13 dicembre 2016

Progetto IDRICO: domani la presentazione

el sunto Incontro pubblico di presentazione del progetto IdRiCo - IDee per RIsorse COllettive, alle 17 del 14 dicembre nell'Aula Magna dell'ex SSLMIT

Il progetto IdRiCo – IDee per RIsorse COllettive, che ha come obiettivo generale la promozione del ruolo attivo delle donne di Keur Bakar Diahité (Senegal) nella gestione dell’orto biologico comunitario e nell’ottimizzazione dell’utilizzo della risorsa acqua con tecnologie all’avanguardia.

Il Senegal figura tra i Paesi Meno Avanzati (PMA) secondo il Rapporto Mondiale sullo Sviluppo Umano: quasi la metà della popolazione vive sotto la linea di povertà e la disponibilità d’acqua dolce pro capite è costantemente e drasticamente diminuita negli ultimi 2 decenni da 2,89 l/1000m2 nel 1996 a 1,94 l/1000m2 nel 2011 (FAO, 2011): queste sono tra le principali cause dei numerosi migranti che affrontano l’elevato rischio di raggiungere l’Europa.
La Regione di Fatick, situata nel centro sud-ovest del paese, è tra le regioni più povere in quanto il tasso d’incidenza della povertà è del 67,8% e la carenza di acqua potabile è una delle principali motivazioni della disparità con le altre regioni. A sud della Regione di Fatick si trova la Comunità Rurale di Nioro Alassane Tall, che è composta di 61 villaggi, tra cui Keur Bakar Diahité.

E’ stato scelto come sede del progetto perché luogo di origine di alcuni migranti senegalesi partecipanti alle attività in Italia e perché mira a completare una precedente progettualità rivolta all’ottimizzazione dell’uso dell’acqua attraverso tecnologie all’avanguardia ed ecologiche.
Il progetto IdRiCo (Idee per Risorse Collettive), attraverso il sostegno della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia – L.R. 19/2000, ha avuto inizio proprio in questi giorni di novembre, è parte di un progetto integrato più vasto di realizzazione di un eco-villaggio ed ha come obiettivo generale di promuovere il ruolo attivo delle donne di Keur Bakar Diahité nella gestione dell’orto biologico comunitario e nell’ottimizzazione dell’utilizzo della risorsa acqua con tecnologie all’avanguardia, sia per la sostenibilità ecologica che per la durata nel tempo.

I protagonisti del progetto in Senegal sono l’ONG USE (Union pour la Solidarité et l’Entraide), il Comune de Nioro, Keur Bakar Diahité e FEEDA (Femme, Education, Eau et Développement).
La collaborazione si estende con l’associazione provinciale Arci Trieste, l’Associazione Senegalesi della provincia di Trieste, MUSOCO Onlus (MUtualità, SOlidarietà e COoperazione), il Dipartimento dell’Università di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell’Interpretazione e della Traduzione dell’Università degli Studi di Trieste e l’ESCO Enerproject S.r.l. (Energy Service Company).

E’ già in programma la prima missione a Keur Bakar Diahité per fine novembre: gli obiettivi consistono nel concordare le attività di formazione e le costruzioni con gli attori locali e fare i primi sopralluoghi congiunti per cominciare le attività di cantiere.

La presentazione del progetto, delle tecnologie che lo caratterizzano e dei risultati di questa prima missione, avverrà il 14 dicembre alle 17:00 presso l’Aula Magna dell’ex SSLMIT, oggi parte del Dipartimento IUSLIT, in via Filzi 14.
Alle 19:00 seguirà un aperitivo presso il locale vicino, in via Giorgio Galatti 11, in cui sarà possibile sostenere il progetto IdRiCo.

Maggiori informazioni sono disponibili a questo link.

Tag: , .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *