25 gennaio 2017

Film festival: venerdì c’è “La pizzeria”, un corto ‘on the road’ sulla periferia triestina

el sunto "La pizzeria" di Massimiliano Milič racconta di un locale di Borgo San Sergio dove interagiscono immigrati e esuli di ieri e oggi

E’ una storia della periferia di Trieste, dove si incontrano immigrati di oggi e esuli di ieri. Si tratta del cortometraggio “La pizzeria” di Massimiliano Milič, che verrà proiettato la sera di venerdì 27 febbraio al Teatro Miela.

Il contesto è quello del Trieste Film Festival e il momento è quello dedicato ai cortometraggi del progetto ‘Camera di Specchi’, coordinato dall’associazione Drop Out. In effetti, il pubblico potrà assistere dalle 20.00 non solo al documentario di Milič ma anche ad altri 3 film diretti da giovani autori e che in varie maniere affrontano il tema dello “sconfinamento”.

In particolare, “La pizzeria” è un film che racconta l’emigrazione di ieri, ma anche quella di oggi”, spiega Massimiliano Milič che, lo ricordiamo, è autore di Bora.La e ha prodotto e diffuso recentemente il corto ‘Drago’. Per i primi mesi del 2016 Massimiliano ha scelto di lavorare in una pizzeria campana nel rione di Borgo San Sergio, a Trieste per imparare il mestiere del pizzaiolo. Ma Massimiliano non ha portato a casa solo qualche competenze in più in fatto di impasti e condimenti: “Come in tante periferie europee, una buona parte degli abitanti di questa zona – se non la maggioranza – sono emigrati. Espressione di questa multiculturalità, una sorta di micro-cosmo, era la pizzeria dove lavoravo”.

Continua Milič: “C’erano il titolare salernitano, il cuoco istriano sloveno, il cuoco esule istriano italiano, il pizzaiolo pugliese e la donna delle pulizie di origini serbe. Ma ciò che mi attirava di più di questo luogo, senza che all’inizio me ne rendessi conto, erano le dinamiche interne. Spesso e volentieri potevo sentivo vociferare pregiudizi nei confronti degli emigrati odierni da parte delle persone che lavoravano in pizzeria. Ma questo pregiudizio ‘da bar’ non si traduceva concretamente nei rapporti interpersonali tra chi ci lavorava e gli emigrati, per esempio africani, che frequentavano la pizzeria. Potevi sentire il vecchio cuoco istriano italiano Arno, uno dei protagonisti della pellicola, commentare ad alta voce con tono sprezzante una notizia alla tv sugli emigrati africani e arabi, ma poi – alla prova dei fatti – trattare questi emigrati con simpatia e gentilezza come il vu-cumprà Johnny a cui ogni mattina veniva offerto il caffè.

“Nei mesi che ho passato nella pizzeria”, racconta Milič, “prima come aiuto-pizzaiolo poi nei panni del regista, ho trovato più umanità e fratellanza che in tanti altri bar, caffè o salotti bene di Trieste. Oggi, la gente comune critica l’immigrazione, magari vota alcuni partiti schierati contro il fenomeno e si scaglia rabbiosa su Facebook contro gli emigrati. Sicuramente lo fa anche perché non conosce queste persone nella sua vita quotidiana, concretamente. Quando però i residenti entrano in contatto con lo straniero, allora può sorgere un atteggiamento umano e solidale”.

Conclude Milič: “Il mio corto è un tentativo di raccontare Trieste, ma anche l’Italia. Attraverso “La pizzeria” volevo creare un piccolo ritratto di un pezzetto di Italia. Oggi i pregiudizi dilagano nei confronti dell’immigrato come del resto dilagavano fino a 10 anni fa nei confronti dei meridionali che si insediavano a Trieste. Spesso, per alcuni triestini, ho la sensazione che sia un razzismo soltanto a parole”.

Il film “La pizzeria” è stato girato da aprile a settembre 2016 con una piccola troupe composta dal regista Massimiliano, la fonica Teresa Scarcia e il cameraman Sebastiano Coslovich. Assieme a “La pizzeria”, venerdì verranno trasmesse altre pellicole. Si tratta di “Melilla” di Otto Reuschel, un triestino che lavora a Berlino ma ha origini miste e che racconta l’enclave spagnola di Melilla in Marocco. Un altro film esplora i lati meno conosciuti dell’integrazione a Trieste ed è diretto da Pablo Molano, colombiano sposato con una triestina e papà di tre figli. In programma anche il corto di Giovanni Ortolani sull’Ictp, il Centro Internazionale di Fisica Teorica fondato da Abdus Salam.

L’appuntamento per “La pizzeria” e gli altri corti è dalle 20 di venerdì 27 gennaio al Teatro Miela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *