17 Novembre 2016

Tetris cala il tris

el sunto Tetris cala il tris. Nel weekend infatti al circolo di via della Rotonda 3 saranno ben tre le serate dedicate alla musica live.

Tetris cala il tris. Nel weekend infatti al circolo di via della Rotonda 3 saranno ben tre le serate dedicate alla musica live.
Si comincia venerdì con il release show dei triestini Ibreathyoudie, di nuovo sul palco di Tetris dopo il concerto devastante dello scorso gennaio. Stavolta suoneranno tutto il loro primo demo, fresco di stampa. Per festeggiare hanno chiamato da Treviso gli Attempts, modern hardcore con un tocco di melodia.
Qui potete leggere una recensione che include una breve intervista a Fabrizio degli iBreatheYouDie.
Sul loro demo Marco Pasini (Salad Days, The New Noise) ha scritto: “Sei pezzi al fulmicotone, con una voce urlata e sofferente, con delle chitarre che feriscono nell’anima e ti lasciano sanguinare inerme. Un suono ‘collettivo’, in cui ogni membro della band riversa il proprio stato d’animo per poi raggiungere la catarsi assieme a tutti gli altri”.
In chiusura, dj set a cura di Jeve.
Sabato torna l’appuntamento con Tetris Reggae Showcase, appuntamento mensile, nell’ambito del quale il circolo ospiterà svariati artisti della scena reggae italiana e non.
Da Brescia, pronti per stupirci, arrivano i Road To Zion.
L’idea che sostengono è molto chiara: il loro è dub europeo, ispirato alla scena francese come Panda Dub e Stand High Patrol, ma non si dimenticano le radici giamaicane del genere.Ascoltare per credere.
Assieme a loro, Italy in Dub dj set, progetto nato nel 2014 a Trieste con l’obiettivo di condividere la passione per la musica dub nei suoi vari stili. Per farlo utilizza principalmente il proprio canale di internet-radio dove ogni settimana propone un appuntamento dedicato a sound system e artisti internazionali.
Domenica appuntamento con il glam metal, genere che negli anni ottanta dominava le classifiche mondiali. Si dice che l’avvento del grunge lo abbia spazzato via, ma non è proprio così, perché ci sono ancora molte band underground che lo portano, dove deve stare: sulla strada e sui palchi.

Gli StOp, sToP te li immagini sul Sunset Strip, ma vivono in Inghilterra e sono due spagnoli, Jacob A.M. (fondatore del gruppo, basso e voce) e Vega (chitarra), e un bulgaro, Danny StiX (batteria). Lo spirito, comunque, è lo stesso delle band americane: a testimoniarlo due full length (“Unlimited” e “Join The Party”) più un terzo in uscita in questi giorni (“Barceloningham”), che gli STOP STOP intendono suonare ovunque.
Scrive Gaz Tidey di Über Röck: “I’d hazard a guess and suggest that the majority of the copies of ‘Barceloningham’ sold will be after the band has just played another blinding, shit-eating grin-inducing live show in some grubby rock club. Not one person who buys it on the strength of the performance they will have just witnessed will be disappointed by its glam-smeared hard rocking wares”. Dunque non vi resta che passare. Sono richiesti: lacca, trucco, colori, vestiti due taglie più piccoli, spandex, denim e nessuna vergogna.
Tutti gli eventi di Tetris sono riservati ai soci.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.