16 marzo 2016

Trieste xe per bici: secondo mi invece no

el sunto Questa settimana pubblichiamo la testimonianza di chi invece pensa che Trieste non sia adatta alle bici.

Continua la rubrica nata sulla scia del progetto In Salita di  Alba Zari e Sharon Ritossa.
Una fotografia istantanea della situazione ciclabile a Trieste, concentrandoci direttamente sull’esperienza di chi la bicicletta la usa quotidianamente, sfidando quel motto duro a morire e che, col tempo, vorremmo invece ribaltare.
L’obbiettivo è dimostrare che sì, Trieste xe anche per bici.

Il nostro progetto, che si appoggia all’idea di Alba e Sharon, vuole proseguire nel loro lavoro.Chi vuole partecipare e dare il proprio contributo può mandare una sua foto in bici e le sue risposte alle quattro domande a [email protected]
Vi ringraziamo in anticipo.

Oggi però andiamo controcorrente, ospitando l’opinione di chi invece non la pensa così.

La testimonianza di oggi è di Mauro Amelio.

1. Come mai no la va in bici?

Perché go provado a usarla in cità per qualche mese, go visto che la cità no xe adata a spostarse con sto mezzo.

2. La pensa che in futuro la poderà spostarse in bici per i sui spostamenti?

Probabilmente userò el bike sharing… penso che sia più che suficiente per chi vol spostarse in cità, le stazioni le sarà in posizioni bastanza utili per rivar a ragiunger ogni posto utile a piedi dopo gaverla postegiada nele stazioni.

3. Trieste xe per bici?

Solo el centro, e nianca tuto, penso che bastassi pensar a che poca gente usa la bici per recarse al’università nonostante sia tanti de lori che riva de cità per bici e i ghe xe abituai… e poi disemo la verità, per quei pochi che se vedi girar in cità in bici, saria de domandarse se i ciclisti xe adati per trieste e per el codice dela strada.

Tag: .

16 commenti a Trieste xe per bici: secondo mi invece no

  1. Fiora

    ve vojo ben, muli! 😉

  2. John Remada

    Beh…il D.D.T. dovrebbe essere una delle squadre di punta, mi sembra…..

  3. Giuseppina

    Ma la xe amico de Manlio Cociancich? 🙂

  4. Fiora

    In un libero stato ( stavo per scriver teritorio. bon che me go refà in tempo !) libere bici, ma anche liberi auti, senza imposizioni ideologiche .
    E chi che cambia pensier, sia paron de farlo coi propri criteri e tempi.

  5. Kaiokasin

    Mi son autista, ciclista, pedone, autobussista (?): importante xe che la gente circoli facilmente e possi facilmente rivar in centro, che cusì resta vivo. Però i auti ne invelena. Per mi meio no meter tropi divieti, ma far un sistema de mezzi pubblici, marciapiedi in ordine, piste ciclabili, arredo urbano, cussì che se lassi el più posibile l’auto a casa e se giri in altre maniere, meno spuzolenti.

    PS (“secondo mi INVECE no”, perchè la “C” senza pipa se legi “Z”???)

  6. giorgio (no events)

    Per la mobilità in città, è giusto e logico che ognuno usi il mezzo che più gli aggrada, ma sappia che in auto contribuirà, nel suo piccolo, a cambiare il clima del pianeta (secondo la NASA febbraio 2016 è stato il più caldo dal 1851), con i mezzi pubblici un po’ meno (vuoto o pieno un bus ci gasa uguale), mentre in bici o a piedi farà anche del bene al suo fisico.

  7. Gianni Bua

    @ 6, giogio(no events)…
    Devo ricordarte che el 35 % abbondante xe over-65 (anca mi…) . Fazo o cerco de far i mii 10.000 passi ogni giorno, ma l’orografia de Ts no aiuta nè mi nè i mii coetanei. Grazie a Dio o a chi per esso gavemo un sior servizio de autobus (pecà che i ultimi no sia a metano). No rivo, e credo tanti come mi, a pedalar sule salite de San Giovani, San luigi e via discorendo.In più,m no credo che el 99,9 %
    dei triestini abiti in Borgo Teresiano o in zona facilmente ….pedalabile. Concordo con ti,però, che certi veceti se sposta de 100 metri con auti che risali al 1900……
    Servus, Gb

  8. Fiora

    @6
    “..sappia che in auto contribuirà nel suo piccolo a cambiare il clima del pianeta” 🙁
    va a remenghis ,ah,Giorgio! dito con afeto, eh?!
    Si che so, ma no ghe penso quando che stivo cani e borse de spesa e me sento come una regineta ‘ntel mio picio cochio.
    gnanche do ani de vita…tropo nova x butarla del sfasciacaroze, per cambio de mentalità e venderla vol dir incentivar l’inquinamento. Però dele mie xe quela che in do’ ani ga fato meno chilometri de tute.
    In compenso el mio parco adidas e nike se ga amplià a scapito dele decoltè taco dodici, perché se pedalar no saverò mai, camino dieci volte de più de ani fa.

  9. giorgio (no events)

    @8 Fiora: Bon, se dito con afeto, vol dir che gò fato centro. No ve digo de butar via l’auto, gnanche mi me la sento, ma solo de pensarghe su un atimo prima de impizzar el motor.

  10. Fiora

    @9
    centrissimo orpo ,con sensi de colpa coreladi. ragion per cui te go mandà in remenghis…sempre afetuosamente parlando! 🙂

  11. Fiora

    in sella a Bianchi, Pinarello, KTV, Colnago, Ridley, lori. Su Adidas de combatimento mi.I iera una dozina rampigandose su per via del Peraraolo. Conzai grifai ,caschettai. come Templari i me pareva… mentre i ne superava tipo plebe a mi e i cagneti , una mula ga sbufà de fadiga tipo penultimo respiro.
    “Alora Trieste xè per bici?!” go butà là la frase iniziatica. soriso degnevole. Niun rispose.

  12. Sandro

    Silenzio assenso

  13. Fiora

    @12
    vardando la foto del muss a destra, de quel soriseto de biker’s compatimento vs l’umile pedonessa (cusì fazo contenta la presidenta Laureta B.) me xe vignuda un altra interpretazion…

  14. aldo

    @Fiora
    “pedonessa” per far contenta Laureta B? Guai se la te legi…il politically correct del linguaggio prevedi pedona o pedon*

  15. Fiora

    …ma el mio neologismo fa più de rider.
    Magari rivo là ove era follia sperar : che la fazi una smorfia similsoriso

  16. LuisaG

    mi pedalo co posso, camino anca, auto, coriera ecc.
    el discorso coriera.. gavemo pien de sine soto l’asfalto perchè no rimetemo i tram ? inveze de spuzolenti bus ?
    in bici el fator dominante xè la VOJA de andarghe e acetàr de DOVER far fadiga.. zerto che rampigarse per la comerciale no xè fazile ( mi no rivo ) ma se pol carigar la bici sul tram de Opcina e calarse..

    insoma, la fazo curta.. semo pigri/e

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *