10 dicembre 2014

A Gorizia convegno internazionale sull’architetto Antonio Lasciac

el sunto A Gorizia una due giorni su Antonio Lasciac con relatori internazionali, per valorizzare la figura di questo importante progettista

La figura dell’architetto goriziano Antonio Lasciac (1856-1946), per l’importanza delle opere eseguite in Egitto nel periodo a cavallo tra Otto e Novecento, assume particolare valenza per il territorio transfrontaliero di Gorizia e Nova Gorica, oggi separato da un confine amministrativo, ma che all’epoca della sua esperienza professionale rappresentava un unicum territoriale.
In questo territorio, sulle alture del Rafut, nel 1912-14 Lasciac realizzò la propria abitazione, particolarmente significativa per il linguaggio architettonico derivante dalla tradizione mamelucca, che l’architetto aveva portato nella sua città da quell’Egitto khediviale dove aveva trovato lavoro e fortuna, come testimoniano le tante opere realizzate al Cairo, ad Alessandria e sul Bosforo.

Al fine di valorizzare la figura di questo importante progettista, L’Università di Trieste e la Scuola di Dottorato in Ingegneria e Architettura, un convegno internazionale in due giornate, 10 e 11 dicembre 2014, con la partecipazione di studiosi provenienti dai paesi interessati all’opera di Lasciac: Mercedes Volait (Parigi), Bogo Zupancic (Lubiana), Breda Mihelič (Lubiana), Marjana Lutman (Lubiana), Ezio Godoli (Firenze), Bernard O’Kane (Cairo) Milvia Giacomelli (Firenze), Edino Valcovich (Trieste), Diana Barillari (Trieste), Alberto Sdegno (Trieste), Alessandra Marin (Trieste), Diego Kuzmin (Gorizia), Andrea Nerozzi (Milano).

Negli stessi giorni, presso la Biblioteca Statale Isontina, Sala Di Iorio, con inaugurazione 11 dicembre alle ore 18, la mostra ANTONIO LASCIAC – DISEGNI GORIZIANI, con l’esposizione di alcuni elaborati degli anni giovanili dell’architetto Lasciac e altri materiali custoditi negli archivi di Gorizia.

Il programma delle due giornate.

Tag: .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *