe registrado, int’una interfacia de controlo vocal (in esplosion sai a breve) no’l xe contemplado proprio, el sparìsi. Se el xe riconosudo, inveze, fusimo boni de continuar a doprarlo come che ne par e piasi. El modo de parlar e de esprimerse sai ga cambiado, e sai cambiarà ‘vanti: ne convien prepararse, se volemo che tuta una “forma mentis” tirada su int’ei secoli no la svoli via de boto.

    E un’altra roba xe la question come che la xe in pratica a Trieste: el triestin xe doprado, ogi, de quasi tuti… tanto che in giro ghe xe pien de lingue tecnicamente riconosude che xe ormai parlade de una picia minoranza, specialmente fra le gallo-italiche.
    Gavemo za visto el trend: basta molar per una generazion, e una lingua debole xe andada. Per sempre o poco via. Un strumento de più no fazesi mal.

    Sta iniziativa xe totalmente apolitica: vedarà più ‘vanti chi che aministra cossa/come gestir le robe.
    Ma ghe xe dele monadele che dovemo tignir de conto: basti pensar co’ i ghe ga fato longhi a quei che meteva i nomi dei pessi in triestin. Ste robe no ga de esister più, perché dopo parti autocensura, zerti nomi no se li legi più, e de boto taca a sparir parole e modi de pensar.
    Un minimo de standard ne ‘cori, che no vol dir imporlo a scola a chi che no vol né gnente del genere – questa comunque xe ‘na question che ghe starà drio i triestini del futuro – ma semplicemente darghe al triestin la dignità che i triestini ga za deciso, ogi, int’ela vita de ogni zorno, de darghe: quela de eser una lingua de fato. Za lo xe. Xe solo che de far (sperando che i esperti pel mondo ne lasi, dipendi de noi solo fin a un dato momento) un pasetin oltra.

  9. Arlon

    Lukas, el problema de la S ghe xe per sai de lori, no se scampa, mi incluso. Ma diria che xe ‘na question che podemo distrigar più ‘vanti. Prima le prime robe, che saria farghe dir ala parlada triestina “mi ghe son”, dopo le ciacole sul resto rivarà de suo 🙂

  10. NEREO ZEPER

    Comincemo col dir una roba: tuti i dialeti xe “lingue”, del punto de vista glotologico, ma “dialeti” e no “lingue” del punto de vista sociolinguistico. El triestin, dunque, xe un dialeto o, meo saria dir, una “lingua dialetal”. Rispeto ai dialeti, infati, le lingue ga “funzioni” che i dialeti no ga. Le pol esser “nazionali o de Stato”, “sientifiche”, “leterarie”, “sacre”… e no depertuto le confluissi tute quante in una lingua sola. In tanti paesi, come presempio, l’Irlanda o la Norvegia, le lingue nazionali (Gaelico e Norvegese) no xe le stesse de quele culturali (Inglese e Danese). In altri (Arabia Saudita e Israele) la lingua nazional xe la stessa de quela sacra (arabo e ebraico). Tuto questo per dir che quel che contradistingui el dialeto rispeto a la lingua xe la funzion e ‘l teritorio. La funzion del dialeto, infati, xe quela dei raporti no uficiali, no legali, no codificai, xe quela dei raporti personali, afetivi, familiari. Oltra questo, el dialeto xe la parlada de un teritorio ristreto e linguisticamente omogeneo, e no meti in comunicazion (come le lingue) parlanti dialeti diversi. El caso de l’Italia, po, xe un caso tuto particolar. In Italia i dialeti no xe “varianti” de la lingua nazional, come che sucedi in tanti altri paesi, ma vere e proprie parlade, tute derivade diretamente del Latin, e quindi lingue neolatine a tuti i efeti, come el francese, el portoghese, el rumen ecc. Una de queste, el Toscan, xe sta’ istituzionalizà e xe diventà la lingua italiana. Difati el Toscan xe sta’ de principio una lingua cultural, po, per el prestigio assunto come lingua cultural, el xe diventà anche una lingua franca, perchè el meteva in comunicazion i parlanti i vari dialeti de la penisola, e po, a partir del 1861, el xe diventà la lingua nazional del stato italian. La funzion de la nostra lingua nazional, dunque, xe politica, giuridica, cultural e social. In altre parole, in quanto lingua, la xe, o la xe diventada, una istituzion, laindove che i dialeti xe fenomeni spontanei de la facoltà espressiva vocale umana. La lingua xe codificada, regolamentada istituzionalmente; i dialeti, inveze, ga regole spontanee e no istituzionali, e perciò più facilmente sogete a cambiamenti o a variazioni individuali o temporali.
    Se adesso un qualsiasi dieleto italian vol diventar lingua xe segno che el se vol istituzionalizar e assumer una funzion che fina quel momento no ‘l gaveva avù. E alora el Triestin, diventando lingua, che funzion el podessi voler assumer? Politica? Cultural? Sientifica? No basta gaver avù la patente de lingua – come el Furlan e ‘l Sardagnol – per esser una lingua, bisogna anche gaver una funzion de lingua, che, a dir la verità, gnanca quei do no gavessi. E giustificada una compagna volontà pol esser solo se se ga spize autonomiste e indipendentiste – e quindi politiche.
    Conta poco che el Triestin oggi gabi una granda influenza su tuti i dialeti veneti de la Venezia Giulia, e sopratuto che ‘l fazi de tramite tra i furlanofoni e i venetofoni. Ogi, difati, el Triestin – o per meio dir una spece de Triestin semplificà – se sta afermando sempre più a spese del gradese, del bisiaco, del gorizian, del muiesan e de tuti i dialeti parlai ancora de le minoranze italiane in Istria. Conta poco che in tuti i comuni furlani confinanti cola Bisiacaria se lo parli come un “secondo dialeto”; dialeto el xe e dialeto el resta anche, se el ga assunto una funzion interdialetal, o quasi de lingua franca del Friuli-Venezia Giulia.
    No resta che una sola ragion per voler che el Triestin diventi lingua: i eventuali contributi statali. E per tanti questa xe un’otima ragion.
    Quanto a tutela e conservazion, quele no le xe de sicuro ligade a riconossimenti uficiali, che a mi me par solo che ciacole, ma a l’autostima linguistica dei parlanti.

  11. NEREO ZEPER

    Xe chi che no dopra el segno “ss” perchè el ga paura ch’el vegni confuso con una dopia. El problema de la dopia esse, però, xe un problema solo se se se fa influenzar de la lingua italiana che xe una lingua diferente del Triestin. Premesso che in Triestin le dopie no esisti, el digrama “ss” servi solo a denotar la esse sorda intervocalica. No xe necessario pensar che el denoti una esse dopia come in Italian. In Triestin le dopie no esisti e perciò el segno “ss” gaverà una funzion diversa, come che diversa el la ga in altre lingue, come presempio in tedesco, indove che el servi solo per render curta la vocale che vien prima. El digramma “ss” se rendi necessario in Triestin perchè senò se ris’ceria de confonder trope parole (casa e cassa, liso e lisso, roso e rosso, resa e ressa, mese e messe). Altre esigenze ga i vocabolari o i lavori linguistici. Ogi, oramai, se ga diffuso bastanza l’alfabeto fonetico internazional (IPA), ma fin a qualche decina de ani fa, no esistendo la stampa digital, no tuti i tipografi ghe riessiva facile compor un vocabolario con tuti quei segneti strambi, e perciò i linguisti (Rosamani, Doria ecc.), dovendo osservar un certo rigor sentifico, distingueva la esse sonora intervocalica de quela sorda doprando el Rosamani una esse longa ʃ e el Doria una esse sotopontada ṣ. Chi che come noi, inveze, scrivi senza la necessità de rigor sentifico (leterati, giornalisti, utenti del web ecc.) ma solo per farse capir più facilmente, scrivendo tuti col computer ghe xe de intrigo doprar segni che no xe su la tastiera. E in più le persone no xe abituade a veder segni strani, visto che la tradizion leteraria dialetal (veneziana e triestina) ga sempre doprà per la esse sorda intervocalica el segno “ss”. Escluso mi penso, no doprar gnente, perchè se creeria tropa confusion tra una parola e l’altra. Del resto no vedo perchè che se devi farse tanti problemi se nissun scritor dialetal veneto se li ga mai fati. Fina i furlani, co de recente i ga dovù normalizar la sua grafia, i ga doprà l’espediente del “ss” per la esse sorda intervocalica.

  12. ufo

    Daghe muli! Femoghela veder! Sondagio go fato, dove se firma?

    Però ne tocherà cambiar targa… Son’dà veder la lista e ts no se pol, xe rivà per primi dei mati strani ciamadi Tsonga. Podessimo magari darghe biava, ma go el dubio che lori sia un pochi de più de noi… Se nissun ga niente contro mi proponessi tt in cambio, xe libero. Come cossa vol dir, Trieste-Trst, ovio, no? Bom, per consolazion trs no i ne lo ga cora ciolto, basta che se demo de far, e dovessi’ndar ben per tuti.

    Full disclosure: mi ssai poco me cambia se el triestin xe lingua, dialeto o alfabeto, ma cos’che darìa per veder el muso de quei mone che per trenta ani i ne ga tazado anima e altro co sta storia del ‘bilinguismo mai’ e desso i scopri de esser nati e cressudi sia mone che bilingui 🙂

    Lezion de storia: oltra Isonzo prima i ga fato Italia e dopo taliani, e se ga visto el risultato. Quei del MTLT i voleva far teritorio desso e triestini dopo, e nianca dir… Per ordine: prima se fa el trs o tt, poi se fa triestini, e dopo the lupi is the limit.

  13. John Remada

    12@Se vai oltre l’Isonzo occhio a saper i dialetti afgani e pakistani….si rischia una cortelada….,meglio oltre il Timavo , i bengalini su questo sono più tranquilli… Quanto al D.D.T. deve aver traslocato in Guyana o alle Comore vista la disfatta bisiaco / giuliana. Peccato che gigi gondoa sia sparito, lui sapeva tutto o quasi e ci avrebbe delucidato; quel che non sapeva il pover uomo, è che chiunque abbia certi atteggiamenti non campa a lungo….ma non posso biasimarlo , ci ha provato!

  14. Gianni Bua

    @ 13…Ma come,Egregio, dopo la grande vittoria della Cilint in quel di Monfalcone, non è riuscita a ….normalizzare.. il suo bel paesotto ?? Le falangi della Lega Nord,Fi FdI etc. non riescono a fal risalire le valli all’odioso usurpatore ?? Bivacchi/canti orientali nelle sue piazze ‘
    Si consoli, qui a Trieste invece va tutto bene; abbiamo la sagra permanente, il vice-sindaco (che per molti è quello che comanda) fa un ukaze dopo l’altro,multe da N K di Euro a quelli che purtroppo non possono pagare, la ferriera (per fortuna di quelli che vi lavorano) non è chiusa anzi sta abbattendo gli indici d’inquinamento. potrebbe suggerire alla sua sindaco di prendere a pedate qualchew jersey…
    Servus, Gb

  15. John Remada

    @15 C’è un piccolo particolare, caro Bua….che io ero a mia volta in una lista di destra, ma fuori dal blocco Cisint ; ottimo il nostro risultato, obiettivo raggiunto; quindi se i magnifici 7 ,ora 6 senza la Fenice, riusciranno ,meglio per loro, meglio per tutti….se no , pagheranno dazio. In ogni caso il passivismo distruttivo della Altran non poteva che culminare in una severa batosta , e in ogni caso risulta un punto di non ritorno , e questo è già un risultato che fa per lo meno sperare.

  16. sfsn

    Come diseva el grande storico Eric Hobsbawm: “Un dialetto è una lingua senza esercito”.

    Sul tema dele ss: mio cugin de Milan ga sempre sostenù che el triestin xe un dialeto veneto con pronuncia slava, e mi son totalmente dacordo.
    Perciò credo che el modo più pratico de scriverlo sarìa doprar le “strešice” slovene (vulgo “pipe”) o adiritura la cirilica (vulgo cirillico). Cussì cascherìa automaticamente qualsiasi problema sul uso dela ss, dele varie s dolci (tipo rosa, roxa, ecc.) e del grupo šč (s’cioca, s’cenza).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *