26 ottobre 2016

Il tram di Opicina ricostruito con i Lego

el sunto Costruire il tram di Opicina con i Lego, un'impresa riuscita perfettamente a Prison Bricks. Ecco le foto e l'intervista.

Un tram di Opicina tutto di mattoncini LEGO. Opera di Prison Bricks, che in realtà si chiama Diego (ma no son mi, magari savessi far ste robe!), al quale abbiamo chiesto di raccontarci da dove nasca questa sua passione e abilità. Ecco cosa ci ha raccontato:

Momentaneamente le costruzioni con i LEGO sono il mio unico “campo artistico”, purtroppo il tempo a disposizione è poco e questo hobby/passione ne richiede moltissimo (lavoro tutto il giorno e alla sera devo pur stare con la mia famiglia), così come il denaro per comprare i set o i pezzi sfusi, non lascia davvero spazio ad altri “sfoghi artistici”.
La passione nasce da bambino, come penso sia nata in ogni AFOL (Adult Fan Of LEGO), le costruzioni con i mattoncini LEGO sono sempre state il mio gioco prediletto. Poi, crescendo, gli interessi cambiano e come si dice in gergo si entra in una sorta di “dark age” in cui la passione si affievolisce, ma non scompare, va in letargo e si nasconde, restando però in allerta, pronta a cogliere qualsiasi scintilla che possa rinvigorirla…

E così accadde all’incirca l’estate scorsa. Dopo una vacanza con la famiglia in cui viaggiammo in aereo, decisi di riesumare dalla cantina i miei vecchi lego, perché volevo ricostruire per i miei bambini un aereo con cui giocavo io alla loro età… Inutile dire che ne sono rimasti molto entusiasti e altrettanto il sottoscritto, da quel momento iniziai ad avvicinarmi di nuovo ai LEGO, prima con la scusa dei bambini, poi senza scusa e ora ci sono dentro fino al collo (consorte felicissima…).
Dopo aver racimolato set passati e presenti (soprattutto a tema Star Wars) e aver accumulato l’esperienza necessaria nelle nuove tecniche di costruzione (in 24 anni di dark age ne sono cambiate di cose) ho provato a “mettermi in gioco”, cercando di costruire qualcosa di mio, MOC in gergo (My Own Creation).

Il risultato è questo tram, il Tram De Opcina o Tram Di Opicina (su flickr Tram Of Opicina 🙂 ) che dir si voglia. La progettazione è stata lunga, non tanto per definirne la forma e il “grosso” della costruzione (sono più di 600 pezzi), ma per trovare soprattutto le tecniche costruttive più adeguate per alcuni dettagli. Ho poi ordinato i pezzi sfusi e una volta assemblato l’ho rivisto e corretto almeno 5 o 6 volte.
Questa è la versione definitiva e, almeno esternamente, non credo la modificherò più.

30402021812_ff4b639fc6_z
Ho altre MOC, in mente, di cui una già in progettazione (ma proprio appena iniziata) che mi porterà via molto più tempo del tram, di più non posso dire 😛
Commercializzabili? Tipo questo tram? Quanto offrite? Così valuto… Scherzi a parte, queste creazioni le faccio per me e i miei bambini, se poi qualcuno dovesse farsi avanti per info su costi e quant’altro, beh, basta chiedere.

L’idea di una mostra sui LEGO a Trieste? Sarebbe una bella idea! Anzi, bellissima! Manca! Anzi, non so neppure se c’è mai stata. Udine ogni tanto ne fa qualcuna, noi…
E si, almeno una volta avrei il piacere di parteciparvi, giusto per capire come funziona e cosa si prova a stare “dall’altra parte del bancone”.

L’idea di ricostruire altri aspetti tipici di Trieste con i Lego e organizzare una mostra è stata lanciata e non sarebbe niente male. Chissà che dopo questo articolo non nasca qualcosa di interessante…
Chi volesse contattare Diego può farlo a questa mail:[email protected]

Altre foto sono visibili sul suo account flickr.

Tag: , .

13 commenti a Il tram di Opicina ricostruito con i Lego

  1. Barbara

    Se vai sul sito della LEGO, puoi costruire la tua creazione e se viene likata almeno tot volte poi la commercializzano…è successo così X Walee ( non so se si scrive così!)

  2. Elenucci

    questo il link di LEGO IDEAS:

    https://ideas.lego.com/dashboard

    L’idea viene pubblicata e ogni tot voti, bisogna iscriversi al sito per poter votare, aumenta il tempo in cui l’idea rimane online. Raggiunti i 10000 voti di supporto, la Lego valuta la fattibilità della produzione.

  3. Elenucci

    dimenticavo: bellissimo! Lo comprerei subito! 🙂

  4. @Barbara Si, lo so benissimo, conosco molto bene LEGO Ideas. Al momento non sono interessato a proporlo come “Ideas”, anche perchè, in ogni caso, anche se non venisse mai approvato e quindi commercializzato ufficialmente, ne perderei i diritti per 3 anni dal momento della mia pubblicazione del progetto sul sito…

    PS: nell’intervista ho dimenticato di dire che non uso facebook (non mi piace 😛 )

  5. Walter

    Ma se si volesse contattare per l’acquisto a chi ci si può rivolgere?

  6. michela

    che abilità questo prigioniero dei mattoncini! il tram è straordinariamente bello, sono rimasta di stucco. Quando ero piccola io i Lego non erano mica così !!! soprattutto la seconda foto con le case, è sbalorditiva: perfino le piantine con i fiori…. sono stupefatta. Credo che se il tram fosse messo in vendita, molte persone lo comprerebbero. E’ talmente carino che lo vorrei pure io, che ho un poster riproducente un quadro di Flavio Caiulo: il tram di Opicina che sale lungo le rotaie in una giornata di bora.

  7. Molto bello! E mi fa piacere vedere che la tecnica utilizzata per il tram è molto simile a quella che uso da anni per le mie riproduzioni dei tram torinesi. Tra l’altro la vettura di Opicina ricorda molto, come forma, quelle della linea Sassi-Superga di Torino.

    Qui ci sono i miei modelli:
    http://www.tramditorino.it/modellini_lego_tram.htm

  8. Lucajuventino! Sei stato una grossissima fonte di ispirazione per me! Grazie infinite per aver condiviso i tuoi capolavori, senza averli visti non so cosa avrei potuto fare!

  9. Fiora

    Capolavoro! spiace che rimanga confinato all’ammirazione dei pochi che hanno l’occasione fortuita di ammirarlo…
    Ti cimenteresti anche con il Faro della Vittoria, Diego? Magari la staticità del modello che si limita allo splendi & ricorda potrebbe non essere altrettanto stimolante rispetto al Tram de Opcina, ma entusiasmante per me che sono di parte, o meglio di quelle parti, dai! 😉

  10. @Fiora
    @Michela

    Come scritto nell’articolo sono al lavoro su un’altra MOC (un’altra “creazione”) a tema “locale”…
    Sto ricevendo numerosi contatti, anche di persone molto “ferrate” nel campo delle manifestazioni a tema LEGO, forse e ripeto forse anche Trieste ne avrà una… almeno spero!
    Sto anche ricevendo proposte d’acquisto, ma, come già spiegato in forma privata ad alcuni, la questione non è semplice al momento (ci sto comunque pensando). Non ho un manuale di istruzioni, per cui dovrei prima crearlo da zero, dovrei far stampare gli stickers in maniera professionale, inoltre, recuperare la materia prima (i pezzi) non è così immediato come possa sembrare e il prezzo varia non di poco a seconda di dove la si compra…

  11. Figurati Diego… non per altro ho sempre cercato di diffondere al massimo le mie creazioni, pubblicandone in alcuni casi anche delle istruzioni.

    Riguardo la partecipazione a mostre di costruzioni Lego, pensa a una trasferta a Leini (nord di Torino) dove il prossimo aprile ci sarà la seconda edizione di una grossa manifestazione (qui quella dello scorso anno, con oltre 13.000 visitatori: https://www.facebook.com/events/1748554852044930/ )

    Tra l’altro a Torino potresti viaggiare sull’unico tram della rete urbana di Trieste -tutt’ora funzionante- che l’associazione Atts (organizzatrice della mostra Lego) ha restaurato e che nei prossimi giorni sarà di nuovo in servizio come tram storico.

    http://www.atts.to.it/it/veicoli/tram-restauro/447

    Ciao!

  12. Grazie per l’invito Luca, ma per i triestini doc è già lontano Monfalcone, figurarsi Torino e dintorni 🙂
    Sembra un paradosso che a Torino giri un tram di Trieste e, attualmente, a Trieste non ne giri neanche uno… Anzi, uno si, ma in formato LEGO e a casa mia… XD

  13. ho pensato la stessa cosa: a Torino restaurano un tram storico di Trieste e lo rimettono in funzione, a Trieste non siamo in grado di salvaguardare il nostro che pur tanto amiamo :'(

    bravi tutti comunque che ci avete fatto conoscere questo mondo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *