19 luglio 2016

Bici a pedalata assistita: che figada

el sunto La bici a pedalata assistita, a Trieste, è un ottimo mezzo di trasporto per risolvere molti problemi legati alla mobilità

Ieri dovevo fare questo percorso: Piazza Perugino – Libreria Lovat – Libreria Edicolè via Fabio Severo – Pedocin – San Giuseppe della Chiusa (Ricmanje che xe più curto) – San Giacomo.

Missione: portare libri alle librerie, presentazione al Pedocin, aiutare amici con problema di insetti a Ricmanje, tornare a casa. Quindi avevo anche parecchie cose da portarmi dietro.

A disposizione: piedi, bus, auto, Arlandria (mountain bike), Marigold (bici da trekking a pedalata assisitita.

Scartate ovviamente subito le opzioni piedi e bus (troppi e troppo pesanti le robe da portare), restava l’auto e le bici.
Auto:
Pro: spostamento più veloce nell’ultimo tratto e nessun problema di trasporto del peso.
Contro: il parcheggio alla Lovat (ridade in sottofondo), il parcheggio in via Fabio Severo (ridade in sottofondo), il parcheggio al Pedocin (bon, quel basta pagar), il parcheggio a San Giacomo (de novo ridade), il traffico dell’ora di punta (nervi). (E la benzina, volendo far le spinazze).

Arlandria:
Pro: nessun problema di parcheggio, spostamento a gratis.
Contro: spostamento troppo lento nell’ultima tappa, salita di via Fabio Severo, salita di Ricmanje (dislivello 258 m), peso del trasporto con le borse a lato.

Marigold (pedalata assistita):
Pro: nessun problema di parcheggio, spostamento non del tutto a gratis ma quasi.
Contro: spostamento un bic’ più lento dell’auto. Il peso delle borse e le salite sono problemi risolti brillantemente dalla pedalata assistita.

La scelta dunque è fatta: Marigold vince.
Tempi:
Piazza Perugino-Lovat-Edicolè-Pedocin (più soste per le consegne, scale della Lovat e ciacole di rito): 30 minuti esatti.

Pedocin-Ricmanje: 29 minuti esatti.
Questa ultima tappa l’ho fatta tutta sulla ciclabile Campi Elisi + Ciclabile Cottur.
Risultato: esclusa via San Marco dove non si capisce dove finisca la ciclabile (pare in lavoro su via D’Alviano), ero costantemente fuori dalla carreggiata, mai in contatto con le auto. Più felice io, più felici gli automobilisti.
Ciclabile campi Elisi: migliorabile, più o meno come… tutto. Ma già così è una benedizione rispetto a prima.

Ritorno:
Prima di partire pensavo di tornare per via Flavia. Ma dopo aver fatto la ciclabile in su in un lampo e senza auto attorno… beh. Ritorno in ciclabile, Ricmanje-San Giacomo: 15 minuti esatti.

Direi che Trieste xe (anche) per bici.

Tag: , .

11 commenti a Bici a pedalata assistita: che figada

  1. giorgio (no events)

    ecco, quanto sopra vale più di cento commenti da “fuori campo”, grazie Diego della testimonianza diretta e di non aver contribuito a rendere l’aria irrespirabile

  2. Sara Matijacic Sara Matijacic

    ma andatura blanda? podemo dir che per i pigri xe 10 minuti in piu?

  3. pedalata assistita xe sempre andatura blanda. solo che invece te va sui 20 km/h de media senza gnanca acorgerte 😉
    se pol provarle ormai in qualsiasi negozio de bici. ghe molè la carta de identità e fe un bel giro de un’oreta. magari fin prosecco via strada del friuli, per capir la potenzialità del mezzo.
    e no poderne più far a meno 😉

  4. Fiora

    Che invidia, per bon! se un me domanderia, scusi lei cosa fa ‘ntela vita, pensando a tuto questo che xè irimediabilmente precluso, risponderia ” io rosigo” .
    Paraplegica’? irimediabilmente negata, ghe risponderia e so quel che digo! 🙁

  5. LuisaG

    orpo.. mi in bici “normal” a sudor e cadena vado sempre a 18-20 kmh de media.. fermandome a tuti i semafori.
    no me servirà la bici ‘letrica finchè no farò la “rampigada santa alora..

  6. luca

    Come LuisaG mi tengo sui 18 km/h con la mia vecchia mtb in città (così dice Strava almeno), se vuoi più velocità e meno sudore prova con una bdc.

    I modelli base spesso hanno la predisposizione su telaio per il portapacchi (oppure puoi prendere quelli appositi che non si avvitano), pesano pochissimo e vai a 30 km/h di media senza batterie e terre rare. E sono pure molto più divertenti da pedalare.

  7. In città uso sempre Arlandria (la mountain bike classica) e non la cambierei manco morto, dopo la se rabia 😛
    Il problema di questo spostamento era arrivare a San Giuseppe dalla Chiusa in un tempo decente e non sudato…
    18-20 kmh sulla Cottur in salita coi borsoni (i libri pesa…) li fa Bugno! (son rimasto indrio coi nomi dei ciclisti)
    intendevo 20 kmh de media là, el toco in città sul drito te va invece a 30kmh cola assistita senza acorgerte 😉

  8. Bubez

    savè per caso dove i le vendi e quanto le vien a costar?

  9. CIao! ormai in tutti i negozi di biciclette non solo le vendono, ma puoi anche provarle per un’ora per farti un’idea. come prezzo difficilmente scendi sotto i 1000 euro.

  10. ufo

    Ma devo dir che mi no xe che la go capida, sta qua, me gave perso per strada. Mi venio qua, me lezo serio e convinto le interviste, lezo de tuta sta zente seria e convinta che sburta l’idea dela bici in the city come che i vegetariani i sburta el tofu al gusto de sardon (pardon, alice), gente che de bici in casa ne gà due o tre o anca de più (ogniduna che la costa come un vespin de seconda man), gente che ala bici diritura la ghe dà un nome (e un indirizo IP) nianca la fussi el gato de casa, e quei cola che i monta el GPS con gughelmaps su LCD e la bateria de riserva e el panel solare per carigarla perché pol sempre nasser che i sortissi de casa e per sbaio i se ritrova a far la padrice-dakar, e quei che i va per scala santa in tel senso sbaiado e co i riva in zima ghe vanza anca de far ciau cola manina e i ga anca bastanza fià per zigar ‘dove xe el spriz che me gavè promeso?‘, e pò cora quei del ala estrema che la vera bici la xe solo quela senza scambio, che xe tuto un altra roba, che le marce le xe un trapolezo tropo moderno e no va ben…

    Devo dir che me sentivo più che un poco in sogezion lezer ste robe, mi che la bici la me servi solo che per andar far la spesa in boteghin o bever el cafe in spaceto – praticamente sul drito, per capirse, e marce mai tropo alte. Tochi più longhi solo quando che proprio me vanza tempo, e no piovi, e no sufia, e no xe tropo sol (opur co me corzo che no rivo più imbotonarme le braghe causa benesere). De andar in grandametropoliprimoportodelimpero no se parla nianca, dovessi sburtar in salita per boni tre quarti de ora prima de poterme calar per la biciclabile, e quel punto son ormai tanto sudà de no poderme presentar de nissuna parte più. Me gavevo quasi convinto de no eser a livel deguado come sburtapedai, sogeto a riscio de eser mandado via come impostore e ciolto pel fioco se me presento a una pedalada pro-qualcossa o anti-qualcossa…

    E inveze basta che me giro un momento e vien fora che drio tuto sto audace ardimento de eroico bersalier cola galina in testa ghe xe el truco, che no xe tuto sudor quel che fa rifleso, ma xe anca eletrolita de bateria che spandi! Xe come presentarse in Barcolana con un 4CV che pica zò del dadrio dela barca, anca se te ghe va spiegar che el va in moto solo co un se cala in aqua cole pine e el fa pločploč coi pìe. “Ma el xe letrico!” Sempre motor xe, ghe manca solo che el tacamaco Pinasco o Akrapović sul fiancheto, digo mi.

  11. Fiora

    chi che va a vela xe de più de chi che va a motor!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *