22 marzo 2016

Trieste xe per bici: la bicicletta fa crescere come persona e come cittadino

el sunto "Trieste xe per bici perché qualsiasi luogo è per bici! La bici è felicità e tutti hanno il diritto di essere felici."

Continua la rubrica nata sulla scia del progetto In Salita di  Alba Zari e Sharon Ritossa.
Una fotografia istantanea della situazione ciclabile a Trieste, concentrandoci direttamente sull’esperienza di chi la bicicletta la usa quotidianamente, sfidando quel motto duro a morire e che, col tempo, vorremmo invece ribaltare.
L’obbiettivo è dimostrare che sì, Trieste xe anche per bici.

Il nostro progetto, che si appoggia all’idea di Alba e Sharon, vuole proseguire nel loro lavoro.Chi vuole partecipare e dare il proprio contributo può mandare una sua foto in bici e le sue risposte alle quattro domande a [email protected]
Vi ringraziamo in anticipo.

La testimonianza di oggi è di Annalisa Vascotto.

  1. Descrivi la tua bicicletta.

Questa bicicletta è una mountain bike! È così che ho iniziato ad andare in bici (anche se prima ne avevo un altra)… su percorsi sterrati, in bosco o in montagna, dove hai bisogno di marce, cambio, ammortizzatori… Ma ora vorrei entrare nel mondo delle bici a scatto fisso, naturalmente con le dovute precauzioni. È anche per questo motivo che ho scelto di farmi fotografare sull’Ursus, tanto caro al gruppo di ciclisti che utilizzano le scatto-fisso e che ne prendono il nome, oltre ad un grande simbolo di Trieste ed un luogo originale.

2. Da quanto tempo utilizzi la bicicletta?

Ho imparato da bambina. La mia prima biciclettina aveva il manubrio blu e il sellino giallo e ricordo quando mio papà mi ha fatto andare per la prima volta giù per una discesa vicino casa e non ho avuto paura! Da quel giorno non mi sono più fermata, è stato un continuo saliscendi. Poi ho fatto molti sport di potenza, tra cui nuoto, pallanuoto, canottaggio, ma mi sono dovuta fermare anche perché mi ero rotta i legamenti della caviglia. Ho ripreso a fare sport da sola con la mountain bike, sette anni fa, e che soddisfazione!
Ultimamente un amico di vecchia data, Michele, che ha una scatto-fisso, mi ha detto “Dai guarda, ho un gruppo di amici con cui si va in bicicletta… ” e mi sono aggregata. Pian piano questa passione è cresciuta, invogliata anche dagli altri. Sono piccole cose… cambi i pedali, aggiungi due particolari e gli amici lo notano: “ma che bello, hai cambiato qualcosa… ” è divertente.

3. Dove ti porta la bici?

La bici non è solamente un mezzo di trasporto: mi porta altrove. Riesco a staccare la testa – pur restando sempre concentrati sulla strada per evitare di farsi male. Ti estranea dal mondo. Non la uso solo per spostarmi, ma anche per riflettere, per tranquillizzarmi, per liberare la mente. Inoltre, con la bici vedi tutto in modo diverso, è quasi come andare a piedi perché hai una visione lenta, ma allo stesso tempo ti muovi velocemente sulla strada. La bici mi ha insegnato la libertà e allo stesso tempo a essere presenti, presenti nella vita. Ci vuole sempre molta attenzione, ci vuole poco a sbagliare e a farsi male. Mi ha insegnato a crescere come persona e come cittadino.

4. Trieste xe per bici?

Trieste xe per bici perché qualsiasi luogo è per bici! La bici è felicità e tutti hanno il diritto di essere felici.

Tag: .

4 commenti a Trieste xe per bici: la bicicletta fa crescere come persona e come cittadino

  1. Sandro

    Complimenti Annalisa, Trieste ha un gran bisogno di persone come te!

  2. Bruno Spanghero

    Il movimento fa sparire la paura
    la trasforma in attenzione

  3. Fiora

    @3
    mi serve un prestito per comprarmi una bici.
    Per la riscossione rivolgersi ai miei eredi , perché nell’estremo tentativo d’imparare mi sarò schiantata da qualche parte.
    Chiedo cortesemente alla Redazione di bannare l’autore del post 3. co’ xe tropo xe tropo

  4. John Remada

    Nessun prestito, Maria Laura…..nel caso di diffilcoltà li prendo a chi li ha senza meritarserli,almeno finchè sono in palla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *