11 gennaio 2017

Stelle Migranti, una serata sulla rotta balcanica

el sunto Giovedì 12 gennaio Arci, Rime e ICS invitano i triestini a Stelle Migranti – una serata per conoscere meglio e temere meno profughi e migranti.

Le crisi internazionali che hanno causato le attuali ondate migratorie sono ben lontane dal venire risolte. I flussi di sfollati, profughi, fuggitivi che giungono nei paesi dell’Unione Europea non diminuiranno in tempi prossimi. Di un fenomeno complesso dai molti livelli (dalle crisi geopolitiche mondiali agli innumerevoli drammi dei singoli, passando per lo sfruttamento delle miserie altrui da parte del crimine organizzato e per risposte politicamente scoordinate nei paesi europei), il cittadino medio ha spesso una visione limitata e una scarsa possibilità o capacità di ottenere informazioni più complete.

A Trieste la risposta, organizzata da Caritas e ICS secondo il bilanciato modello dell’accoglienza diffusa, non riesce a placare timori eccessivi e polemiche strumentali: a fronte di alcuni problemi reali creati da un ridotto numero di persone giunte in città, una gran parte degli “accolti” (così vengono chiamate le persone prese in carico dall’ICS) transita per Trieste in maniera quieta. Diffidenza, sospetto e intolleranza però fanno la parte del leone nelle reazioni del cittadino medio; purtroppo per solide ragioni –  come ricorda per esempio il sociologo appena scomparso Zygmunt Bauman: in occidente viviamo in un mondo di tutele e sicurezze calanti, rischiamo di perdere il modo di vivere che abbiamo fin qui costruito o auspicato di costruire, e questo scatena le nostre paure.

Non è dunque per “buonismo” che ci sembra indispensabile conoscere meglio fatti e storie legati a queste forme contemporanee di immigrazione: è perché un mondo dove loro “non ci sono” è di fatto impossibile. È perché vivere nella paranoia generalizzata verso l’altro fa prendere pessime decisioni. È perché le azioni, buone e cattive, sono responsabilità dei singoli, e ai singoli vanno imputate quando è necessario. È perché la nostra diffidenza aumenta la difficoltà ad adattarsi da parte di chi arriva o transita.

Al di là delle buone intenzioni (cui è facile, quanto avventato, rispondere “ma chi ti dice che vogliono integrarsi?”, “ma non vedi che ce ne sono sempre di più in città?”, “ma non capisci che la nostra società non ha nulla in comune con la loro?”, “ma non ti rendi conto che loro sono solo maschi adulti che girano in bande?”), è importante che vengano create le occasioni per incontrarsi e riflettere, a fianco di quelle per accogliere.

schermata-2017-01-10-alle-13-59-33È con questo spirito che giovedì 12 gennaio 2017 in viale XX settembre 104, a partire dalle ore 19.00, l’ICS in collaborazione con l’associazione Rime e l’Arci invita la cittadinanza a partecipare a Stelle Migranti, una serata dedicata alla scoperta delle storie e dei drammi delle persone che hanno abbandonato i loro paesi. La serata avrà inizio con la presentazione dell’installazione artistica Stelle di Virginia Di Lazzaro e Micol Sperandio e sostenuta dalla Carovana artistica Udine-Idomeni.

L’installazione è una raccolta “di segni, presenze e storie per comprendere e raccontare la condizione della moltitudine di persone in transito” lungo la Rotta Balcanica (sulla quale segnaliamo questo informato anche se non aggiornatissimo blog). Di seguito, Franz Molino dell’Associazione Rime e Safi Mizra (accolto dall’ICS) leggeranno testi, accompagnati dalla chitarre di Tiziano Bole e Emanuele Grafitti. Per concludere, ci sarà un rinfresco preparato dalle famiglie di richiedenti asilo ospitate a Trieste.

L’entrata è libera – ma speriamo che non sia questo l’unico motivo a spingere la partecipazione dei triestini.

Tag: , , , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *