28 aprile 2017

Trieste sogna: parte il crowdfunding per sostenere il corto d’animazione triestino

el sunto Trieste Sogna è un corto d'animazione in via di realizzazione nato dal fortunato incontro di artisti e professionisti che lavorano a Trieste

Parte su Kisskissbankbank il crowdfunding di “Trieste Sogna”, un progetto che mette al centro la città di Trieste e I triestini tutti. L’idea nasce dall’incontro fortuito tra il regista Carmelo Settembrino, già autore dell’originale spot realizzato per l’Ente Turismo FVG “A Trieste, viva!”, e la fumettista Paola Ramella in un noto caffè triestino e da una chiacchierata sul testo fiabesco dello sceneggiatore Guendal. La natura letteraria del testo e il suo connubio con le tavole di Paola ispirano al regista il linguaggio dell’animazione cinematografica: nasce così l’idea di un cortometraggio che possa riscrivere l’immaginario della città, nasce “Trieste Sogna”.


Ecco una breve sinossi del corto:

Una bambina narra al nonno una storia: che cosa succede quando la città di Trieste si addormenta?
Dai flutti del mare di fronte a Piazza dell’Unità d’Italia si erge Tergestea che premendo la bitta con la Rosa dei Venti sulla punta del Molo Audace innesca una serie di eventi magici: grazie al suo incanto le statue si animano e il Parco di Miramare si riempie di dinosauri e si susseguono eventi favolosi fino a che, all’alba…

Scegliendo l’utilizzo di una tecnica di animazione classica (16 disegni al secondo), viene prodotto un trailer e presentato il 21 marzo scorso al prestigioso festival Cortinametraggio dove ottiene un ottimo riscontro tra pubblico e addetti ai lavori tanto che l’attrice siciliana Mariagrazia Cucinotta adotta l’idea e diventa testimonial e madrina del progetto.

Trieste Sogna è un atto d’amore verso questo luogo e chi lo vive quotidiamente. Per la prima volta Trieste, già location di numerose opere cinematografiche, diventa scenario onirico di un film di animazione, rivelando tutto il suo fascino antico e quel mistero impalpabile che emerge dal mare che bacia le sue coste. Attraverso l’artificio dell’animazione e del cinema la città viene restituita al mito che la rappresenta, rinasce brillando di nuova luce.

Per questa ragione, come forma di fundraising, necessaria a coprire le spese di produzione, si è scelto  lo strumento del crowdfunding, per dare la possibilità all’intera cittadinanza e quindi anche alle aziende e alle realtà vive operanti nel territorio di contribuire e coinvolgersi nella realizzazione del “Sogno”, per trasmettere la passione che ha travolto gli ideatori del progetto, nella convinzione che una volta terminato, il progetto lascerà un segno indelebile nella storia della comunità triestina e non solo, per fare in modo che il successo di quest’idea diventi una festa di tutti.

Per partecipare alla campagna di crowdfunding prenotando il corto in diversi formati o altre ricompense, basta seguire questo link.

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *