16 Febbraio 2014

Trieste-Kotor in bici atto undicesimo: in Montenegro, col Montenegro

Qua le puntate precedenti

Come ben ve ricoderè dela prima puntata publicada solo do mesi fa (dopo de questa manca ancora solo una puntata, tranquili), ierimo partidi portandose drio ognidun una boza de Amaro Montenegro, perchè Massimo ne gaveva dito che in Montenegro no i lo ga, e alora gavessimo fato sicuro la figura dei veri fighi a mostrarghelo ai nativi. Un poco tipo conquistadores spagnoli coi indigeni americani. Eh sì. Notar che Massimo dopo ga tirà paco e no el xe partì, tirando fora la scusa che el gaveva de andar a far el coloquio per el dotorato a Berlino. Ma vedi ti in che monade che se perdi sta muleria. Bon, morale: aparte Italo che ga scambià la sua boza con una de slivoviz lungo la strada, tuti noi se semo portai drio più de un chilo de zavora per tuto el viagio.
E ogi finalmente rivemo in Montenegro. E se sentemo a bever la solita radler durante la solita pausa radler, in un bareto sul mar. E che fiasca i ga bela esposta, propio in prima posizion? L’amaro Montenegro, ovio. Eco, in pratica xe come se i Inca gavessi spetà Hernan Cortes con un concerto de nachere, sonandoghe “para-parà, para-parà, para-parà pà pà, figurin de merda” opur “la scoresa” in fasol bemolle (“aria” che se usava ‘ssai de quei tempi).
Ma andemo con ordine. Se sveiemo per le 7.30 che semo ancora in Croazia, nela picia camera trovada in extremis. Per una volta, gavemo anche la colazion, int’el cortil vista gati. Come che i sa goderse el sol lori, no ghe xe nissun altro.
El primo apuntamento de ogi xe coi muloni Simone e Gianluca, partidi de Trieste nei nostri stessi giorni e bagolanti fra Serbia, a veder el Guča festival, e Balcani vari. L’idea iera de becarse a Dubrovnik, ma la nostra strada passa propio di fronte al campegio dove che i xe de istanza, a Orašac. Tanto per restar in tema, i ne speta con una bela boza de Amaro Montenegro, che de matina no fa mai mal. El camping xe ‘ssai acogliente, tranquilo. E tecnologico, ghe xe anche el computer con internet a disposizion, se te servi. Comunque, quel che doveva esser giusto un saludo, se trasforma presto nela solita pausa de un’ora, e co ripartimo xe za quasi pranzo.
Pedalemo sula costa, e el panorama xe sempre qualcossa de spetacolare. Se fermemo ogni do per tre a far foto, finchè a un certo punto notemo una copia de muli che fa el bagno in una baieta. I ne fa ceno de andar zo. Sol, aqua limpidissima, profumo de mar. I xe tipo i diavoli tentatori. Una parte de noi volessi mandar a remengo bici e Montenegro e fermarse qua, in Croazia, a passar sti ultimi giorni in pien relax. Dei, andemo zo, giusto un toc e via. No dei, te sa che dopo passa ore e no rivemo più. Ala fine resistemo e andemo avanti, ma la vision de quela baieta ne resterà in testa per ‘ssai tempo. No se fermemo gnanche a Dubrovnik. La vardemo del’alto, puntando driti el confin col Montenegro. Xe quela la nostra meta.
Dopo Cavtat, la strada lassa la costa e ciapa la via del’interno. El clima xe quel dei ultimi chilometri del viagio, quando te ga la sensazion che tuto devi esser in discesa e senza ulteriori sforzi. Ma no xe cussì, i saliscendi ne perseguita e la nostra no xe propio una marcia trionfale.
Sul confin, un’auto de milanesi ne domanda se xe obligatoria la tassa ecologica. Orca, no savevimo miga de sta tassa. In pratica dei mati, prima che te vadi oltre, te taca un tacomaco sul cruscoto e te domanda diese euri. No xe obligatoria, te pol anche dirghe de no. Solo che dopo no i te fa andar oltre. Noi no femo spuze cole bici, per cui semo esenti. Chissà per cossa i usa sti schei dopo, visto che, de quanto i ne disi, i sta fazendo un disastro ecologico in Montenegro, a furia de vender tochi de costa e costruirghe robe sora.
No rivemo fin a Kotor, se fermemo prima, a Kumbor. Xe tuto bastanza turistico anche qua. E de novo femo fadiga a trovar dove dormir. L’unico posto xe sula costa, a diese metri del mar, de do veceti, ela che sa el tedesco e lui l’italian, che ga messo a novo el retro dela casa. I ne sistema su do apartamenti. La siora ne mostra tuto quel che xe. Qua gavè la cusina. Qua gavè el forneleto. Qua el frigo, usè pur. Qua xe la lavatrice, sarè carighi de roba spuzolente, lavè tuto ben me racomando. Là xe el giardin, là xe el mar. E là xe figa. Cossa? Ghe domandemo de ripeter. Figa. Propio là. Ridemo. Dei, cossa ghe ga ciapà adesso? Go capì gaver la casa full optional, ma qua me par che se va un poco oltre. Ma sì muli, figa, figa, faiga, propio là, vardè se no me credè. Vardemo. Ah, alberi de fighi. Ma podemo cior? Ciolè, ciolè, che ve fa ben! La ridi.
Andemo a far el toc, visto che gavemo el mar propio di fronte. El fondal xe basso e xe un poco tuto cragnoso. Ma come, semo a diese metri dela Croazia, e el mar xe cussì diverso? Scopriremo presto che el mar ga sto color in tute le Boche de Cataro. Verde pino grigio. Un poco malinconico. Ne torna in mente l’azuro dela baieta de prima, che ne ciamava come le sirene de Ulisse.
Trovemo un moleto, xe un pochi de muleti che se tufa. Rispetando la tradizion, femo el clanfin de rito, esportando l’endemismo. I muleti fa anche lori. Clanfe. Un atimo diverse dele nostre, ma inegabilmente clanfe. Orca ciò. Ara che qua ghe xe un caso de studiar. Forsi in passato xe za passà qualche triestin e ghe le ga imparade, va saver. O forsi le se ga evoludo spontaneamente, in risposta al livel del’aqua. Robe Darwiniane. Perchè se no te se verzi, te finissi a musada sul fondo, poco de far.
Dopo gaver messo la roba a sugar, esploremo un poco Kumbor, in zerca de dove magnar. Finimo in un localin sula riva, ‘ssai cocolo. Xe cocola anche la cameriera. El menù invece ‘ssai de meno. I ga solo pizza, par. Ghe domandemo se i ga altro. “Nema altro!”, la ne disi. Decidemo de spostarse perchè volevimo magnar qualcossa de tipico montenegrino. La zerca de convincerne: “Pizza is good!”. Ridemo. Guy esprimi el suo pensiero in triestin: “Pecà perchè iera ‘ssai bel el posto e la tipa iera propio bona”. La mula ne varda ridendo. “Did you understand?”, “Yes!”. Ben dei, figurin de damer. Ma ormai la fa parte dela clapa, cussì, dopo gaver magnà pesse de un’altra parte, tornemo là per el Pelinkovac finale. “Nema Pelinkovac!”. Bon dei, dane un Montenegro, che quel gavè sicuro.


Blog del Monon Behavior Research Department

Tag: , , .

Un commento a Trieste-Kotor in bici atto undicesimo: in Montenegro, col Montenegro

  1. Avatar Simonetta De Mattio

    Simpatici, molto simpatici, leggo molto volentieri i vostri reportage in triestin, bravi fioi, continuè.
    La prossima volta dove andè? E cossa andè a portar, el Montasio in Carnia?
    Buon viaggio!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.