10 gennaio 2017

La lettera di San Nicolò ai triestini

el sunto San Nicolò ci racconta delle le sue avventure e disavventure a Trieste durante le feste natalizie.

Riceviamo da San Nicolò e pubblichiamo.

Caro Triestin,

ogi, pasade le feste, go decidesto de scriverte perché me xè capitade robe sai strane. L’altro giorno presempio, iero intorno a via Giustiniano che ciacolavo con un mulo african, ghe stavo per dar una monedina ma un furlan (no son sicuro ma per mi el iera furlan) me passa vizin e me disi “BUONISTA!”.
Mi son vecio e rintronà, go pensà de no gaver capido e ghe go dito col mio accento de Bari: “Scussi, sarà che sono nato in Turchia, ma non ho capito cossa mi ha detto…”. El mato se ga imborezà, me ga ciapà pel bavero e me gà risposto: “Un altro extracomunitario! Non se ne pol più, mi te riempio de lucette!”. Me son spaventado, meno mal che gavevo el pastoral con mi, go fato come per darghelo in testa e el xè ‘nda via. Oh, son vecio ma peverin, anche se el fosi stado un pugile, che gavesi mi insegnado el rispeto!

Ma ‘ndemo vanti, vado in Via Fabio Severo e vedo un poster de quela eminenza griga che gave’ voi. Credo sia un’eminenza perchè el se firma solo col nome come i Papi e i Santi. Bon, insoma sto manifesto me fa i auguri. Ben grazie, parimenti. Ma se tuto l’anno te ga meso manifesti che insulta i suoi aversari, la roba no xè cussì bela. Senza parlar de coss’che faria mi de i soldi che’l spendi in ste monade, ma lasemo star.

Alora vado in piaza grande e no poso far a meno de pensar a ‘sti politicanti che i se ga meso a brigar sul Nadal! I ga fato gara a chi che ga l’albero più grande! E chi ga fato el presepio più bel! Go parlado col capo, quel che ga el compleanno el 25 Dicembre, e el me ga dito che se anche l’anno prossimo i fa cussì, el preferissi no festeggiar.
Per no parlar del resto de l’anno, no passa giorno che con arroganza e maleducazion no i se pizzighi per ogni sempiada. Tutti: destra sinistra, sora, sotto, centro, de quà e de là. Son vecio ma veramente rimpianzo i confronti dialettici dei politici de una volta.

Ma no xè colpa dei politici. Almeno voio sperar che no i sia così cafoni, ineducati e spacconi come che i se vol dimostrar. Penso e spero che i lo fa solo perchè i sa che così i acquisisi consensi. E alora la colpa xè de chi questi consensi ghe li dà. I se fà un casin de selfie, de video (qualche volpe anche guidando…) per farse veder, sempre in zerca de consenso, ma bel e giusto sarìa che no i perdi tempo in ste sturlade. Chi xè sta eleto no ga de dimostrar niente se non col lavor, per certo no coi sorisi e i tramonti. Chi non xè sta eleto ga de far el posibile per tener gli eleti soto controlo che no i combini disastri e propor idee alternative. Stop. Me fermo, senò sicuro qualchidun scominzia a insultarme.

E no xè gnanca colpa de i “altri”. I stranieri, i imigrati, i teroni, i omosesuali, i diversi. Come dixeva el grande UMBI (no, no Saba, e gnaca Lupi, bensì TOZZI) “gli altri siamo noi”. El triestin gà sempre fato giusto motivo de orgoglio l’eser un mis mas de provenienza, religion e cultura. Perchè adeso no va più ben?

Perchè xè crisi forsi? Sì, xè vero. Sera i negozi storici, el negozio de giarettiere del centro, quel de papillon in Riva e tuti a comentar sui soscial (se scrivi cussì?) ma mi me fa più rabia che i sera la botega de ponziana, l’edicola de Pis’cianzi e la torefazion de San Vito in un silenzio che ziga vendeta. E poi i verzì meganegozioni del primo forestier che prometi posti de lavor e ghe se dà anche sovenzioni… Bah, forse son mi che no capiso. Mi go viagiando tanto, son anche el protetor dei maritimi, go visto tanti loghi, ma bei come Trieste mai. Epur zerchemo de copiar i altri loghi inveze de far in modo che i altri vegni de noi a veder come che se ga de far le robe per ben.

Caro el mio triestin, te gà un gran cuor, lo so e te lo gà dimostrado spesso anche sto anno (te son proprio boba ciò, anche co te fa solidarietà te ga de mandar in mona, ehehe) però se non te lo accompagni a un pochetin de testa, xè pecà. Volevo portarte carbon, ma te gà bastanza polvere nera in balcon, e me par che come punizion xè zà grande. Quel che te chiedo come regalo xè quindi una roba sai semplice. Per favor continua a gaver e insegnar ai fioi i valori de sempre: solidarietà, altruismo, gentileza, creanza. Mal no far, paura no gaver! Chiedo tropo?

Adeso vado. No, non in ferie, vado dove stago 11 mesi l’anno. Un poco all’ITIS, un poco all’Igea, un poco in casa de riposo. Vieme a trovar ogni tanto. Son quel solo, in cantonzin, che oserva. Se te trovi qualche minuto per mi, te portarò una clementina o un per de mentine sfuse.

Ciau, scusime i erori, ma te sa che son teròn.

San Nicolò

 

*Pupolo di Chiara Gelmini

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *