17 marzo 2017

Radiodrammi di coppia: in libreria il primo libro di Alessandro Mizzi. Un’anteprima.

el sunto Lunedì 20 marzo alle 18.00 al Teatro Miela la presentazione del primo divertente libro di Alessandro Mizzi, capocomico del Pupkin Kabarett

“Questo no xe parlar, questa xe una via de mezzo tra far barufa e no gaverse neanche pel cul”.
Radiodrammi di coppia, ovvero dialoghi tra uomo e donna, scenette irresistibili da anni portati da Alessandro Mizzi al Pupkin Kabarett in coppia con Laura Bussani.
Adesso i Radiodrammi fanno un ulteriore passo ed escono dalla cornice del Teatro Miela, diventando un libro già presente in tutte le librerie di Trieste e Bisiacaria, nonché online a questo link e in versione ebook.
Il libro, con prefazione di Pino Roveredo, sarà presentato lunedì 20 marzo alle ore 18.00 nella saletta del Teatro Miela, dove tutto, in fondo, ebbe inizio. Ingresso libero.

Questa un’anteprima del libro:

ZANZARE

– Ahia!!! Che mal ara!
– Cossa xe nato?
– Porca putana che mal che me go fato.
– Ma de novo, xe la terza volta in una setimana che te sbati el zenocio sul comodin.
– Se me toca sempre vegnir in leto in scuro xe el minimo che me possi capitar.
– Dopo tanti anni ormai te dovessi saver dove che xe el comodin.
– Non saria più facile che te impizi la luce?
– No posso, se no entra le zanzare.
– Ma se xe le finestre serade e anche i rolè!
– Le zanzare entra comunque, po le finestre xe piene de spiferi che ti te gavevi dito che te giustavi.
– E cossa le zanzare entra dei spiferi?
– Le zanzare xe pice pice e le se infila pertuto.
– Ara che se le zanzare vedi i scuri tirai zo e le va de un’altra parte dove che xe più spazio per passar.
– Te se sbai, xe una clapa de zanzare che le vien tute le sere de mi.
– Sempre quele? E come te fa a esser cussì sicura?
– Le riconosso del rumor che le fa.
– Sa che te me preocupi? Ti te son fissada con sta storia dele zanzare, ormai te parli solo che de quel.
– Volessi vederte a ti che te toca andar a lavorar col muso pien de becconi.
– Ma se ti te fa la casalinga, te pol star casa e no te vedi nissun. E po a mi le zanzare no me beca.
– E cossa, le me beca solo che a mi?
– Ara, mi no go gnanca un becon.
– No vedo gnente xe tuto buio.
– E impiza un atimo la luce!
– No! Coss’te son mato? Te vol vederme sfigurada?
– No sarà che le zanzare te beca per via de l’odor de quela crema per le rughe che te se meti prima de andar a dormir?
– Non xe una crema per le rughe, xe solo una crema idratante, deficiente.
– Desso so perché le zanzare te beca solo che a ti.
– Avanti, sentimo!
– Perché te son cativa!
– Che mona che te son!
– Xe scientificamente provato che le zanzare beca più le babe che i omini perché le xe cative, e te sa perché sè cative? Perché gavè el sangue velenoso che ale zanzare ghe piasi.
– Meno mal che la cativa saria mi.
– Scusime, scusime, go esagerà, ma ti con sta fobia dele zanzare te me farà diventar mato. Te se rendi conto che ormai non xe più dialogo tra de noi? Parlemo solo che de zanzare! Perché no se molemo?
– No podemo!
– Perché?
– Perché dovemo finir de pagar el mutuo.
– Ah, e quanto ne manca?
– Circa tredise ani e sete mesi. Dovemo spetar ancora un pocheto.
– Ah? E nel fratempo cossa femo?
– Continuemo a no gaverse gnanche pel cul.
– Poderò verzer la luce qualche volta?
– No, xe meio che stemo in scuro.
– Certo, se no entra le zanzare?
– Bravo. E cussì gnanche no te vedo.
– E se mi volessi leger?
– Te va in sogiorno.
– Grazie.
– Bon, desso lassime dormir.

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *