30 maggio 2014

Giro d’Italia a Trieste: cosa dirà la gente

el sunto Giro d'Italia a Trieste: le opinioni della gente comune. O fuori dal comune. Insomma, le opinioni dei vecchi triestini

giro d'italia trieste dipiazzaLavori per strada per el giro d’Italia a Trieste.
Pupoli. Casin. Trafico.
Habitat perfeto per i veci brontoloni.

– Ma vara ti ostregheta, i lavori in pien giorno i se meti far. Ara, ara là, che casin.
– Te sa sì. Quela coriera xe là de meza ora. Meza ora e un minuto desso, go contà! Ma cossa nassi?
– No te sa? I fa i lavori pe’l giro d’Italia a Trieste!
– Ma cossa, Dipiaza no li gaveva mandai a remengo un per de ani fa?
– Eh, ma i mati xe tornai, coss’te vol che te digo…
– Mi no capisso tuta sta passion per le bici. E po’ se sa, Trieste no xe una cità per le bici, xe trope erte, cossa mai i se insogna de far el giro d’Italia qua!
– Xe vero orco tron! E po’ i ciclisti no ga un poco de quel che se ciama. I passa sempre col rosso, no i te dà la precedenza, i se senti i paroni dela strada.
– Una volta no i ghe gavessi lassà. Giusto ieri go visto do sempioldi in bici che andava per via Carduci un a fianco del’altro ciacolando, pulito lori. E un auto per passarli ga ris’cià de far el tiro, se capissi po’!
– Ma vara ti sti ciclisti po’. Sì ma anca i auti no xe de meno sa, se vedi certe…
– Sì sì, certe volte pur de no spetar un atimo i te ciolessi la vita. Me ricordo un meseto fa, un lole che per passar se ga rampigà sul marciapie e robe che tira soto una signora, che la ciacolava al celulare e no la se gaveva inacorto de gnente.
– Sì ma anca ela però, la ga la testa per intrigo. Tuti sempre insempiai de sti celulari cici cioci, e dopo i se fa tirar soto come pampel!
– Eh za… gnanca ai pedoni no ghe vanza… xe tanti anca che co i speta le coriere i se meti in mezo ala strada, cussì, gnanca pe’l daur!
– Le coriere… bone quele! Solo perchè le xe grande ghe par de poder andar indove che le vol… e co le se ferma ale fermate miga che le te fa passar sa, le te tien de drio, remengo suo!
– Sì vara, saria de vietar ste coriere cussì grandi. Xe che no le trova spassio ale fermate per via che la muleria balorda parchegia le motorete indove che capita, e cussì lore no le riva far manovra po’.
-Remengo anca le motorete. Biciclete e motorete. E i tricicli anca, e no parlemo po’ dele mame cole carozine ciò, sempre tra i pie.
– Uh, le più pezo de tuti! Che par che le porti in giro un camion!
– Ah eco, propio quei mancava. Indove che ghe xe un camion de mezo, ghe xe sempre ‘ssai ma ‘ssai cinematografo.
– Tropo grandi, tropo grandi sti camion e sti auti, ostregheta! Opur sa cossa? xe le strade che xe tropo pice, saria de slargarle!
– Giusto come l’oro! Sa cossa, ghe scrivemo al Sindaco o a Segnalazioni, che poi xe compagno, che el ga de slargar le strade. Che scominzi pur subito i cantieri!
– Sì, ma no coi camion che ghe lavora però, se no sa che babilogna!
– Te ga ragion. Gnente camion. Slargar la strada, ma senza doprar camion. Ma mi fazessi anca de più. Dopo che gavemo la nostra bela strada nova, femo l’ordinanza che gnanca le coriere pol andarghe, che le xe tropo grande anca lore.
– Ben dito. E gnanca i auti, che fa tropo scandal.
– E le motorete, via anca quele!
– E le bici? No lasseremo miga che i fazi quel che i vol sula strada tuta per lori no?
– No no, cossa mai! Via bici, tricicli e mame cole carozele.
– E via anca i pedoni. Un poca de guera ghe volessi anca per lori!
– Oh là. Pensa che bel ordine che ghe saria dopo. Sta bela strada tuta granda, pacifica e silenziosa, orco tron!
– Te sa sì. Ma scolta… ma dopo cossa servissi far una strada cussì granda se nissun la usa?
– E coss’te bazili dela strada! Intanto se gavemo godù un bel cantier novo. E dopo via un altro!

Tag: , .

2 commenti a Giro d’Italia a Trieste: cosa dirà la gente

  1. sfsn

    Diego, per esser un omagio ale maldobrie, manca la frase final: ” I fa (o i disi) ste robe solo per insempiar la gente!”

  2. Fiora

    ah che cocola transc de vi patòche che te ga riprodoto, Diego!
    me iero messa in pensier con quel inizial “ostregheta” de sicura matrice veneta (…che in fondo a ben pensar ne ‘partignissi de direto, anca!) ma dopo con quei “remengo” asortidi, declinai in ogni acezion, el toco se libra sicuro come el famoso cocàl de bona memoria!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *