7 marzo 2016

Xe va cola x. Ecco la prima Grammatica del dialetto triestino

el sunto Martedì 15 marzo alle 18 presso la libreria Lovat la presentazione della prima grammatica del dialetto triestino, a cura di Nereo Zeper

Grammatica del dialetto triestino, questa sconosciuta. Con l’esplosione dei social e l’utilizzo sempre più massiccio del dialetto anche in forma scritta, risulta sempre più evidente che utilizzarlo in maniera corretta non sia proprio una cosa per tutti. Facebook in particolare pullula di finezze tipo xe scritto con la esse, baruffoni sulle eventuali doppie esse, se la jota xe più domacia cola j o con la i e se le patate vien più bone in padela o in farsora.

Benone. Finalmente è uscito in libreria un libro che mira a far chiarezza sulle regole che stanno alla base del nostro dialetto. La firma è di Nereo Zeper, autore anche del dizionario riveduto e ampliato “Il nuovo Doria”, un tomo abbastanza fondamentale per chi vuole risolvere i propri dubbi sulla corretta grafia delle parole triestine.

La Grammatica del Dialetto Triestino, edito da BiancaeVolta, è il primo sforzo complessivo per raccogliere e ordinare la confusa materia morfologica e sintattica della parlata della città di Trieste. Primo e probabilmente unico, perché, a detta dell’autore stesso, “Chi altri sarà cussì mato de far un lavoron simile?”
Il libro si presenta proprio come un libro di grammatica, con tavole, tabelle, regole, casi, forme verbali, con il confronto con l’italiano.
L’autore non utilizza comunque un linguaggio accademico, essendo destinato a un pubblico più ampio e non limitato agli addetti ai lavori.

Quattro i capitoli della grammatica:
il primo è dedicato ad alcune notazioni fonetiche; il secondo all’ortografia; il terzo alle parti del discorso (articolo, nome, aggettivo, verbo ecc.); il quarto alle tabelle dei verbi irregolari.
In fondo, una sezione aggiuntiva del dizionario.

Il libro si trova in libreria al costo di 22 euro, oppure è acquistabile online sul sito della casa editrice.

Martedì 15 marzo, alle ore 18, si terrà la presentazione presso la libreria Lovat, in viale XX Settembre a Trieste.

Qua la pagina facebook del libro, dove quotidianamente verranno pubblicate curiosità riguardanti il dialetto.

Tag: , , .

36 commenti a Xe va cola x. Ecco la prima Grammatica del dialetto triestino

  1. aldo

    dopo sè un rebechin de bixi e faxoi

  2. Fiora

    @1
    orore! me xè vignù mal de panza senza gnanche asagiarli …i “bixi” e i “faxoi”!

  3. savevo zà che bixi xè con la x.
    xè ti che non te me credevi, tandul.

  4. ufo

    Ma per bon xe cuxxì? E coxxa xe bevi con xta pietanza, xpriz?
    Mi me par che i ne la conta solo che per inxempiarne…

  5. Fiora

    bom, se la crusca sta per darghe bon el termine “petaloso” conià de un muleto, perché no podessimo protocolar “bixi e faxoi ” (in alternativa ) per contentar el muletto ( cola dopia,inteso come testardin) Enrico Maria?!

  6. giorgio (no events)

    no stèmo insempiarse con tute ste x, che xe zà la presentazion del libro in Viale XX setembre, vizin quel cine che i fà film XXX. Mi savèvo che solo se dopera la X per la S sonora solo per la terza persona singolare presente del verbo essere e basta. Ma se volè cambiar, fèmo referendum o primarie…

  7. ufo

    Come alternativa andaxxi anca ben, ma mi no me fido, xte robe le fa presto diventar obligo e dover. Go paura che xe vinzi Coxolini dopo vien la guardia del radicio a piturarme perchè xon drio butarghe ale mule sardoni invexe che alixi… No xe xa mai, de xti tempi balordi.

  8. Fiora

    @8
    per sicureza restemo ortodoxi ,’lora! e che E.M.M. el fazi autodafè

  9. LuisaG

    in dialeto/lingua tergestina la X se usa solo per “XE'” ( verbo essere III persona singolare).

    altri inserimenti xè come scriver la K al posto de ch..

  10. LuisaG

    PS: per giusto ‘ndassi scrito ” XE’ va co la x “

  11. gianna

    @10 sarebbe come, in italiano, scrivere mà al posto di ma. O anche, che ne so: sò. O nò?

  12. Fiora

    a sto xè ghe tignimo là e là col ” volentieri” !

  13. esatto gianna, xe va senza accento.
    e cola o “cola” o “co’ la” 😉

  14. Fiora

    da no sconfonder col sostantivo “colo/a” ne l’acezion de sgaio/a, simpatico/a

  15. enrico maria milič enrico maria milič

    xè che mi non me fido ne de zeper ne de mana.
    no steme secar i bixi.

  16. aldo

    intel toco del libro se vedi biso1 e biso2 ma manca bixo3 che sè quel biologico
    e nel caso del ‘xe’ sora i scrivi ‘indicativo’ che vol dir che se trata solo de una indicazion e no che no se pol scriver sè o xè

  17. aldo

    biso2 – sergente austriaco – nassi da un comploto dei taliani per sconfonder i triestini e farghe copar i nostri sergenti per magnarseli

  18. aldo

    magnè gnochi coi bisi che fa ben – i ghe insegnava fin de fioi nele scole quei dela lega nazionale – e dopo i nostri spariva un a un, ma sti crimini contro l’umanità li ga sempre sconti

  19. Fiora

    @16
    cossa no te se fidi ne de zeper né mana. Tuti sa che se se scrivi bixi e faxoi.
    Ciapa, ala fine te me ga fato capelar !
    bom, indiferente!

  20. gianna

    @17: secondo mè quella dell’Indicativo è la frase più sensazionale che sia mai stata concepita dà un essere umano. Grazie dì esistere rido con lè lacrime

  21. Fiora

    @21
    Xe Indicativo de morbin!

  22. Elena

    E allora Nino Bixio xe l’antenato de Claudio Bisio

  23. bonalama

    ma no sarìa + giusto scriver “co la X”, ma ad esempio “ndemo coi fioi” fa pensare che si possano unire? “femo con sai poco” non si può aggregare. Penso però a “co la se alza” o a ” co el mulo se alza” laddove “co” sta per quando e non per “con” quindi l’inghippo potrebbe essere lì. aiutooooooooooooooooooooooooo, IUTEME!

  24. ft

    xe che gramatica e dialeto no sta ben insieme

    sarìa meio “catalogo di usi coerenti e consolidati”

  25. Fiora

    @23
    e l’orecio patòco,bonalama? Ara che nel dubio più de tuto iuta l’orecio. forme e asonanze asimilade nei ani fin de fioi, per qualchedun de contrabando dai noni, quando che a certi genitori ghe pareva gran segno de distinzion impararne solo el talian forbito e ghe racomandava ai veci , no impararghe el triestin che dopo a scola i farà capele coi congiuntivi e i condizionali…see! e lori capelava pezo e cussì imbastardì i ne lo imparava, el talian!
    “femo con sai poco” mi lo scriveria cola dopia ” ‘ssai poco” . una dele poche ecezioni al tasativo che dopie per triestin no va.
    E per esser sempre noi, gavemo pensà ben de scuminziar una parola radopiando sì la consonante ” s”, ma eliminando la vocale ” a”.
    vane a capir noialtri!

  26. bonalama

    grazie muli, ft: xè vero ma parlar xè una roba, scriver xè un’altra. Fiora anche mi volevo meter ssai inveze de sai, ma l’orecia no sa scrive ( la mia almeno) 🙂 Se go messo malamente i accenti no steme spelar (metaforicamente parlando, OVVIAMENTE) 😀

  27. giorgio (no events)

    …però, visto che con internet, la parola scrita xe diventada (de novo) più importante dele ciacole (cfr. scripta manent, verba volant), tuta ‘sta discussion su come se scrivi quel che se disi, xe quanto mai oportuna.
    Xe ‘ssai giuste le oservazioni de Fiora e, comunque, credo che nissun se scandalizerà se ne scampa un acènto de tropo, (xè) vero?

  28. bonalama

    @28 perfetto! e più che “vero” mi dirìa : cristal!!!!!

  29. aldo

    me par che in triestin no esisti dopie
    “ss” no xe una dopia ma un digrama – sequenza de due letere – che identifica la fricativa alveolare sorda – in talian fonema “s” ciamà “s sorda o aspra” – ma solo quando la xe in posizion intervocalica come in “cossa”

  30. desso xe tardi e go sono, ma me par che xe esatamente come te disi ti aldo.
    doman controlo se me ricordo 😉
    e se no se vedemo martedi ala lovat e ghe frizemo diretamente a zeper.
    el ga volù scriver la gramatica? e desso ghe frizemo! 😛

  31. Fiora

    Concordo! sula regola e che xè de frizerghe al glotologo 😉

  32. Dario

    “XE!” Niente accenti!

  33. Fiorenza

    @33
    jessusmaria me XE sbrissà. come go podù!

  34. gianna

    @33: infatti è ‘Imperativo’, no ‘Indicativo’, e non si concede ‘Condizionale’ (sto ancora ridendomela di gusto per @17, un grande vero). Vorrei conoscerlo, ma è meraviglioso anche solo così, immaginato. Tutto è possibile.

  35. pep

    Scusate lo spam: ho scritto un articolo in cui parlo della multa di qualche anno fa al pescivendolo che aveva scritto il nome “dialettale” delle alici, e vi parlo anche di questa prima grammatica del triestino:

    http://elpetitespolit.blogspot.com.es/2016/03/anxoves.html

    e ora vedo che in uno dei commenti Ufo ha parlato dei sardoni e delle alici! Piccolo mondo 😉

    salutacions des de Catalunya, una mica lluny de Trieste…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *