14 settembre 2016

Trieste xe per bici: anche coi pici

el sunto "Da febraio de sto ano go ciolto la ebike per andar in bici tuto l'ano, no solo co son in vacanza. Quindi casa-scuola-lavoro e varianti."

Continua la rubrica nata sulla scia del progetto In Salita di  Alba Zari e Sharon Ritossa.
Una fotografia istantanea della situazione ciclabile a Trieste, concentrandoci direttamente sull’esperienza di chi la bicicletta la usa quotidianamente, sfidando quel motto duro a morire e che, col tempo, vorremmo invece ribaltare.
L’obbiettivo è dimostrare che sì, Trieste xe anche per bici.

Il nostro progetto, che si appoggia all’idea di Alba e Sharon, vuole proseguire nel loro lavoro. Chi vuole partecipare e dare il proprio contributo può mandare una sua foto in bici e le sue risposte alle quattro domande a [email protected]
Vi ringraziamo in anticipo.

La testimonianza di oggi è di Eric Medvet

 

  1. Descrivi la tua bicicletta.

Go due bici, tute e due vien dala Germania, ciolte su eBay. Quela che uso per moverme in cità xe una ebike con motore centrale e cambio nel mozo, per minimizar la manutenzione necessaria (almeno questa saria l’idea…). La uso spesso per portar in giro el fio (o la fia), e quindi el segiolin xe un acessorio sempre presente. D’altra parte i fioi cressi, mi e la bici no, quindi quel anderà in cantina e la bici diventerà più figheta!

2. Da quanto tempo utilizzi la bicicletta?

De co iero picio. Al inizio se faseva solo qualche gireto in giardin, poi in Carso. Poca roba, insoma. Poi, verso i tardi venti, go iniziado a far cicloturismo, che zerco de continuar a far ogni estate, anche se el grupo originale (Diego, Marco, Riccardo, Stephane…) no xe el stesso per questioni de diverse evoluzioni dela vita. Desso tendo a far giri coi fioi e el carelin. Nel 2015 con Alice gavemo fato un 440 km da Trieste a Tarvisio (via Slovenia), zo fin a Grado per la ciclabile Alpe Adria e poi de novo a casa. Nel 2016 con Alice da Passau a Viena. I prossimi do ani porterò in giro Andrea (quel nela foto), se el farà el bravo! El tuto con tenda al seguito. L’esperienza me insegna che, come diseva Gene Wilder, “si può fare!”.
Da febraio de sto ano go ciolto la ebike per andar in bici tuto l’ano, no solo co son in vacanza. Quindi casa-scuola-lavoro e varianti. Anche in sto caso se pol far!

3. Dove ti porta la bici?

Come disevo, la go usada per el tragito casa-scuola-lavoro e ritorno. Circa 20km al giorno che con la ebike iera un piazer: l’alternativa iera el bus, che xe cocolo e rilassante, ma un poco lungo da dove stago. Andar a scola materna (Alice) o in asilo (Andrea) in bici, ghe piaseva sai a tuti e do! E anche a mi. De sto ano i anderà tuti e due ala materna e quindi sarà dificile andar in bici. Quindi farò solo casa-lavoro.

4. Trieste xe per bici?

Sì. La question xe piutosto: i triestini xe per bici? Qualchidun sì, qualchidun meno, credo mi. Certo, i “sì” no ghe servi grandi stimoli per andar za ogi in bici. I “meno”, però, va aiutadi: ga bisogno de infrastruture e incentivi. E questi no pol che vignir da chi governa la cità. Speremo ben.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *