20 marzo 2015

Vademecum per gli studenti in cerca di casa a Trieste

el sunto Da oggi in poi gli studenti a Trieste avranno un pensiero in meno. E i furbetti uno in più.

Si chiama “Guida galattica per studenti univeristari. Breve viaggio nel mondo degli affitti” ed è stata presentata nei giorni scorsi presso l’Università degli Studi di Trieste dalla Lista di Sinistra in collaborazione con la FederConsumatori. L’iniziativa nasce nel novembre del 2014 proprio per tentare di sensibilizzare gli studenti sui diritti e doveri che spettano al popolo studentesco in materia di affitti.

“Dare agli studenti uno strumento per comprendere i contratti di locazione che firmano e, allo stesso tempo, fornire loro un modo efficace per informarsi sulle responsabilità dei diversi soggetti firmatari” così ha spiegato Stefano Spina della LdS. “Uno strumento che illustri i diritti, le buone pratiche da tenere. Questa è la prima edizione della guida e vorremmo ripeterla ad ottobre, nel periodo delle iscrizioni. Vogliamo che diventi una sorta di guida alla legalità”.

A dire il vero Trieste sembra un’oasi felice dal punto di vista delle segnalazioni. “In ambito nazionale la situazione è certamente diversa. In altre città, infatti, gli affitti costano molto di più, mentre nel capoluogo regionale i prezzi non sono poi così inarrivabili. Ci sono ovviamente, anche qui, situazioni di contratti non registrati, realtà dove si preferisce meno burocrazia. Di fronte a questi casi invitiamo gli studenti a segnalarci il problema”.

Come fare? “All’interno della guida, oltre ai punti chiave da seguire, è presente anche un indirizzo mail dove segnalare le situazioni spiacevoli. [email protected] si prenderà cura di informare le organizzazioni dei consumatori e le autorità preposte alla tutela dei diritti/doveri dei soggetti in causa”.

Il Presidente della FederConsumatori Angelo Dadamo è intervenuto durante la presentazione della guida. “Dobbiamo dire che le irregolarità dal punto di vista contrattuale non sono un fenomeno particolare qui a Trieste. Tuttavia ci sono state delle segnalazioni in materia”. Cosa fa la FederConsumatori quando riceve una segnalazione? “Diamo supporto anche attraverso i nostri legali. Su questo però dobbiamo essere chiari: quello che facciamo è una valutazione del problema e diamo consigli su come affrontare la situazione. Invitiamo gli studenti, nel caso ci fossero inadempienze gravi da parte dei proprietari, a denunciare il tutto alla Guardia di Finanza. Tuttavia, nel caso il procedimento dovesse arrivare in tribunale, non ci costituiamo parte civile nel processo”.

Da oggi in poi gli studenti avranno un pensiero in meno. E i furbetti uno in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *