21 maggio 2014

Marisa, canzone popolare triestina

el sunto Marisa, canzone popolare triestina di Luciano Bronzi, in una versione completa anche con l'ultima strofa spesso dimenticata

Grazie al contributo di Davethewave, da sempre attivissimo nel setacciamento e nella diffusione delle canzoni popolari triestine, ecco la versione live di Marisa, canzone di Luciano Bronzi spesso poco conosciuta ai foresti e anche a qualche triestino. Qua potete scaricare il canzoniere completo di Davethewave.

Marisa
La conobbi una sera,
in un bar de Bariera,
le gambe a rochel,
de bassa statura,
un poca de panza,
pien de pitura.
Però lagaveva
piazzà sul davanti
do robe ve digo,
do zuche giganti.

Ma che tetone
che gaveva Marisa
sbregava i botoni
de quela camisa.
Do robe ve digo de fare paura
sicuro gaveva la nona misura!

“La bevi un bicer?”
mi ghe fazo finotto…
“Va ben” disi ela,
“bevemose un gotto”.
Do trappe, una bira,
sei uischi, tre amari,
un mezo de bianco
e sette campari…
El conto xe alto
quatordisi e sete
ma valeva la pena
per quel per de tete

Ma che tetone
che gaveva Marisa
sbregava i botoni
de quela camisa.
Do robe ve digo de fare paura
sicuro gaveva la nona misura!

Vado a casa con ela,
son tuto un sudor,
la taca a spoiarse,
son pieno de ardor.
Però senza calze,
che gambe pelose,
che muscoli ai brazi,
che mani callose…
Po’ svola parrucca,
le tete xe finte,
ghe pica do robe
che par un do s’cinche!

Ma che cojoni
che gaveva Marisa
do bale de tenis
picava ala sbrisa.
Do robe ve digo de fare paura
’na longa gaveva de nona misura!

In preda al teror
mi ghe scampo de bruto
ma pel colo el me ciapa
quel gran farabuto…
Per tera el me smaca
con tanta violenza,
mi zerco le braghe
però son za senza

La paura xe tanta…
no ghe xe una uguale…
int’el cul me lo fraca…
mancasololebale!

Ma che Mandingo
iera quel giovinoto!
Co’ un colpo de reni…
el cul me ga roto!
E ancora adesso,
per strada o per via
invece de Mario
i me ciama Maria

Tag: , , .

6 commenti a Marisa, canzone popolare triestina

  1. te par canzoni de cantar davanti i fioi? 😉

  2. ahaahah! grazie Diego!
    in effetti, xè robe de insegnarghe da quando che i xè pici… che no i gabbi brute sorprese de grandi ;P

  3. ATENZION: La strofa final xe na zonta fata in Veneto (de Lucio Bisato, me par), e no ghe entra per niente co’ la canzon de Bronzi (anzi, secondo mi rovina el bel efeto sorpresa del final, ma questa xe na mia personal opinion).

  4. ma Lucio Bisato xe + de Ciano Sariandola? 😀

  5. Fiora

    @3 concordo con ti Renè, la zonta final ris’cia de confonder le idee e meti un’ipoteca sul machismo domaco.
    In pratica el giovinoto Mario, iera xè e sarà un giovinoto prima durante e dopo.
    Mancassi altro ch’el diventi el trans Maria suo malgrado a seguito de l’ “oltragio”, ciò! 🙁

  6. Silvio

    El giovinòto Mario xè come el Chiettinon buzaronàsso, che “voleva ciavàr una putàna” (come diseva Giorgio Baffo, el grande Venesian) e inveze dei piaseri dela Mona… s’gnàchete!!!… I xè i scherzeti dela vita 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *