29 gennaio 2015

Il Piccolo e i triestini, un legame inscindibile

el sunto Il Piccolo è il giornale di Trieste e dei triestini. Ecco come li segue nell'arco di tutta la loro vita.

El triestin, se sa, se informa sul Picolo.

Tuti pensa che el Picolo sia solo un giornal, ma in realtà xe molto ma molto de più, xe propio un’estension del triestin, un qualcossa che cressi con lui, dela nascita fin la veciaia, de co te magni radicio fin co te lo sburti.
E cussì, ogni età ga la sua pagina, la sua rubrica, che rapresenta l’evoluzion dela vita del triestin.

Eco qua el picio riassunto del’essenza del triestin, dime coss’te legi e te dirò in che fase te son, o viceversa:

Fase Mocoloso e Cagainbraghe: se te son dela vecia generazion, te vardavi i pupoli de”La Citadela“. Se te son ultimo model te legi Sgulp! 

Fase Muleto e Mulo legera, boba o nagana: te salti tuto e te va drito al Sport.

Fase mulon, riva i 20 anni: te scopri che prima del sport ghe xe robe tipo politica nazionale e internazionale, che, se anche magari no te trovi interessanti, te pensi che pol esser utili per ingrumar.

Fase età dela consapevoleza, riva i 30 anni: l’inserto casa mia domenicale acquista de colpo dignità. E l’oroscopo aiuta a infonder speranza a una generazion caro cogoi. E per tirarte su, te ispezioni come prima roba le Segnalazioni, in zerca de Manlio Cociancich che se lamenta del’albero furlan in piaza Unità.

Fase vecia boba, riva i 40 anni: la cronaca diventa el tuo interesse principale, ala ricerca de cossa ga combinà ogi quel’altra vecia boba de Ciano Cadena o Toio Scovaza e Ucio Ludame che l’altra sera te ga visto darse lignade incanfarai.

Fase seconda (o terza, quarta…) adolescenza, riva i 50 anni: te se domandi come mai no te gavevi mai notà che le schede dedicade ale votazioni de Miss Topolini iera cussì interessanti.

Fase nostalgica, riva i 60 anni: te cominci a capir che, tuto somà, se stava meo co se stava pezo, e le Segnalazioni brila de una nova luce. Ciò, una volta le te fazeva rider, ma desso te capissi che le disi robe VERE, GIUSTE e universalmente condivisibili de chi che ga un poco de quel che se ciama.

Fase nostalgico propositiva, riva i 70 anni: te cominci a sentir voia de far anche ti qualcossa de bel per la cità, de guidar la rivoluzion per recuperar i valori persi, te ciol la situazion in pugno e te se ativi! Insoma, te incominci a scriver anche ti su Segnalazioni.

Fase decadente, riva i 80 anni: quel che facebook xe per la muleria, per ti lo diventa inecrologi. Xe ulmo de amici ciò, figon, chissà quanti ghe ga comentà e chissà se qualchidun ghe ga messo like.

Fase sburtaradicio: la riva per tuti, co te ghe la dà. E là, finalmente, te compari ti suinecrologi da protagonista, serando cussì la rioda dela vita e fondendo la tua anima con le pagine del fedele compagno de tuti sti longhi anni.
E lui, el Piccolo, no mancherà de darte i sui Cari Saluti.

Tag: , .

24 commenti a Il Piccolo e i triestini, un legame inscindibile

  1. aldo

    Stili de letura del Piccolo che me vien in mente:
    – quei che parti dal’ultima pagina e lo legi ala riversa
    – quei che lo sfoglia ala velocità dela luce e dopo disi che no iera gnente de interessante
    – quei che ogni volta che i volta pagina i devi lassar sora l’impronta de saliva
    – quei che legi un titolo a vose alta e dopo comenta per diese minuti l’articolo senza gaverlo leto

  2. haha grande 😀
    e dopo xe anche:
    – quei che sta de drio e buta l’ocio sul tuo giornal
    – quei che se ciol un cafè in bar e lo monopoliza per 1 ora

  3. Fiora

    equamente spartidi tra quei dela fase decadente e quei dela sburtaradicio xe quei che co’ legi i necrologi (vulgo “i morti”) spara el witz arcaico come el cuco, tramandà de generazioni, fin che no me trovo a mi va tuto ben!
    i necrofili patochi se contenta de leger i morti senza comprar el Picolo. De norma sui scoi a Barcola i usa esordir cussì: la scusi co’ la ga finì la pol imprestarme un atimo el giornal che vardo i morti.
    Po’ a mo’ de dazio per farse cocoli i paga col sucitado witz,fin che no me trovo a mi…

  4. Fiora

    ciò aldo cossa te ga qualcossa contro quei (e quele 😉 ) che legi el giornal ala riversa,ti???!!!
    Anche Leonardo da Vinci fazeva…col scriveva lu’! Bon dei indiferente

  5. michela

    io sono in una fase non contemplata, e che dura ormai da due o tre anni: dopo un’occhiata random dividendo equamente la disattenzione , con sempre più debole preferenza per la sezione culturale e un ultimo barlume di interesse per le critiche ai film (ah, dove siete, Cronache del Semibuio della Cittadella? la Roberta che le scriveva era pienamente in sintonia con me) compro il giornale ormai soltanto quando ne ho bisogno per la cassetta del gatto, cioè circa tre volte la settimana, con preferenza per la domenica quando c’è il supplemento casa: più fogli per la pupù del gatto.

  6. sfsn

    orca mare, son in anticipo de bruto, mi son za ala fase nostalgica…
    Comunque volevo segnalar un altro tipo de triestin che legi el pikoljo: quel che sfoglia disperatamente le pagine centrali del giornal, quele de cronaca. Una, due, tre, quatro volte zercando come un mato qualcossa che nol trova. E su e zo una volta, e su e zo due… El riva anche a darghe un kuk ala pagina: “Istria Dalmazia Quarnero”, ma gnente de gnente, no xe.
    Dopo el se rendi conto de esser a Monfalcon.

  7. Fiora

    pei vetri nol ga rivali..Bugiarelo vs Vileda dieci a zero

  8. Fiora

    nela fase decadente quei nostri veci che no va fora de casa ogni giorno,usa farselo comprar de qualche vicin, ma preferibilmente dei fioi “cussì almeno se vedemo”.
    No sognarse de darghe un’ociada prima del comitente,eh?! El vecio lo vol fresco e intonso come una camisa ‘pena stirada. El se inacorzi imediatamente e el lo calcola un afronto. El cambia espression e senza degnarlo de un’ociada el riva ‘diritura a meterlo sul paco dei Picoli veci de anorum ch’el salva religiosamente no se sa ben perché.

  9. Fiora

    …i picoli veci nela diferenziata ,nono. I me meterà presto a mi …’ntel umido! rispondi l’aspirante sburtaradicio con quel morbìn noir che ne connnota, continuano a stivarli su una carega in canton dela cusina..

  10. giorgio (no events)

    – quei che va a Londra e domanda, in edicola dela stazion, a che ora riva el Picolo.
    – quei che “iera zà scrito uguale ieri su Repubblica” (una tempo iera sul Corriere).
    – quei che in edicola domanda “el giornal”, i ghe dà quel de Milano e dopo i protesta che no xe le segnalazioni.
    – quei che a furia de leger el giornal (de Milano) se iscrivi a forzaitalia.
    – quei che “solo per la cronaca locale”, per el resto i scolta el gazetino, inteso come G.R.regionale.

  11. Fiora

    quei che sul Picolo controla come detectives se compari i nomi de quei che gaveva dichiarà che per onorar zia morta inveze dela corona de fiori fazeva l’elargizion pro Frati de Montuza.
    quei che dichiara, cossa sul Picolo mi fazo anonimo, per ciò che no i li sgami che l’elargizion pro frati de Montuza no i la gaveva fata.

  12. aldo

    – Quei che tien el Piccolo posado sul tavolo del bar ciacolando tra de lori e se te ghe domandi:”Posso dar un’ociada un atimo?” i te rispondi:”No la vedi che lo stago legendo?”
    – Quei che in bar ga messo el cartel tipo “Dopo 20 minuti che si tiene Il Piccolo si deve leggerlo a voce alta”
    – Una volta in un bar un ga vardà la temperatura prevista e me ga dito:”Mi go el termometro fora dela finestra e ogi no xe i gradi che i ga scrito. I scrivi sempre monade”
    – Quei che no lo compra de lunedì perchè xe tropo sport e quei che lo compra solo de lunedì perchè xe tanto sport
    – Quei che mentre te lo sta legendo riva co un altro giornal del bar e i te disi:”Ghe pol forse interessar sto qua?”

  13. Fiora

    quei pur convinti che i scrivi sta roba solo per insempiar la gente, i continua a no perderse un numero e co’ xè siopero ghe manca come el zuchero o el late (ad libitum) ‘ntel capo in b.
    quei emigrai che se abona on line, ma che co’ torna in ferie lo esigi tasativamente in papìr sula tavola col chifel e spremuta dela matina.

  14. Fiora

    quei nearsburtaradicio people che se ricorda i nomi dei diretori del Piccolo come i nomi dei papi e invariabilmente concludi te vol meter co’ iera diretor Chino Alessi

  15. dimaco il discolo

    mi oltre 20 ani fa trovavo el picolo a hannover in stazion centrale. o_O

  16. michela

    io nel 1993 lo trovavo a Budapest alla rivendita di giornali dell’hotel Hilton

  17. cesca

    El Piccolo servi: per meter soto i vasi dele piante quando te le bagni; per meter soto le ciotole de gati, cani e useleti; per impacar regali de mandar via (rigorosamente solo ad amici che no parla italian, cusì no i pol leger)

  18. Fiora

    @17
    giusto! anche pei traslochi! una man santa per impacar strafanici…e ‘lora torna utile el vecio colezionista( rif. 8-9) sempreché se rivi a convinzerlo!

  19. michela

    dimenticavo un’altra funzione per cui il Piccolo è valido: appallottolato dentro le borse destrutturate, le mantiene bene in forma nelle stagioni in cui non si usano.

    (ora vediamo se qualcuno trova, in ciò, un messaggio subliminale circa le mie tendenze fasciste, naziste, antislave, antiitaliane, razziste e bacchettone).

  20. Fiora

    @19
    … tassativamente Vuitton e in subordine Prada…le borse! 😉

  21. Fiora

    ” suo marito Le fa i corni cola segretaria. firmato un amico”
    coi titoli del Picolo i usava componer…

  22. sfsn

    co se zumba le scarpe, se fa bale e se le meti dentro: el bugirdelo assorbi quasi tuto!

  23. michela

    hihihihih fiora, in effetti la speedy di Vuitton se non ci metti il Piccolo imbalonà dentro, rischia di avere un brutto aspetto quando non si usa per sei mesi, così come la sacca di Prada in canvas. Stupende le lettere anonime con i caratteri ritagliati uno per uno…. oggi cosa si usa? un sms con il numero nascosto? un account fasullo? boh!

  24. Fiora

    profumo di nostalgia nel riesumare oggetti dimenticati e svolgerli da arcaiche pagine del Piccolo per riciclarli in beneficenza o nei mercatini di Cavana o vincendo le ultime esitazioni, per rottamarli inorriditi con lo stesso rifiuto del primo giorno in cui si erano ricevuti in dono.
    Fermarsi a rileggere notizie dimenticate, nomi di defunti oggi caduti in disuso, necrologi improponibili… vestigia di una triestinità più marcata rispetto alla nostra. E con un sospiro archiviarla nella differenziata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *