8 giugno 2015

Zoldana e le abitudini dei triestini

el sunto A Barcola, un furgone passa tra i bagnanti. La vis polemica tipica del triestino tuttavia non si attiva, restando placata dall'abitudine.

Ogi me xe vegnudo in mente Zoldana, el furgon dei gelati che passa ogni giorno in Pineta, a Barcola. E me ga fato pensar a come funziona la vis polemica dei triestini.

Zoldana ga el permesso de passar in mezo ai bagnanti. E, de quando go memoria mi, xe sempre sta cussì. I triestini xe cussì abituai che i se meti spontaneamente nei due lati dela Pineta, lato mar e lato “vardo le mule cola scusa de vardar el mar”. In mezo i lassa sistematicamete el buso, che spessissimo xe preciso al milimetro cole dimensioni del furgon.

Sì, ogni tanto xe qualche mulon che fa el viz e se meti un poco più in mezo, el fa finta che el ghe ga pestà el pie, el lo remena un poco. Però no dura mai più de 10 secondi. Ghe xe un rispeto assoluto per quela che xe un’abitudine consolidada. Ogni tanto qualchidun se domanda cossa nasessi se un no se sposta. Se Zoldana gavessi el permesso de farlo spostar o se el dovessi fermarse. Ma nissun ga mai fato pupoli, quasi incredibile visto el decantado degrado, la muleria maleducata ecc. E invece la gente xe civilissima, o molto ben abituada.

Eco, desso imaginemose una Pineta in cui no ghe sia mai stada Zoldana (no voio far pupoli eh, xe solo un’analisi del triestin, Zoldana servi per far un bon esempio). I bagnanti se metessi un poco ovunque, sparsi, i gavessi ‘ssai più spazio in più e la corsia centrale no saria mai cussì “perfeta”.
E metemo che un giorno riva Zoldana e domanda el permesso al comun per passar de là ogni giorno.
Quanti microsecondi ghe metessi el comitato anti-Zoldana a formarse e a cominciar a ingrumar firme? Quanto casin faria la gente? Quanti post apocalitici su facebook? “Cossa? No se ga mai fato!”, “Ah sì, e cossa anca al bagno devo nasar i scarighi dei furgoni?”, “No esisti, fa ombra, fa spuza!”, “E chi paga?”, “Ah sì ah, alora anche mi vegno col mio furgona vender acquascooter!”.

E invece no sucedi niente de tuto questo, perchè el triestin xe abituà, perchè xe sempre stado cussì. Anzi, podessi invece propio suceder l’oposto se un giorno el comun decidi de revocar el permesso. Perchè ghe xe una paura del cambiamento che xe praticamente insita nel dna del triestin, e va oltre el giudizio ogetivo.

Bon, mi credo che za acorzerse de sta roba pol esser un bon passo avanti.

Tag: , , .

43 commenti a Zoldana e le abitudini dei triestini

  1. aldo

    El triestin medio xe contro ogni roba nova a prescinder:
    – se X vien cambià in Y xe contro Y
    – ma dopo che se ga ‘bituà a Y, eco che Y ghe va ben e sarà contro che vegni cambià in Z
    Dunque el triestin medio xe conservator ma in fondo xe visto a sua volta come un pericoloso inovator da un altro tipo de triestin, el triestin nostalgico.
    Al triestin nostalgico no ghe va ben gnente, nè X nè Y nè Z perchè volessi ripristinar le robe come le iera tot deceni fa o tot secoli fa che quela volta sì che le robe ‘ndava ben.

  2. sfsn

    se podessi far l’esperimento: un se meti davanti a Zoldana come el tipo de piazza Tien an men davanti ai cari armati e vedemo cossa sucedi…

  3. Fiora

    ” paura del cambiamento xè insita nel dna del triestin”… altroché, al punto che me par normale pensar cussì. Tante volte me domando fra mi e mi, chissà se anche i lanfur pensa compagno de noi?
    se cambiarghe color al fil per taiar la polenta (nono contava che i la taia col fil bianco) i la taia lo stesso col fil de un altro color ?

  4. Fiora

    ..perché se per lori cambiarghe el color del fil per taiar la polenta xè indiferente , alora xè questo el meio motivo per far secession. Ognidun per sè. Lori Frìuli ( spichers taliani pronunzia cussì, mejo bituarse) coi sui fili multicolor e noialtri Venezia Giulia con Zoldana al posto suo, né più in qua né più in là.

  5. Fiora

    ma sti Zoldana i xè una dinastia, come ( la prima che me vien in amente cussì a caso) … i Asburgo? 😉

  6. Fiora

    A proposito de dna patòco. mi conosso gente che de anorum va al primo ( come, primo qual ?! primo topolino ,natural!) e fin qua bastanza normal,. Stesse persone che se conossi ,amicizie de bagno (chi ghe spiega a Gianna foresta che parliamo di spiaggia?) ciacole sempre quele…MA! dio guardi s’EL posto pel sugaman xè ocupà e ghe toca spostarse (no esagero!) de un metro!
    Giornada rovinada. Ociade de incenerir l’invasor… se dio vol che l’intruso/a o gabi scadù el tempo o rivi capir e superstizioso dei anatemi el se sposti, el /la titolare se precipita sul “suo” metro e solo dopo ch’el/la ga sistemà le sue insegne bonfochiando tra sé hic manebimus optime afronta la discesa nei fluti

  7. Gianni Bua

    @ 6…..Fiora
    Mostrusamente OT, ma ti – viste le ore dei tui posts – te cazi fora del leto le galine e te se alzi col galo canta ?? O te xe come Napoleone, che dormiva 4 ore per note ????

    Bisou, Gb

  8. gianna

    grazie ma ‘no cori spiegar’: la ‘foresta’, Vostra ospite da svariati decenni, ha imparato sin dal giorno dello sbarco in terra giuliana cosa significa la parola e soprattutto il concetto di ‘bagno’ per la triestinità di tutti i tempi. Frequentavo il Bivio di Miramare negli anni in cui ancora esisteva il terrazzetto sgarrupato della c.d. Opera Universitaria, siamo a metà anni ’70. Moltissimo è cambiato negli anni, ma mi incaponisco – anche contro ogni evidenza – ad amare questi luoghi e i suoi abitanti oltre ogni possibile dire.

  9. Maurello

    voio quel spuzolente, inquinante e fastidioso furgon de gelati trasformado in veicolo eletrico, opur fora dele bale col suo scarigo che me rovina tuto el profumo del mar.
    farò come disi sfsn… protesta pacifica stle Tienanmen!

  10. Leo

    Son perfettamente daccordo su quanto i triestini sia delle pigne in culo per ogni cambiamento che qualchedun anche solo osa propor e sul fatto che sta mentalità vadi cambiada, però su via Mazzini pedonale, go qualche perplessità anche mi…
    Via Mazzini xe acerchiada da vie pedonali o con marciapiedi ampi, quindi non ghe xe questo impellente bisogno de una via dove poder passeggiar (senza contar che ponterosso xe esteticamente più bel), de contro, le vie non pedonali più vicine xe molto trafficade e piuttosto bloccade co xe 4 ioze, quindi dirottar el trafico de via Mazzini, fatto tra l’altro de bus che se ferma ogni tot metri e de furgoni che se ferma per carico\scarico.
    Poi ok el discorso abitudine, niente de dir, ma se te fà dei test, e in questi la via xe sempre sgombra, persino el week end de nadal, dove le vie limitrofe iera un brulicar de gente, in via Mazzini ghe iera solo che sterpaglie che rodolava co la bora…
    Infine una considerazion dell’ultimo secondo:
    Se grazie alla pedonalizazion i baretti della via metti i tavolini fora, col tempo ghe ne verzi altri, qualchedun giustamente organizza serate musicali per ravvivar la clientela, la gente che abita in zona inizierà col solito triestinico lamento, a quel punto l’aministrazion comunale, invece de mandar giustamente in quel paese i residenti e lassar sfruttar a pien questo nuovo viale, farà l’ennesimo giro de vite sulla “movida selvaggia” autotarpando la logica della pedonalizazion della via.
    Insomma, a Trieste xe tante le iniziative che se podesi intraprender per abbellir e migliorar la città, anche a discapito delle abitudini, ma via Mazzini Pedonale me per fora de sto gruppo.

  11. Giulio

    Esiste la possibilità di ottenere energia dal ghiaccio. Si chiama cella di Peltier (fate la ricerca su Google per “motore a ghiaccio”). In pratica è una piastrina che sfrutta la differenza di temperatura fra le due sue superfici e genera corrente elettrica. E’ anche usata per i frigoriferi automobilistici: lì si dà corrente e la cella, sul lato verso il contenitore, genera freddo.
    Insomma si potrebbe imporre a Zoldana di sfruttare il gelato per far muovere il furgone.

  12. Fiora

    @7
    galo, galine e Napoleone me se concentra ntel dna. Nespresso what else e….do’ cagneti pisoni completa el risultato.
    ça suffit, mon cher Jean? 😉

  13. michela

    non credo ci siano complesse ragioni psicologiche tipo la paura del cambiamento, dietro l’accettazione del furgoncino di Zoltana.
    credo semplicemente che il gelato piaccia a tutti, che i bambini lo vogliano, che i grandi lo gradiscano, per cui si tollera l’odore degli scarichi e il passaggio a filo degli asciugamani.
    poi questo nome dal suono magiaro ha trovato rapida collocazione nell’immaginario triestino di matrice austrungarica, penso.
    In queste ultime tre estati, essendo vittima della legge Fornero e quindi con minore disponibilità del solito, mi sono fatta una cura di Barcola: sia Pineta che Topolini, e ho notato quanto sia vero l’attaccamento al proprio angolo di terrazza o di selciato!!! non ci si crede ma è così, io stessa mi sono trovata il luogo ottimale (felice compromesso tra vicinanza a: fermata d’autobus, baretto, fontanella) e metà delle volte mi piazzo là; cmq ho amici che vanno al primo e al secondo Topolino, e avendo necessità una volta di sigarette e l’altra volta di crema solare, sono andata ciabattando dalla mia postazione alla loro, e infallibilmente li ho trovati là dove ritengono di aver usucapito due metri quadrati di terrazza….. la gente è così, tende anche a sedere negli stessi posti sull’autobus!

  14. mi go el mio scoio personale in pineta e se xe ocupà me gira 😀

  15. gelataio

    la gelateria Zoldana si trova a Chieri in provincia d Torino e il nome viene dalla val Zoldana in provincia di Belluno. Non c’entra un cazzo con l’Ungheria.

  16. gianna

    Quindi è un’attività commerciale in franchising? Altre sedi della premiata ditta, mobili o fisse?
    Da Chieri a Trieste transitando onomasticamente per il bellunese, e anche questa è interculturalità.

  17. sfsn

    Ciò, Diego, mi go la mia città personale, ma xe circa 200.000 rompicojoni che me la ocupa…

  18. Fiora

    @15
    “no c’entra un cazzo con l’Ungheria”
    ma xè almeno dinastico? nel senso che i se trasmeti l’atività de un per de generazioni?
    mi me iera vignù in amente la defonta. vol dir che se austroungarico no ghe entra femo tipo i Savoia.
    importante ch’el gelataio qua no ne se alteri che co ste temperature se ghe scalda el piss.

  19. Fiora

    dinastico xè Bivio Inn e de Quaranta là del quarto.
    ogni ano se alterna musi de gestori novi ma almeno quei dò tien duro e ne apaga nel nostro bisogno de punti fermi.
    Cossa bambava quel mato de zò “bisogna che tutto cambi perché tutto resti uguale” ?!
    Ciapa! tuto el contrario per noi triestini . Bisonia che tuto resti uguale, altroché!

  20. dino

    Ma che dinastie! Co iero picio mi ghe iera ‘mocolo’ con la sua ape a tre riode. El faseva 50 metri ala volta e ogni volta smontata dela cabina e montava de drio. I gusti iera pochi e ‘sintetici’ ma per noi iera comunque festa!

  21. bibliotopa

    Zoldani iera tanti gelatai triestini, anche i Zampolli

  22. Fiora

    inveze de far tuti quei pupoli e perder tempo a rampigarse sul Ursus e sul Cupolon ,nol podeva far società con Zoldana…Di Finizio? el continuava a esercitar in zona poco capital e el se tirava sù un dò soldini.

  23. gianna

    anche se “non c’entra un cazzo con l’Ungheria” (espressione di rara raffinatezza) suggerisco uno sfondamento a est, dopo l’asse Chieri-Trieste tramite passante bellunese: a Budapest un gelato di tal fatta manco sanno cosa è. Falli sognare.

  24. aldo

    Vardè che tanto Zoldana el prossimo ano se trasferissi a Rio: anche a Copacabana xe un marciapie sula spiagia come a Barcola ma al posto dei scoi i ga sta sabia che se taca per tuto e no se pol far clanfe cussì un dela Banda Berimbau che ga mostrà foto de Barcola e ‘desso pareria che i meti scoi anche lori

  25. michela

    @ 15) che notiziona! e con quale stile ce la comunichi!
    non c’entrerà un beato cazzo ma ha somiglianza col nome Zoltana, questo sì ungherese sebbene derivato dal turco. ragion per cui si inserisce a meraviglia tra gli echi dell’Impero. una coincidenza felice, secondo me! e adesso tutto questo parlare di gelati mi induce a frugare nel frigo alla ricerca di un po’ di stracciatella.

  26. michela

    http://it.depositphotos.com/5509531/stock-photo-breakwater-with-concrete-blocks.html
    @ 24) spero siano scogli veri, come quelli lungo la passeggiata della Pineta e non frangiflutti artificiali come questi nella foto, orrendi, che rovinano l’estetica di qualsiasi spiaggia con quella forma a coni tronchi attaccati per la base. qualcuno è stato a Cadice? il fascino di quella lingua di terra protesa nell’Atlantico è, secondo me, piuttosto diminuito da questi utili ma brutti frangiflutti.

  27. Fiora

    @24
    ” Zoldana prossimo anno se trasferissi a Rio”, aldo? te vol veder che se concretiza la mia ipotesi de un riciclagio (ma nooo! nell’acezion de rinovamento,dei!) comerciale per l’ex gestor dela Voce dela Luna?! Un novelo Briatore el ne diventa…DiFinizio!

  28. Fiora

    nol zercava soci? meio de Zoldana chi ?! ara ghe torna giusto anche el capel de paia!

  29. giorgio (no events)

    Ma visto che ‘sto furgon porta, oltre che i gelati, pase e serenità tra i popoli, no podessìmo farghe far vasche in via mazzini?

  30. gianna

    @29: Esatto, anche perché la suddetta Via Mazzini, a dispetto della pedonalizzazione coatta, continua a rimanere desolatamente, e ben ovviamente, vuota, offrendo uno spettacolo di rimarchevole squallore urbano: conferma di una decisione dissennata e fuori da ogni ragionevole logica.
    Così il gelato transiterà direttamente dal produttore al produttore, anche perché i popoli non la popolano quella Via, e pace e serenità se le vanno a cercare altrove.

  31. Marco

    No, davvero? Ambulanti per le zone balneari? Invece di storcersi la testa con lo stereotipo “el triestin disi sempre no se pol”, non si potrebbe pensare un attimo? Immagino la risposta: “No se pol! PENSAR MAI SE DEVI!!” 😀
    Zoldana evita la seccatura di alzarsi, asciugarsi, vestirsi, vestire e asciugare i pargoli e andare da Pipolo. Ti tratta anche molto meglio. Quindi nessuno si lamenta.
    Se passassi un venderigolo campagnol col camionzin de vendita direta de patate e articiochi, inveze, alora montassi la “vis polemica”.
    Ma capisco che serva trovare una spiegazione filosofica all’impopolarità di cause sposate da Bora.la come la fallimentare chiusura ai bus di via Mazzini.
    In mancanza di idee, si ricorre ai gelati.

  32. Fiora

    quela del venderigolo che passa per Barcola Beach tra le dieci e mezogiorno me par un’idea brilantisima. Perché sto orario? perché prima toca lassar la roba a cusinarse soto el sol fin che se va via e dopo mezogiorno xè impensabile pel stesso motivo.
    Inveze in quela fassa se beca tuti quei del primo turno 7e meza dieci, i veci che va via a quell’ora e del secondo nove mezogiorno, le mame coi fioi. E per quei altri che riva dopo? impensabile per i esposti motivi climatici. Come xè el nostro assioma? volentieri, nosepòl , rangite!

  33. Fiora

    persighi e sariese diretamente rente la brandina…roba de portarghe via el lavor a Zoldana eh?! Radicio ,matavilz, pomidoro e zuchete….una man santa! quante babe ritarderia el rientro cola spesa de fruti e verdura zà fata stando distirade sul sol! basta zontarghe un brodo de bechi e una fetina e ….amore , varda che brava che è la tua molietina! ti ho prontato tuto pulito e in massimo ordine!

  34. Marco

    No gavevo considerà sto punto de vista, xe vero. I podessi meter un boteghin in pineta.
    Però mi intendevo un tipo de camionzin bisiaco che girava vizin de casa mia anni fa. El gaveva do’ altoparlanti rumorosi come un s’ciopo de canon e el anunciava la vendita de patate de campagna in comode cassete de minimo 15 chili. Go qualche dubio che la gente torni in zità de Barcola con sachi de patate de 15 kg e cassete de legno s’cenzà de 30 kg. Cossa te disi, Fiora? 😉

  35. Fiora

    ma nooo boteghin te toca ‘ndarghe ti incontro!e la branda cossa lassarla bandonada? mi vedessi ben un camionzin similZoldana che giri come el gelataio, giusto per la speseta de ogni giorno. mezo chilo de sariese ,mezo de persighi ,qualcossa se magna sul posto… zuchete verde ciaro per far boide che basta mezo chilo. Tot un chilo e mezo de roba massimo. de più, casca la comodità.
    e domani repete. Come disse Rossella O’ Hara “domani è un altro giorno!”

  36. gianna

    E Il Gelataio, appropriandosi di quanto il cinico fascinoso Rhett dichiarò a un’affranta Rossella-Scarlet replicherebbe a tutti, imperturbabile (come sanno fare non solo gli ex-austroungarici ma anche gli ex-savoiardi): “Honestly mydear I couldn’t care a damn”. Chissà se lo stesso ha capito nel profondo l’articolato sapido scambio in questo dialetto puro e duro, di inarrivabile sapidità espressiva.

  37. Marco

    Se pol considerar ma iera za el frutariol in lungomar, nol ga avù ssai successo. 🙂

  38. Fiora

    @37
    …Perché no iera ‘ncora la mania del chilometro zero. Ara che se riva un camionzin con scrito prodoti del teritorio ,agricoltura biologica e chi più ne ha più ne peti come in Ponterosso, mi la vedo ben petada.
    Bagola Zordana,bagola i vu’ e te vol che no funzi? Palerò cola mula lanfur che de Ponterosso i la ga dislocada in s.Antonio per via dei lavori. Pavento i burocrati pitosto. sicuro i meteria i bastoni tra le rode…del careto de fruta e verdura biologica km zero! 😀

  39. Fiora

    ” bisogna che tutto cambi…” Sì ma controtendenza! pedonalizar a cotimo , bici per tuti,che vadi pur remengo l’industria automobilistica ,masimamente Fiat che ga becà bori su bori e per ringraziamento el imitator de Crozza ga delocalizà…mastigando goma ‘mericana che ghe coregi anche l’acento e de ultimo guera ala grande distribuzion . Zoldana vs. Algida e frutariol col camionzin sù e zò per Barcola.
    Scherzo sì e no. Basti veder l’astuto veceto in arte “el sior zucheta” che gira de matina per i circoli e canotiere de Barcola. le babe lo speta più che un gigolò :). El spacia radicio longo e amaro pomidori verdolini e el must ste famose zuchete dele mirabilie…insulseee! acquoseeee! ma vuoi metere disi le babe,stamane alle cinque erano ancora in campo!
    Un cà …(per dirla à la façon del rafinado del post 15), cori vose ch’el veceto ale zinque dormi dela grossa,per le oto passa a ciorlo el fijo pensionà cole verdure ciolte la sera prima a prezo de stralcio in coop,netade aprosimativamente e el veceto ghe le spacia a peso de oro ale babe che no capissi gnente. Un Grande!

  40. maja

    Stessa roba al mercato a Capodistria. Te sa che scandal, quando che xe saltà fora che la “roba de orto” le venderigole la cioleva in mercato coperto a Trieste.

  41. Marco

    @40. Accade anche a Trieste.

  42. michela

    a me piacerebbe che girasse per i Topolini quel tipo di persone che girano per le spiagge di Veglia, Cherso, Lussino e sulla costa dei Velebit con un cestone di krapfen a metà pomeriggio….. è pura libidine mangiare un fragrante krapfen grondante marmellata o crema (più generosamente inserite di quanto si faccia qui) in spiaggia e sotto il solleone, mentre di solito lo si considera un cibo delle otto di mattina.
    queste sì sono piccole trasgrescion.

  43. Fiora

    Lo go visto! davanti la fontana de Barcola. De tuto to parlarne, lo go visto come trasfigurà in un’aura felliniana tipo e la nave va o Titanic.
    No di Caprio no. Iera un mulo sui trentacinque ,molto professionale che distribuiva balete assortide a un euro e 20. dieci cent meno de Pipolo o Zampolli. quatro bale, quatro e 80. nissuna convenienza a impignirse la panza, dei!. Panna 1 euro.Granite 1.20. minerale anche.
    Go leto in fianco gelateria Zoldana di… (chi se ricorda? bu!) via dei Moreri 7/c. cussì prosaico. un poco de fascino se ga disipà,ma dopo go guardà la clientela. Grandi e fioi sentadi sule banchine torno la fontana ,col suo cono multicolor ognidun. un rito frontemare. un’atmosfera gioiosa senza pretese. la magia me ga ciapà de novo… Po’ xe vignuzù zo el slavazon.Mi iero zà via. Chissà la clientela sarà scampada, magnando gelato soto la piova. speremo ch’el mulo gabi serà l’azienda prima che se ghe neghi i aparati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *