14 aprile 2014

Le ricette di Čibo.sì: i bleki

el sunto I bleki sono noti anche come maltagliati, una pasta fresca fatta in casa.

Se per le prossime festività pasquali avete intenzione di organizzare qualche banchetto casalingo e siete a corto di idee, allora vi consiglio caldamente una ricetta veloce e semplice, ma di grande effetto.
I bleki, noti anche come maltagliati, una pasta fresca fatta in casa.

L’idea, l’ispirazione e anche la pratica mi viene dalla maestra Vesna Gustin, riferimento per la cucina tradizionale dell’altipiano.
La preparazione è davvero immediata, anche per persone con la manualità scarsa come la mia!

E certamente farsi la pasta in casa ha un altro sapore.

Ecco gli ingredienti.

300 grammi di farina, 3 uova, un pizzico di sale e al bisogno un po’ d’acqua.
Discorso farina. Prima di tutto la qualità della farina è fondamentalr. Potete scegliere di fare delle miscele a vostro piacimento, grano tenero, duro, saraceno. Certo è che da noi si usava tradizionalmente il grano tenero.
Impastate a mano gli ingredienti, fino ad avere un impasto non troppo morbido.

IMG_2838

Ottenuto la “palla” di pasta, la facciamo riposare un poco e poi la stendiamo.
Possiamo usare la macchina per la pasta per fare una sfoglia, oppure possiamo stenderla col mattarello. Lo spessore deve essere sottile, nel senso di qualche millimetro.
Facciamo più fogli di pasta e ognuno lo tagliamo con la rotella, creando un reticolo di forme irregolari, i bleki o maltagliati, appunto.

IMG_2841

Vanno cotti in acqua salata per circa tre minuti, variabile con lo spessore della sfoglia.

Accompagnati con un ragù di salsiccia sono ottimi, oppure senza carne con un sugo di noci, burro e pangrattato.
E se ve ne avanzano potete farli asciugare all’aria o “biscottarli” leggermente in forno (50°) per pochi minuti, e quindi conservarli in un contenitore di vetro. Non si butta via nulla!

IMG_2840

Tag: , , .

7 commenti a Le ricette di Čibo.sì: i bleki

  1. sfsn

    savè che mentre che se li prepara xe tradizion cantar Blek is blek?

  2. Gianluigi Rupel

    no boni, bonissimi

  3. Bibliotopa

    se nell’impasto aggiungete un cucchiaio di olio, lo stenderete meglio! e ovviamente se ci mettete un po’0 di spinaci scottate strizzate e tagliuzzate avrete la pasta verde.

  4. Jasna

    Ma sono quelli che in certe trattorie servono come blecs cul gial? O sono degli omonimi?

  5. finalmente go riva a farli ben

  6. ufo

    Per vero noialtri fussimo come santommaso: se no zerchemo no credemo. Quando xe che te ne inviti, cussì podemo confermar o smentir?

  7. quando volè, prox occasion: l’avvicinarse del mio trentesimo anniversario 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *